Toro, Zaza rientra: sale il minutaggio, ma per Udine va verso la panchina

Toro, Zaza rientra: sale il minutaggio, ma per Udine va verso la panchina

Focus on / Il centravanti schierato a sorpresa contro il Portogallo: un’occasione per migliorare la propria condizione atletica, ma le scorie fisiche sono inevitabili

di Alberto Giulini,

E’ stata una scelta un po’ a sorpresa quella di Roberto Mancini, che ha deciso di buttare nella mischia dal primo minuto Simone Zaza contro il Portogallo. Nemmeno in panchina contro la Polonia, l’attaccante ex Valencia ha saputo sfruttare un’occasione inaspettata – con soli venti minuti nelle gambe nel finale di Torino-Spal, alcuni davano persino in dubbio la sua convocazione – e si è dimostrato uno dei migliori in mezzo ad una squadra protagonista di una prestazione negativa. Oggi Simone Zaza sarà nuovamente al Filadelfia dopo le fatiche con la Nazionale, proprio come Andrea Belotti e Salvatore Sirigu.

MINUTI NELLE GAMBE – Il fatto che sia stato titolare al “Da Luz” è stato una vera e propria sorpresa, dunque, dato che Belotti era stato autore di un buon finale di gara contro la Polonia e sembrava favorito per una maglia da titolare. La scelta di far giocare Zaza non può che fare piacere a Walter Mazzarri, dato che il suo giocatore ha giocato tutti e novanta i minuti. Un’ottima occasione per mettere minuti nelle gambe e migliorare una condizione fisica che, a detta del tecnico granata, non era ancora ottimale nel momento in cui l’attaccante è tornato in Italia dal Valencia.

Izzo si racconta: “Dalla morte di mio padre al Torino, ora sono felice”

GIOCATORE AFFATICATO – Un lato negativo dell’impiego per tutti e novanta i minuti di Zaza è che Mazzarri ritroverà probabilmente un giocatore affaticato. Le tossine fisiche dell’impegno saranno probabilmente più difficili da smaltire rispetto a quanto succede ad un giocatore che ha già il ritmo partita nelle gambe. Un impiego dal primo minuto ad Udine diviene quindi ancor più improbabile di quanto già fosse, considerando il buono stato di forma di Belotti e Iago Falque e il fatto che, vista la sua assenza, Mazzarri non ha potuto in questi giorni lavorare sulla convivenza tra Zaza e gli altri attaccanti. L’ex Valencia, già da oggi, avrà dunque il tempo di continuare a lavorare per trovare la migliore condizione e per affinare l’intesa con Belotti. Con l’obiettivo, nel frattempo, di rendersi protagonista a gara in corso alla Dacia Arena.

23 Commenta qui
  1. ALESSANDRO 69 - 6 giorni fa

    Scusate , ho letto tutti commenti molto interessanti e per nulla banali, tuttavia spero perdonerete la mia teoria terra terra secondo cui semplicemente c’è un allenatore competente che trascorre tutti i giorni accanto alla squadra onde per cui opererà delle scelte anche in base alle indicazioni che coglierà durante le sedute di allenamento. Lui è uno che mette gli equilibri fra i reparti avanti a tutto quindi è inutile pretendere che giochi con 3 o 4 punte, altrimenti ci tenevamo Mihailovic….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Vanni - 7 giorni fa

    Zaza e Belotti, come posizione, sono due gocce d’acqua. Oltretutto giocheranno assieme a Iago solo negli anni bisestili. Se no perché hanno schifato Ljajic? In quella posizione, con 2 punte, sarebbe stato il non ultra.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. eurotoro - 7 giorni fa

    Premesso che sogno sempre dall’inizio in campo jago zaza gallo…direi calma non c’e’ fretta!..che partano dall’inizio i piu sani e riposati visto la rosa ristretta voluta e detto che tutti sono importanti…alla lunga i piu integri e resistenti stabiliranno le gerarchie

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 6 giorni fa

      X il ct della nazionale e x la sua equipe è pronto x giocare 90′ con il Portogallo mentre x noi con l’Udinese(!!!) è stanco.
      Se non schieriamo l’artiglieria pesante con queste squadre quando diavolo lo facciamo?!?!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Vanni - 6 giorni fa

        Lo tiene buono per la giuvve. Zaza sarà felice.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. CUORE GRANATA 44 - 7 giorni fa

    Ho letto con interesse gli “spunti” in merito ad “affaticamento,tossine varie e sindrome OTS” ma da “digiuno in materia” mi limito a considerare molto terra terra che per un atleta giovane che pratica il calcio a livello professionistico queste “giustificazioni”non dovrebbero proprio esistere. Non vorrei che in tal modo si “preparasse il terreno” per giustificare la collocazione di Zaza in panca(almeno nella formazione iniziale).Se andiamo in Friuli timorosi lasciando a loro centrocampo ed iniziativa allora…Il “miles gloriosus” ha fatto i suoi danni ma anche un “miles timens”…In buona sostanza ritengo che quest’anno la Società abbia messo nelle mani di WM una “buona vettura” che non sarà una Ferrari ma che tuttavia se guidata con discernimento potrà tagliare il traguardo sperato.Quindi ad Udine per vincere e non per uno striminzito pareggino.Come già detto in altri commenti WM dimostri di essere un tecnico di livello e non solo un affidabile “mestierante”FVCG!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granata - 7 giorni fa

      D’accordo con te e ,per fortuna, c’è un protocollo medico che attesta l’esistenza o meno della sindrome OTS, per cui, NESSUNA scusante.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. user-14003131 - 7 giorni fa

    Eh va beh dai è affaticato. Bene, benissimo facciamo giocare Edera o Parigini, meglio così …

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. user-13950780 - 7 giorni fa

    granata mi trovi pienamente d’accordo sul tetto salariale! un Po meno sugli studi ovviamente penso che si possano fare tutte le ricerche del caso ma ormai il vero calcio quello fatto di emozioni ,di bandiere( giocatori intendo ) ormai è morto e sepolto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granata - 7 giorni fa

      No. Io credo che possa risorgere se si mette un tetto uguale per tutti. Gli studi hanno permesso il lavoro da casa, l’asilo in azienda, ambienti sempre più a misura d’uomo e potrei andare avanti all’infinito. Tutto è fato però per aumentare redditività e non per un attenzione maggiore verso l’uomo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. user-13950780 - 7 giorni fa

    visto che non sono molto ferrato nella materia ma esiste anche uno studio sull’operaio che guadagna 1000 € al mese e deve mantenere una famiglia? se si quali sono le conseguenze nello stile di vita e nel rapporto lavoro/famiglia?
    ovviamente granata la mia e una pura provocazione non ti offendere ma sentir parlare di affaticamento ragazzi di 25/30 anni che guadagnano una montagna di soldi ( a mio avviso ingiustificata, manco stessero salvando il mondo)mi lascia sbigottito sulla pochezza che hanno questi articoli e sul loro significato!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granata - 7 giorni fa

      Intanto grazie per la considerazione. Non mi offendo , per carità, ognuno ha il suo pensiero e tutti le loro ragioni. Si esistono studi sempre più frequenti su come aumentare la redditività dei lavoratori. Ovviamente poi l’applicazione di un metodo richiede l’investimento di risorse che non tutti sono in grado di garantire. Sulla cifra guadagnata, ti do uno spunto di riflessione. Se io ti faccio fare un business di 1000 lire tu che percentuale mi riconosci ? Credi che gli imprenditori non sappiano questo ? Personalmente credo si debba regolamentare e porre un tetto per innescare un meccanismo che è scomparso e cioè l’affezione alla maglia.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Granata - 7 giorni fa

    Esiste una sindrome riconosciuta in tutto il mondo scientifico che gli americani definiscono Ots (Over Training Syndrome). Può colpire sia il professionista che l’amatore che pratica sport. Influiscono sia stile di vita che rapporto allenamenti/tempi di recupero. Essendo molto soggettiva per alcuni può intervenire prima per altri dopo. Le conseguenze sono “gravi” per quanto concerne il rendimento ed il comportamento ( irritabilità, apatia, mal contento etc etc ). Non so cosa abbia fatto Zaza ma non bisogna tenere in conto solo una partita. Bisogna considerare la vita sportiva in toto e gli esperti lo sanno. La bibliografia è ricca di studi in questo senso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. GlennGould - 7 giorni fa

      In poche parole, Zaza e chi soffre di questa sindrome prendono i milioni dal datore di lavoro e possono non lavorare in qualunque momento, e con ragione.
      Beh, non metto in dubbio ciò che scrivi, per questo la società dovrebbe controllare meglio la condizione di un calciatore, prima di riempire di soldi uno che in qualunque momento può non fare ciò per cui è pagato.
      Grazie a Dio la mia azienda non assume calciatori.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Granata - 7 giorni fa

        Le società sono coscienti di questi aspetti e pongono sempre piu attenzione a tutto. C’è chi lo fa meglio e chi peggio e succede in tutti i campi. La tua azienda ha gli stessi problemi dimensionati diversamente. Un calciatore prende mln€ un operaio migliaia ma puo andare in mutua e magari ci va per anni. Li paga l’inps, nel calcio intervengono le assicurazioni.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Granata - 7 giorni fa

      @GlennGould io non so se Zaza abbia o memo questa problematica. Mi sono limitato a riportare un dato a livello generale. Solo un elemento in più per poter discutere su basi certe.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. user-13950780 - 7 giorni fa

    domani a lavoro anziché 8 ore filate ne farò 4 e per le altre foto che sono affaticato, vediamo se mi pagano lo stesso!!! hahahaha ma dai per favore correre correre correre!!!!!!.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. GlennGould - 7 giorni fa

    Che mestiere meraviglioso, il calcio. Si può guadagnare circa 6000 euro al giorno (netti), giocare 70 minuti e la settimana dopo potere essere affaticati.
    Straordinario.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. GlennGould - 7 giorni fa

    Affaticato? Ha giocato circa 70 minuti lunedi, e per domenica è affaticato? Ma scherzate?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Riba - 6 giorni fa

      A mio avviso è Mazzarri che è affaticato, ha speso un sacco di tossine per imparare l’inglese e adesso ha difficoltà a mettere insieme il Gallo e Zaza…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. RobyMorgan - 1 settimana fa

    Fa ben sperare però che sia stato giudicato idoneo a fare 90 minuti in una partita ufficiale della nazionale e poi contro il Portogallo.
    Propio fuori forma non era e neanche tanto in ritardo , su Mazzarri facci sognare con questi giocatori che hai la fortuna di allenare!!!
    FVCG sempre

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granata69 - 7 giorni fa

      Ti faccio notare che Mancini ha fatto giocare titolare pure Balotelli che si è allenato tutta l’estate da solo, immaginiamo tutti con quale intensità, quindi non credo faccia molto testo l’opinione di Mancini.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. GlennGould - 7 giorni fa

        Balotelli e allenamento è un po’ come dire Cassano e analisi grammaticale.

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy