Torino-Udinese 2-0, la moviola: la discussione sul gol tolto a Barak è infinita

Torino-Udinese 2-0, la moviola: la discussione sul gol tolto a Barak è infinita

Moviola / Gli episodi arbitrali più discussi del 24° turno di Serie A tra Torino e Udinese

di Redazione tvvarna

Si conclude con un 2-0 ricco di emozioni e polemiche il match, valevole per la 24° giornata di Serie A, tra il Torino di Walter Mazzarri e l’Udinese di Massimo Oddo. Il direttore di gara designato per l’incontro dell’Olimpico Grande Torino era Rosario Abisso della Sezione AIA di Palermo. Il fischietto siciliano, coadiuvato rispettivamente dagli assistenti Gori e Pagliardini, con alla postazione VAR Maresca, si è reso protagonista di alcune decisioni arbitrali che hanno destato qualche polemica da parte del tecnico ospite. Andiamo ad analizzare più da vicino quanto accaduto.

La decisione più discussa del match arriva al 22′ della prima frazione: dopo una traversa colpita da Lasagna, Barak sfrutta al meglio la respinta e supera Sirigu. I giocatori dell’Udinese festeggiano, ma Abisso non fa riprendere il gioco da centrocampo: è arrivato il silent check. Dopo un lungo e approfondito colloquio con la postazione VAR del signor Maresca, il direttore di gara decide di andare a vedere di persona quanto accaduto dagli schermi disposti a bordo campo. Dopo ben 4′ di attesa Abisso alza il braccio e annulla il gol per fuorigioco: la rete Barak non è convalidata.

Una decisione che desterà più di qualche protesta da parte degli ospiti. Sfociata nella delusione di Massimo Oddo nel post-partita: “Ci hanno annullato un gol ingiustamente – ha esordito il tecnico friulano ai nostri microfoni (LEGGI QUI) -. Su questo io alzo le mani: non ho capito il motivo della scelta degli arbitri. Il fallo mi sembra proprio inesistente. Maxi Lopez era fermo. L’arbitro ha detto di aver fischiato fuorigioco, ma la palla va da un’altra parte. E’ un fuorigioco ininfluente. Alzo le mani, proprio non ho capito.” La situazione in effetti è piuttosto intricata. Analizzando le immagini si nota la posizione irregolare da parte di Maxi Lopez al momento del cross; resta però da capire quanto l’argentino influenzi il gioco. Secondo la valutazione degli arbitri, l’ex granata ha influito sull’azione con un fallo su Burdisso.

In prima battuta è chiaro che sull’assist proveniente dalla destra infatti l’attaccante bianconero si trova in fuorigioco “geografico” ma non “attivo”: il pallone che si trovava al di fuori dalla competenza di Burdisso (distante di oltre 3 metri di altezza dal giocatore e dunque impossibile da raggiungere con un intervento aereo).

TURIN, ITALY – FEBRUARY 11: Andrea Belotti (L) of Torino FC in action against Albano Bizzarri of Udinese Calcio during the Serie A match between Torino FC and Udinese Calcio at Stadio Olimpico di Torino on February 11, 2018 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

Secondo la valutazione degli arbitri, tuttavia, Burdisso viene in un certo senso rallentato e ostacolato dalla posizione irregolare di Maxi Lopez. Il blocco – a detta degli arbitri irregolare – dell’attaccante impedisce al difensore, che rimane a terra, di prendere parte allo sviluppo dell’azione, quando la palla torna in area dopo aver colpito la traversa. La scelta interpretativa è quindi stata quella di sanzionare il fuorigioco di Maxi perchè reso attivo dal fallo su Burdisso.

Restano tantissimi dubbi, comunque; innanzitutto sulla sussistenza del fallo, che non sembra così evidente, poi sul fatto che il fallo abbia davvero influito sull’azione; infine sulla giustificazione dell’utilizzo del VAR, in quanto la scelta ha implicato una valutazione discrezionale dell’arbitro – ossia il fallo – e non la revisione di un fatto completamente oggettivo. La situazione è ai limiti del regolamento e si configura come un caso di scuola. In ogni caso la rabbia di Oddo è certamente comprensibile.

Altro episodio da moviola, il corpo a corpo tra Belotti e un difensore dell’Udinese in occasione del corner da cui nasce il gol di N’Koulou. Secondo Oddo in quell’occasione “c’era stato un fallo palese di Belotti”. Ma non secondo Abisso. Il direttore di gara non ritiene il contatto abbastanza veemente tale da sanzionarlo con un fallo, in linea con il metro di giudizio adottato nel corso dei 90′. Scelta coerente.

13 Commenta qui
  1. Luke90 - 2 mesi fa

    Il gol annullato all’Udinese mi preoccupa … non so se interpretarlo come un risarcimento post Samp o un contentino per quello che accadrà domenica. Cmq a me sembrava gol…
    Detto ciò a me il VAR non dispiace. Siamo sempre lì il problema non è nella tecnologia ma nell’uso che se ne fa. La sua introduzione non penso fosse per dare credibilità agli arbitri che evidentemente l’hanno perduta nel momento in cui si è deciso di introdurre la tecnologia ma di dare credibilità ad un calcio che nel tempo ne ha persa parecchia e non fa nulla per riconquistarla.
    Come dice @Gio toglie un po’ di discrezionalità agli arbitri dovuti a differenti fattori. Chiamala VAR, moviola in campo, photo-finish … o come si vuole, la tecnologia arriva dove l’occhio umano non vede o non percepisce.
    La si usa in tantissimi sport laddove non ci deve essere spazio all’incertezza e dove dovrebbe esserci solo correttezza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Frank Toro - 2 mesi fa

    Senza il Var domenica prossima con i gobbi sarebbe sconfitta a prescindere da come giocheremo… Le porcherie grosse in questo modo si eviteranno!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. dukow79 - 2 mesi fa

      A conferma di quanto dici ti ricordo il raddoppio rubentino convalidato con “l’ausilio” del Var dopo evidente fallo su Acquah,evidente a tutti meno che all’arbitro…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. prawda - 2 mesi fa

    Utilizzato in questo modo il Var ha ben poco senso, tra l’altro non elimina gli errori ed i favoritismi e quanto accduto a Firenze a favore dei gobbi ne e’ la prova lampante. Il Var avrebbe dovuto intervenire su un palese errore dell’arbitro, rigore non dato o tuffo trasformato in rigore per fare degli esempi, invece sta diventando una interpretazione spesso cavillosa che finisce per spezzare il gioco e non si riesce nemmeno piu’ a gioire per un goal senza il timore di vederselo annullato. Sull’episodio con l’Udinese, il goal era a mio parere buono, non c’e’ fallo di Lopez ed infatti l’arbitro non ha fischiato quello ma un fuorigioco assolutamente passivo, tra l’altro non e’ vero che Burdisso non partecipi all’azione e’ quello che si oppone, senza riuscirvi, al tiro finale del friulano, mantre Maxi resta sostanzialmente sulla sua mattonella senza mai nemmeno avvicinarsi al pallone. La bellezza del calcio e’ la sua fluidita’, fermare il gioco per 4/5 minuti e’ una follia, tra l’altro spesso per prendere decisioni senza alcuna certezza; a noi e’ stato dato un goal nato da un corner che non doveva esserci per un palese fallo ed all’Udinese e’ stato annullato una rete senza una chiara ragione. Sono contento sia questa volta sia stato interpretato a nostro favore ma mi sarebbe piaciuto di piu’ vincere senza aiuti e credo che il Toro lo avrebbe potuto tranquillamente fare. Se il Var doveva eliminare gli errori e’ decisamente lontano dal farlo, se doveva restituire credibilita’ alla classe arbitrale ha chiaramente fallito ma visto gli arbitri attuali non poteva essere diversamente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. dukow79 - 2 mesi fa

    Il goal era buono. Gioco fermato 5-10 minuti per valutare sottigliezze regolamentari. Se questo non ê spezzare il ritmo di una gara non so come altro giudicarlo. Il protagonismo arbitrale sta rendendo il calcio sempre piú una farsa…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Fabio - 2 mesi fa

    Se avessero annullato un gol così al Toro, non sarei stato certamente d’accordo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Daniele abbiamo perso l'anima - 2 mesi fa

    A me il Var non piace. Utile solo se sfugge un fuorigioco palese o un cartellino rosso per scambio di persona.
    Sul resto è solo una rottura di scatole. Viene interpretato dagli arbitri su azioni poco chiare e non lo trovo giusto, tanto vale interpretare in diretta. Gioire per un gol dopo 4 minuti o incazzarsi per non averlo assegnato spezza tutto il bello del calcio. E aumentano pure le polemiche sul suo utilizzo (vedi Fiore vs Gobbi)
    Ma il futuro sembra questo: partite giocate 4-5 volte alla settimana per mangiare più soldi possibile, e Tecnologia in campo.
    Intano contro l’Udinese subito Var a nostro favore molto molto dubbio. Vorrei vederne uno del genere contro i Gobbi a nostro favore, ma il Var è tecnologia non fantascienza … :/

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. FVCG'59 - 2 mesi fa

      Mi fa enormemente piacere di non essere l’unico o uno dei pochi che vorrebbe abolire il VAR.
      Se mi può far piacere che, per una volta, è stato a favore del Toro non accetto che stia trasformando il calcio il qualcosa di diverso, dove gli attori in campo non sono più i 22 giocatori e 4 arbitri, che possono umanamente tutti sbagliare (in buona fede, mi illudo, sempre) ma uno strumento che toglie consapevolezza, credibilità e autorità agli arbitri.
      Bloccare le partite per tutto questo tempo lo trovo una follia senza senso: come dice giustamente Daniele, non sai mai se puoi esultare/incazzarti o meno per il gol, c’è qualcuno che potrebbe ricostruire l’azione (indietro fino a quando?) e dire che c’era fallo, fuorigioco, qualcosa che NESSUNO ha visto se non il VAR o chi lo gestisce da LONTANO del terreno di gioco, dal momento! Non per niente in Premier League, il campionato assolutamente migliore al mondo, non esiste neanche la moviola, altro che il VAR: perché loro vogliono continuare a giocare e vedere lo sport che si chiama FOOTBALL, calcio e non una PlayStation per pochi intimi!
      ELIMINARE IL VAR lo considero un atto intelligente, soprattutto per gli arbitri, visto poi che non ha risolto proprio un bel niente, le polemiche sono aumentate e, soprattutto, il CALCIO non ne ha guadagnato.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Gio - 2 mesi fa

        Il Var, invece, a me piace. Toglie un minimo di discrezionalità dalle mani di soggetti che forse non sono in malafede, ma di certo sono influenzati dalla carriera che arbitrare le “grandi” gli permette di fare. Ci sono ancora degli errori, ma sono umani, non dovuti al Var. Sarebbe come prendersela con il fischietto, se l’arbitro lo utilizza a sproposito. Non è il mezzo tecnico a sbagliare, il mezzo tecnico aiuta sempre. Altrimenti facciamoli urlare per fermare l’azione, invece che usare il fischietto, visto che spesso lo usano male.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Esempretoro - 2 mesi fa

          Concordo con te,[email protected],ciò che emerge dalla discussione è assolutamente fuori posto. Il VAR è un ulteriore dimostrazione di quanto servisse…ossimoro forzato,ma logico:vi rendete conto che gli episodi più discussi sono quelli nei quali gli uomini ci hanno messo più del loro? Se ne deduce che il problema non è il mezzo,ma l’uso che se ne fa.Azzardo che il campionato avrebbe già ora altro padrone se lasciato alla discrezionalità degli uomini. No,mi spiace ma non mi fido. Il protocollo è nuovo,ci vuole tempo per limarne gli spigoli. Ho fiducia,anche per le lamentele. Anzi, al primo anno pensavo peggio. Tra l’altro,non so se avete notato la riduzione drastica delle simulazioni…la differenza la fanno gli uomini. Merdasteiner,mettiti le mani in faccia quest’anno!! FVCG

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. FVCG'59 - 2 mesi fa

            Se però il problema sono gli uomini… allora usiamo un computer per fare l’arbitro, come nella PlayStation MA, per me, NON CHIAMIAMOLO PIÙ CALCIO…

            Mi piace Non mi piace
    2. prawn - 2 mesi fa

      Rallenta il gioco con tutto questo tempo perso a fare analisi a bordo campo e poi cmq sta all’interpretazione degli arbitri.. per cui non serve praticamente a niente

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Daniele abbiamo perso l'anima - 2 mesi fa

      Difficile mettere d’accordo tutti.
      Ancora più difficile farlo dopo certe decisioni col Var applicato. Ripeto, per me salvo rare e palesi eccezioni, è solo una perdita di tempo e in certe partite danneggia pure chi deve recuperare spezzando il ritmo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy