Torino-Sampdoria, Quagliarella dall’addio ai fischi dei tifosi: “Complimenti”

Torino-Sampdoria, Quagliarella dall’addio ai fischi dei tifosi: “Complimenti”

L’attaccante campano lasciò i granata tra le polemiche. E lo scorso campionato quanti fischi all’Olimpico Grande Torino…

14 commenti

Non se lo aspettava Fabio Quagliarella, e forse non se lo aspettavano nemmeno molti tifosi del Torino: essere coperto di fischi, al momento della sostituzione, all’Olimpico Grande Torino. Accadeva lo scorso 29 aprile, quando l’attaccante campano tornava per la prima volta da avversario nel capoluogo piemontese. Un addio a dir poco tribolato quello con il Torino. I tifosi granata, infatti, non gli perdonarono tutta una serie di ‘non esultanze’ che sfociarono poi in un’esagerata richiesta di scuse alla curva del Napoli in occasione di un rigore trasformato al San Paolo.

Fischi, insulti e un informale invito ad andarsene: così Quagliarella lasciò il Torino dopo un anno e mezzo ricco di soddisfazioni reciproche. Ciò che i tifosi granata non sapevano però, era il dramma personale che si celava dietro a quel gesto del giocatore. Dopo pochi mesi ecco la verità: minacce, ricatti e infine la condanna che arriva come una liberazione per quel poliziotto-stalker che per diversi anni si era finto suo amico. Una vicenda complessa e poco piacevole, che ha costretto Quagliarella e la sua famiglia ad andarsene dalla sua città natale nonchè squadra del cuore: Napoli. Dopo che questo vero e proprio dramma è venuto a galla, sono state molte le testimonianze d’affetto provenienti da tutta Italia. Non dal Torino però. I tifosi granata infatti, al ritorno al Grande Torino, riservarono all’attaccante una passerella di fischi e insulti, che sfociò in un’esclamazione ricca di rammarico e delusione del numero 27: “Complimenti!“.

TURIN, ITALY – APRIL 29: Fabio Quagliarella of UC Sampdoria in action during the Serie A match between FC Torino and UC Sampdoria at Stadio Olimpico di Torino on April 29, 2017 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

Un’unica affermazione, scuotendo la testa. Forse, dopo quanto emerso, era lecito aspettarsi di più dal punto di vista umano da quei tifosi che fino a pochi mesi prima urlavano il suo nome nell’impresa del San Mames contro l’Atletico Bilbao. La ferita però era ancora troppo fresca. Ora Quagliarella è pronto a tornare in quello stadio che non può che regalargli emozioni contrastanti. Da un lato il piacevole ricordo dei tanti gol segnati in maglia granata, dall’altro la delusione per quei fischi che forse umanamente non avrebbe meritato…

14 commenti

14 commenti

  1. bertu62 - 1 settimana fa

    Hummmm…..spesso ci si dimentica (o si fa finta, ed è peggio, perché così si diventa opportunisti, perbenisti e ipocriti…) che IL TIFO, che TIFARE è sostanzialmente una “questione” di pancia! Emozioni, sentimenti che hanno poco oppure ZERO a che fare con la testa, i ragionamenti! Quante volte NOI ci siamo immedesimati col calciatore? SEMPRE! Quando va’ in takle, quanto marca un avversario, quando effettua un cross, un passaggio, un assist! E poi….IL GOL!! Quante volte avremmo voluto essere NOI a calciare il pallone in rete? SEMPRE! Ed esultare! Gridare, dare sfogo NON ALLA RABBIA ma alla gioia, aal felicità per aver realizzato un capolavoro, un coronamento PERFETTO di tutta una serie di cose che vanno dagli allenamenti alla palestra alle sedute di tattica alla fatica delle partita alle botte che si danno e si prendono nelle partita fino al passaggio decisivo ed alla rete, AL GOL!!!
    Q

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. bertu62 - 1 settimana fa

      Maledetto IPhone!!!
      Termino dicendo che
      Quindi caro Quaglia, per un tifoso che ESULTA pur non compiendo materialmente il gesto tecnico più bello per un calciatore cioè il gol, vedere il calciatore in oggetto che fa gol E NON ESULTA è come essere presi a schiaffi in piena volto mentre ti aspetti baci e carezze! E lo sai……quindi niente falsi moralismi, falso perbenismo, falsità in generale: ti sei beccato i fischi e continuerai a beccarteli perché LI MERITI. Punto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Forvecuor87 - 1 settimana fa

    Onestamente per quello che ha fatto quagliarella al Toro può fare quello che vuole chi se ne frega.
    Non esultare un derby dopo un gol e come ammazzare una persona poi dire che ti dispiace.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. BACIGALUPO1967 - 1 settimana fa

    Va ignorato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. RM74 - 1 settimana fa

    Un giocatore del Toro che segna in un derby e non esulta merita solo di andarsene, lo stalking in questo non c’entra nulla. Tralasciando gli abbracci ai gobbi dopo il 4 – 0 in Coppa Italia. Fu un errore riprenderlo.
    Se dovesse segnare domenica verificheremo la sua gobbaggine.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. FVCG-70 - 1 settimana fa

      Spero di no ma non ho dubbi: esulterà come un pazzo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ddavide69 - 1 settimana fa

        Come esulterà …? ….Perchè dovrebbe segnare ????

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Alberto Fava - 1 settimana fa

          Concordo, perché dovrebbe segnare ?

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. FVCG-70 - 1 settimana fa

    Rispetto per quanto ha passato da un punto di vista umano (e quindi passino le “scuse” dopo il rigore a Napoli).

    Da un punto di vista sportive non gli perdonerò mai la non esultanza per il derby che con il suo goal ci ha fatto vincere dopo 20 anni e le risate e le pacche sulle spalle con i suoi amici gobbi dopo aver preso 4 pere al gobbodromo.

    Un solo coro: “Gobbo di m., sei solo un gobbo di m.”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. granata70 - 1 settimana fa

    È un serio professionista e persona per bene. Possiamo non dare affetto ma il rispetto è d’obbligo. E sinceramente mi è sempre piaciuto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Akatoro - 1 settimana fa

      Condivido a pieno, e visto il dramma umano, durato anni, e visto che comunque l’impegno era sempre massimo, avrebbe meritato un applauso non fischi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Lentini71 - 1 settimana fa

        Secondo me non si meritava I fischi, lui contro le sue ex squadre non ha mai esultato, a parte la fiorentina che era ancora florentia….

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. abc - 1 settimana fa

          ma voi seguite il toro da due giorni o avete la memoria labile? quagliarella ha esultato sempre alla grande contro di noi!!! vai a vederti la SUA doppietta in udinese torino (2-0) del 2008. ha esultato anche sul 2 a 0……

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Lentini71 - 1 settimana fa

            Seguo il Toro da 40 anni, ma sull udinese hai ragione, mi era sfuggita la sua esultanza….nel 2008 esultava ancora, poi ha cambiato atteggiamento verso le ex….

            Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy