Nessuno dribbla come il Toro: la qualita c’è, serve sfruttarla al meglio

Nessuno dribbla come il Toro: la qualita c’è, serve sfruttarla al meglio

La statistica / I granata sono primi per numero di dribbling tentati e riusciti. Ljajic il migliore, e Niang…

9 commenti

La tecnica individuale a questo Torino non manca: da Ljajic a Iago, passando per Baselli e Niang, fino a difensori “con i piedi buoni” come Lyanco, N’Koulou e Ansaldi. L’estro e la qualità sono tra le caratteristiche principali della rosa a disposizione di Miha: un estro, però, che molto spesso risulta estraneo al gioco della squadra, e che porta a scegliere soluzioni personali piuttosto che ipotetici schemi. Di fatto, il Torino è la squadra di Serie A ad aver tentato più dribbling e anche ad averne portati a termine positivamente il maggior numero.

Appare evidente che spesso e volentieri – quando i granata attaccano, essi si affidino alla loro qualità individuale tout court, piuttosto che ad ipotetici schemi provati in allenamento che liberino al meglio il loro estro e la loro capacità individuale. Non è un caso che la maggior parte dei gol segnati dal Torino in questa stagione siano frutto di prodezze singole, che poco hanno a che vedere col gioco di squadra vero e proprio. O meglio: appare chiaro come il Toro – anche a fronte di questi numeri – possa e debba sfruttare meglio la grande qualità che ha insita nei propri giocatori. Secondo quanto riportano le statistiche, i giocatori del Torino han tentato ben 137 dribbling in queste prime giornate di campionato, portandone a termine complessivamente ben 94: nessuno in Italia ne ha tentati così tanti, e nessuno – soprattutto – è riuscito a completarne 94 come i granata. Dal punto di vista dei singoli, il granata ad aver completato più dribbling è naturalmente Adem Ljajic (13), seguito dalla sorpresa Rincon (ben 14, di cui 12 a segno) e da Iago (7). Il più impreciso resta per ora M’Baye Niang: è vero, anche per lui sono 7 i dribbling riusciti, ma ben 10 quelli falliti.

(fonte: screenshot da whoscored.com – Dati Opta)

Dati che mettono un’altra volta in luce la grande qualità della rosa a disposizione di Mihajlovic, ma che aprono più di un interrogativo sulla natura del gioco granata – che in più di un’occasione ha dato l’impressione di essere affidato più alle “magie” dei suoi giocatori più talentuosi piuttosto che ad uno schema o da una giocata di squadra. Insomma, questo Toro ha dimostrato di avere la qualità per fare benissimo, ma deve ancora trovare un impianto di gioco che sfrutti al meglio queste caratteristiche. Toro che dribbla e fa divertire, ma per essere continui non basta saper saltare l’uomo…

9 commenti

9 commenti

  1. carlitomarinell_51 - 2 mesi fa

    quando non li fa all’indietro! comunque ho postato io il commento e mi sono preso del “gobbo di merda” da un democratico genio del mouse

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Athletic - 2 mesi fa

    Che l’attacco sia di qualità, ed uno dei migliori del campionato italiano, lo sapevamo bene, e questi numeri non fanno che confermarlo. C’è da aggiungere un dettaglio non di poco conto, che faceva notare qualche giorno fa un tifoso, parlando di Ljajic … dicendo che la maggior parte dei dribbling li fa in orizzontale, e quindi si rivelano poco efficaci … in effetti, non solo Ljajic fa dribbling in orizzontale, è un po’ il nostro tipo di gioco .. arriviamo sulla trequarti e invece di puntare la porta o il fondo, ci accentriamo per girare attorno all’area di rigore. Ovviamente è naturale che i dribbling riescano più facilmente, perchè il difensore temporeggia e non è costretto ad intervenire per forza. In parole povere, tanto fumo e poco arrosto, ed anche questo si sapeva.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. carlitomarinell_778 - 2 mesi fa

      o anche all’indietro! l ho detto io e mi sono preso pure del gobbo da un genio del mouse

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Athletic - 2 mesi fa

        Secondo me hai fatto notare una cosa giusta, molti di questi dribbling infatti non portano a nulla, a differenza di quelli che faceva Cerci ad esempio, che mettevano in difficoltà le difese avversarie. Con questo non voglio dire che siamo scarsi, ma che facciamo tanto movimento attorno all’area di rigore, ma spesso è un movimento fine a sé stesso.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Granata78 - 2 mesi fa

          hai ragione e la partita con il Verona lo ha dimostrato. A volte ho l’impressione che li davanti ci si guardi un po’ troppo allo specchio, passaggino, tocchettino, dribling fine a se stesso e poi non si conclude o quando si conclude lo si fa con superficialità. Che poi questo sia un atteggiamento di superiorità dei giocatori o una mancanze di idee di gioco che arriva dal mister e dal modulo non saprei…

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. DADO - 2 mesi fa

      MA QUANTO CONDIVIDO!!!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. DADO - 2 mesi fa

      VOLEVO CONDIVIDERE QUESTO POST, COMUNQUE ANCHE L’ALTRO CHE HO DIGITATO PER ERRORE.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. SteGranata77 - 2 mesi fa

    Vinceremo il campionato dei dribbling ahaha

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. max8155 - 2 mesi fa

      hahaha che ridere, o era una presa per il culo? ?¿?¿

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy