Toro, Obi e quel lavoro personalizzato: obiettivo prevenire altri infortuni

Toro, Obi e quel lavoro personalizzato: obiettivo prevenire altri infortuni

Focus On / L’ex Inter sta svolgendo un lavoro personalizzato per prevenire possibili infortuni, resta da valutare il suo possibile impiego contro la Lazio

2 commenti

Un lavoro specifico, programmato dai preparatori atletici del Torino, per evitare il ricorrere di altri guai. Joel Obi ha lavorato anche ieri ha svolto una seduta personalizzata in palestra, a differenza degli altri giocatori che sono regolarmente scesi in campo al Filadelfia. Il nigeriano ha cominciato martedì un programma personalizzato: due giorni in palestra e uno sul campo per lui. Resta da capire se scenderà in campo contro la Lazio. Da considerare c’è che la settimana di allenamenti è stata più lunga del solito, visto che il Torino scenderà in campo nel posticipo di lunedì sera. In virtù di questo gli ultimi giorni sono stati sfruttati anche per lavorare in modo specifico sul tono muscolare del giocatore, che in passato è stato vittima di diversi infortuni di questo tipo. In caso di sua assenza è già pronto Acquah, che in settimana è stato più volte provato come mezzala destra.

Nella partita contro l’Atalanta Obi, comunque, è stato sostituito con Boyè per motivi tattici e non a causa di problemi fisici, con Mihajlovic che in quell’occasione ha provato ad inserire un giocatore offensivo per provare a costringere un’Atalanta che stava prendendo il sopravvento ad un atteggiamento più difensivo. L’ex Inter è tornato grande protagonista in questo avvio di stagione riuscendo a collezionare 5 presenze da titolare nelle ultime cinque partite in Serie A; il bottino parla di due assist e due gol, uno nella prima di campionato contro il Sassuolo e il secondo decisivo, nell’ultima vittoria del Torino contro il Cagliari.

Il 4-3-3 ha ridato al nigeriano nuova linfa: abile nella fase di inserimento come in quella di interdizione, in pochi giocatori della rosa granata abbinano come lui quantità a qualità. Ora l’obiettivo del Torino è quello di preservare Obi da ulteriori infortuni; i numerosi problemi fisici di natura muscolare avuti negli ultimi due anni hanno ostacolato pesantemente una carriera che avrebbe potuto regalare maggiori soddisfazioni. Gli allenamenti di oggi e domani, oltre alla rifinitura di domenica, diranno se l’ex Inter sarà pronto per la partita; le sensazioni sin qui sono positive e Obi potrebbe essere disponibile. Spetterà poi a Mihajlovic la scelta finale, che potrebbe vedere premiato anche Afriyie Acquah, che da settimane si sta allenando proficuamente senza trovare troppo spazio.

Marco Notaro

2 commenti

2 commenti

  1. antijuve - 1 settimana fa

    Vorrei fosse gia Giugno…. un agonia infinita…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. CresciutoaPaneeTORO - 1 settimana fa

      A chi lo dici…e adesso ci tocca subire l’ennesimo NON mercato di riparazione…du ball

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy