Toro, Miha riscopre la concorrenza: il tecnico ha tutta la rosa a disposizione

Toro, Miha riscopre la concorrenza: il tecnico ha tutta la rosa a disposizione

Approfondimento / Dopo un inizio di campionato tribolato, Mihajlovic ha finalmente recuperato gli infortunati: contro l’Inter tutti a disposizione del tecnico

9 commenti

Un problema che tutti gli allenatori vorrebbero avere. Stiamo parlando dell’abbondanza, ovvero quella situazione in cui un tecnico si trova con l’intera rosa a disposizione, e la fisiologica conseguenza del sorgere di diversi ballottaggi in tutte le zone del campo. Grosso modo sarà questa la situazione che si troverà tra le mani Sinisa Mihajlovic, per la prima volta in questa stagione. Da Lyanco a Belotti, fino a Obi, Acquah e Bonifazi, sono stati tanti gli infortuni che dall’esordio in campionato a questa parte hanno flagellato i giocatori del Torino, impedendo al tecnico serbo di avere tutte le carte a disposizione, in queste prime 11 gare stagionali.

Dopo aver recuperato definitivamente i lungodegenti Obi, Belotti e Acquah la scorsa settimana, infatti, nella giornata di ieri sono arrivate altre buone notizie dall’infermeria per Mihajlovic. Lyanco sembra aver smaltito completamente il problema patito al legamento del piede ed è tornato ad allenarsi in gruppo (QUI I DETTAGLI), mandando un bel segnale in vista del match di domenica a San Siro. L’unico interrogativo del tecnico, rimane ora quello legato a Kevin Bonifazi. Il difensore classe ’96, dopo aver dato forfait all’alba del match contro il Cagliari a causa di una contrattura muscolare, non è ancora tornato ad allenarsi insieme ai compagni, ma il suo definitivo recupero potrebbe arrivare già tra oggi e domani. Gli indizi arrivano direttamente dall’Under21 di Di Biagio (QUI I DETTAGLI): il ct ha infatti deciso di convocare il granata, confermando le sensazioni che erano emerse in questi giorni.

Mihajlovic, dunque avrà ora una scelta molto più ampia dal punto di vista dei singoli, e si troverà per la prima volta in questa stagione con un ‘problema’ di abbondanza. Avendo tutta la rosa a completa disposizione infatti, sorgeranno per il tecnico serbo alcuni dubbi di natura tecnico-tattica. Contro l’Inter torneranno in auge i cosiddetti ballottaggi: il modulo verso il quale sembra essere indirizzato Miha, sembrerebbe essere ancora il 4-3-3. Poco male, tutti hanno recuperato in maniera più o meno definitiva dagli infortuni e dunque Mihajlovic non ha più scuse: ora toccherà a lui pescare il jolly giusto dal mazzo.

9 commenti

9 commenti

  1. pertiga! - 2 settimane fa

    Da qui in avanti panchina per Njang e ultimi 20 minuti in campo max. Se si sveglia bene, altrimenti via in prestito e facciamo giocare Boye che corre il triplo e dribla pure meglio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. CresciutoaPaneeTORO - 2 settimane fa

    Che coincidenza strana. Da quando è fortemente in bilico(partita col cagliari) i giocatori miracolosamente hanno iniziato tutti a guarire compresi lyanco e belotti che sembrava dovessero stare fuori molti più mesi di quello che sono stati, compresi i lungo degenti perennemente infortunati (obi). Non è che la SCUSA del “non ho i giocatori che mi servono a disposizione ed è per questo che i risultati non arrivano” adesso non serve più.Va bene che per galleggiare a metà classifica i risultati non debbano essere sempre soddisfacenti, ma la cordicina l’avete tirata un po’troppo,adesso vediamo con l’inter cosa succederà.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. fabio.tesei6_565 - 2 settimane fa

    Premetto che niang non l’avrei preso, preferivo simeone o Zapata però anche liaicic l’anno scorso era un acquisto sbagliato poi invece…. Il campionato è lungo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Leojunior - 2 settimane fa

    Obi che è certamente il nostro centrocampista più forte, d’ora in poi lo centellinerei a partita iniziata per preservarlo dagli infortuni. E’ uno che puo cambiare le partite ma se lo si spreme troppo alter due partite ed è di nuovo fuori per un mese. Poi a me personalmente Valdifiori piace quindi io inizierei cosi

    Sirigu
    Ansaldi N’Kolou Lyanco (Moretti) Barreca
    Rincon (Acquah)Valdifiori Baselli
    Falque Belotti Ljaic

    Il dubbio è se Rincon può giocare mezzala, sinceramente non saprei. Mi rode troppo che siano stati spesi tutti quei soldi per Niang, che potevano senz’altro essere usati meglio, o proprio risparmiati tenendoci Benassi. Addirittura ho letto che è stato provato Ljalic mezzala…ovviamente per mettere a sinistra Niang. Il genio dopo aver fatto la cazzata di far comprare il giocatore si sta arrampicando sugli specchi per trovare un modo per farlo giocare….che disgrazia questo allenatore serbo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. prawn - 2 settimane fa

      Se fa giocare Ljacic ala dietro a Niang siamo fottuti, specialmente contro l’inter..
      Vediamo..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. pertiga! - 2 settimane fa

        Esatto, calcolando che alla fine l’unico su quella fascia a correre sarà Barreca…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. prawn - 2 settimane fa

    Beh se Lyanco e’ in forma…
    Ansaldi N’Kolou Lyanco Barreca
    Obi Baselli Rincon (o Acquah)
    Iago Gallo Ljacic

    Facile facile fare la formazione.

    Per Niang? O si da in prestito a Gennaio o si vende la davanti e poi si cerca di capire se può fare parte del progetto, niente scherzi!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. CUORE GRANATA 44 - 2 settimane fa

    Posto che il modulo 433 non è,purtroppo, la panacea delle varie disfunzioni che ci affliggono, resta il fatto che tale modulo più prudente ci mette nella condizione di “giocarcela” anche contro squadre più attrezzate evitando,quantomeno, il ruolo di “vittime a priori”. Se il “genio” dovesse decidere di ripristinare il 4231 per dimostrare che l’aver perorato l’acquisto di Niang sia stata una scelta azzeccata…beh La Società intervenga con autorevolezza anche con l’esonero! E’ vero che ad oggi Niang è un investimento in perdita ma così facendo la situazione non migliorerebbe anzi verrebbe messa a rischio l’intera stagione! Niang come alternativa\variante in corso d’opera potrà dare il suo contributo salvaguardando in parte la sua valutazione in ottica eventuale cessione. Con il procuratore che si ritrova e le ampie possibilità che oggi offre il mercato globale penso che potrebbe essere “piazzato” con una minusvalenza accettabile. Quanto ad un eventuale cambio alla guida tecnica non mi convincono i nomi che circolano, continuo a ritenere che per concludere la stagione in modo dignitoso sia sufficiente un “traghettatore” che semplicemente metta in campo la squadra con buon senso. Perché no Coppitelli? FVCG!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ALESSANDRO 69 - 2 settimane fa

      Lui ha spinto la società a comprarlo ma la società poteva anche decidere diversamente,quindi se ci sono delle responsabilità queste vanno suddivise in parti uguali.
      Quanto al tecnico: a cosa ci servirebbe un traghettatore???
      Mica rischiamo la B (il livello mediocre di questo campionato ci da una certa garanzia…), tanto vale tenere Mihailovic fino a termine contratto facendo ovviamente i dovuti bilanci e laddove fallisse gli obiettivi gli si dice arrivederci e grazie.
      Anche su Niang aspetterei prima di dire che sono soldi buttati,le doti tecniche e fisiche del giocatore non si discutono, se poi fa lo stronzo e continua su questo spartito vorrà dire che sarà stato un acquisto sbagliato, nel calcio succede anche alle grandi, guarda il Milan con Bonucci..,purtroppo come si possono fare affari tipo Zappacosta può succedere anche l’esatto opposto……FORZA TORO SEMPRE E COMUNQUE..

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy