Toro, quanto pesano gli acquisti? L’apporto dei volti nuovi nella corsa all’Europa

Toro, quanto pesano gli acquisti? L’apporto dei volti nuovi nella corsa all’Europa

Approfondimento / Dal Torino al Milan, fino a Fiorentina, Atalanta e Sampdoria: quale squadra ha avuto maggiori benefici dal mercato?

di Nicolò Muggianu

Per tutta l’estate i loro nomi hanno fatto sognare i tifosi ora, dopo 7 giornate dall’inizio del campionato, sono i gol e i minuti giocati a far capire al meglio le potenzialità di ognuno. Sì, stiamo parlando di loro: i nuovi acquisti. Chiacchierati, desiderati e infine acquistati: ma quanti di questi avranno rispettato le aspettative? Dal Torino al Milan, fino a Fiorentina, Atalanta e Sampdoria, saranno probabilmente queste le squadre che nel corso della stagione si giocheranno un posto in Europa League. Dopo un mercato rovente, il più caro di tutti i tempi, andiamo allora ad analizzare più da vicino l’apporto che i nuovi acquisti hanno dato alle rispettive squadre in termini di gol, assist e minuti giocati. Chi è riuscito a spostare gli equilibri?

La squadra che ha beneficiato di più dalle operazioni fatte in estate, è il Milan: su 6.930′ disputati dai giocatori rossoneri in stagione (7 partite), molto più della metà (il 67,4%) sono stati dei nuovi acquisti. Un dato quanto meno prevedibile, visto il mercato multimilionario fatto dalla compagine milanese, ma che fa ugualmente riflettere. I 10 volti nuovi giunti durante l’ultimo mercato, infatti, hanno disputato fin qui un totale di 4.672′, contro i soli 2.258′ avuti a disposizione dai giocatori già presenti lo scorso anno. In termini di minuti giocati, i più importanti sono senza dubbio gli insostituibili Bonucci, Kessié e Rodriguez, sempre titolari e in campo per tutti i 90′. In termini di gol e assist, invece, a fare la differenza sono Kalinic e Cutrone (2 gol a testa e ben 3 assist per il classe 1998), ma anche Kessié che, grazie anche ai rigori calciati, ha raccolto un bottino di 2 reti e 3 assist. Insomma un totale non indifferente: 7 gol e 14 assist arrivati da i ‘nuovi’ e che hanno contribuito in maniera importante ai 12 punti raccolti fin qui dai rossoneri.

Appaiato al Milan in classifica c’è anche il Torino. Anche granata di Mihajlovic, dopo un mercato fatto di colpi di scena, hanno visto la propria rosa rivoluzionata di 10 interpreti. A differenza dei rossoneri però, nel Torino sono ben 3 i volti nuovi ancora a secco di minuti in stagione: Bonifazi, Burdisso e Sadiq (QUI I DETTAGLI). Nel complesso la situazione è piuttosto bilanciato: a parte i titolarissimi Sirigu e N’Koulou, sempre schierati dall’inizio e mai sostituiti, ‘pesa’ nel roster granata anche M’Baye Niang, autore sin qui di 371′ in 5 presenze. Il totale vede un equilibrio tra il vecchio e il nuovo: 3.004′ dei neo-acquisti (il 43,34%), contro i 3.926′ dei ‘senatori’ con i soliti Belotti, Ljajic e Iago Falque in cima alla lista dei più utilizzati. L’apporto dato dai giocatori arrivati in estate in termini di gol e assist però è piuttosto esiguo: 1 solo gol realizzato da Niang e 1 assist fornito da Ansaldi.

LEGGI: Torino, è Ansaldi l’uomo in più: già decisivo nelle sue prime gare

Tra le principali concorrenti del Torino per un posto in Europa League ci sono poi anche Atalanta, Fiorentina e Sampdoria. La più rivoluzionata dal mercato è stata senza dubbio la ‘Viola’. Il neo-tecnico Pioli si è infatti ritrovato tra le mani una rosa completamente da ricostruire. Tra i tantissimi volti nuovi, per ora, i 12 che sono stati utilizzati hanno pesato per il 63,9% del totale (4.432′ complessivi). Nonostante i soli 7 punti guadagnati fin qui dalla Fiorentina però, l’apporto dato dalle new entries è decisivo: 6 gol e 12 assist, totali con Simeone sugli scudi con 2 reti e 2 assist forniti ai compagni. Le ultime di questa parziale classifica sono invece Atalanta e Sampdoria. I bergamaschi di Gasperini hanno avuto un sur di 1 gol e 5 assist dai nuovi acquisti, con 2.814‘ giocati (il 40,6%) sui 6.930′ disponibili, con Ilicic il giocatore più utilizzato (507′) e 1 gol e 5 assist arrivato dai 10 innesti. Discorso differente per la Sampdoria. Giampaolo sta inserendo gradualmente gli acquisti estivi: l’apporto migliore lo danno senza dubbio Zapata e Caprari, autori fin qui – rispettivamente – di 2 gol e 1 gol e 3 assist. Nonostante la partita con la Roma da recuperare, la compagine del patron Ferrero ha utilizzato i neo-acquisti per 1.172′ (solo il 28,8% del totale). L’apporto complessivo però è stato decisivo: 3 reti e 8 assist complessivi, che hanno portato punti fondamentali come quelli guadagnati contro il Milan prima della pausa. Insomma, la corsa all’Europa League è iniziata: saranno i nuovi acquisti a indirizzare i cammini delle varie squadre?

2 Commenta qui
  1. peter1 - 10 mesi fa

    Il vero acquisto azzeccato del Toro di questa stagione finora è Lyanco. Gli altri acquisti sono per il momento rimandati. La viola con Benassi e Simeone può concorrere per l’Europa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Cuneese67 - 10 mesi fa

    MA per favore ma che cosa all’Europa più che fare un campionato mediocre di piu non si può pretendere per rosa e per allenatore molto modesti. No illudiamo i tifosi

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy