Torino: Miha non chiude ad un cambio di modulo. Ma dopo la sosta

Torino: Miha non chiude ad un cambio di modulo. Ma dopo la sosta

Post-conferenza / Il tecnico ritiene di dover recuperare pedine come Acquah e Obi per pensare di passare ad un centrocampo a tre

di Gualtiero Lasala,

La partita contro la Fiorentina è sempre più imminente: alle ore 20:45 le due squadre si sfideranno sul campo dello stadio “Artemio Franchi”, in una gara importante per entrambi gli schieramenti. Mihajlovic ha presentato ieri questo match infrasettimanale, e oltre alle questioni legate strettamente alla Fiorentina, si è soffermato su una domanda che ormai ricorre da diverso tempo: il cambio di modulo si può fare o il serbo continuerà con la sua filosofia di gioco legata al sistema 4-2-3-1? Una risposta è arrivata dal diretto interessato che, incalzato, non ha chiuso ad un possibile cambio: ma di certo c’è il fatto che questo cambiamento non potrà arrivare nell’immediato.

LEGGI: Mihajlovic pre Fiorentina-Torino: “Situazione delicata, ne usciremo. Belotti già col Cagliari”

Per quanto riguarda le tempistiche legate ad un possibile cambio di modulo, bisogna necessariamente fare riferimento ancora alle parole dello stesso Sinisa Mihajlovic, che ha affermato che una variazione sul modulo si potrà fare eventualmente quando tutti i giocatori infortunati saranno tornati a disposizione, in modo tale da mettere al centro di questo cambiamento gli uomini protagonisti di questo Torino, in primis il Gallo Belotti, che dovrà integrarsi lentamente dopo l’infortunio rimediato al suo ginocchio. Ma soprattutto i centrocampisti Acquah (appena rientrato, ma ancora non al meglio) e Obi (incappato il 10 settembre nel suo ennesimo problema muscolare). Proprio per questo è possibile presumere che Mihajlovic potrà seriamente pensare e lavorare ad un cambio di modulo dopo la pausa per le Nazionali, ovvero dopo il match contro l’Inter a San Siro – che potrebbe fornire informazioni importanti al tecnico granata.

Un cambio di modulo prima della sosta, salvo sorprese, è quindi da ritenere improbabile: le soluzioni potrebbero esserci – dal cambio di posizione di Niang al centrocampo a 3 uomini – ma queste non convincono a pieno Mihajlovic, che vuole aspettare. Ciò che è sicuro è che la difesa non dovrebbe subire variazioni: dopo le difficoltà avute l’anno scorso, il reparto arretrato ha trovato alcune certezze che non possono essere messe in discussione. Quindi le opzioni si spostano necessariamente su centrocampo e attacco: l’idea di ridurre il numero di attaccanti non è da considerarsi assurda, anzi. Ma questa opzione obbligherebbe a tenere fuori un attaccante tra Iago Falque e Niang, considerando inamovibili Belotti e Ljajic.

L’idea che più potrebbe prendere piede, quindi, sarebbe quella del 4-3-1-2, con il tandem d’attacco formato da Belotti e Niang, con Iago Falque pronto a subentrare e fare una sorta di staffetta con il giocatore franco-senegalese. Questa, come si diceva, potrebbe essere l’opzione più plausibile, ma non è scontato che Mihajlovic riservi alcune sorprese.
12 Commenta qui
  1. Spygor - 8 mesi fa

    Vorrei fare presente al fenomeno che sta seduto sulla panchina del Toro,che il calendario,non è proprio a favore e che i punti che dovevamo fare inizialmente sulla carta,non sono stati acquisiti.Lasciamo stare errori arbitrali o quant’altro,che rigurdano tutte le squadre nel bene e nel male e preoccupiamoci del calendario che dobbiamo affrontare,ricordo che a parte due partite possibili(lo erano anche Verona e Crotone)con il Cagliari e il Chievo,ci toccherà affrontare le seguenti squadre:Inter,Napoli,Atalanta,Lazio,prima di arrivare al turno con la Spal,cosa pensa di fare il mister,sperando sempre di avere i giocatori infortunati recuperati e efficenti,giacchè non essendo macchine,si può contare su di loro e essere ottimisti nelle capacità tecniche dimostrate,ma dove non vi è nessuna certezza matematica,sul recupero all 100% ad’ alti livelli,prima degli infortuni.Lyanco Belotti e Ansaldi,faranno la differenza,quando ritorneranno sul campo,speriamo,ma ci vuole qualcosa in più caro Mister,perchè purtroppo le parole e le urla,esprimendo concetti a volte incomprensibili,non portano più punti…Usare la testa e accettare anche di cambiare le proprie idee a percorso iniziato è indice di maturità,la testardaggine continua,non pagherà,se non sulle spalle dei tifosi che sono già arrabbiati,dopo 10 giornate di campionato.Meditare mister,meditare….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. MarchigianoGranata - 8 mesi fa

      Miha continua imperterrito con moduli e formazioni ad minchiam. Non è che per caso sta cercando l’esonero???

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. MarchigianoGranata - 8 mesi fa

    Mister sei proprio un gran motivatore. Dai proprio a tutti la voglia e la carica di dare il massimo, soprattutto alle riserve.
    Parla e sputtana di meno e lavora di più.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. LeoJunior - 8 mesi fa

    Su tutto si puo’ discutere ma a me UNA cosa non torna affatto. Una delle motivazioni piu’ forti a sostegno dell’acquisto (costoso) di Niang era quella che avrebbe dovuto fare il vice Belotti in caso di assenza. Adesso scopriamo che cosi’ non e’? Ma allora i conti non tornano e nemmeno le scelte fatte. Perche’ se cosi’ fosse, non era meglio investire in un buon esterno VERO (es. Laxale) e con la differenza andare a prendere un bravo giovane come vice Gallo e un centrocampista (anche Donsah).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. prawn - 8 mesi fa

      Vero, mi ricordo quei ‘proclami’, poi ha cambiato idea.

      Secondo me se Niang gioca punta e’ troppo sotto ‘la lente’, ancora piu’ fischi, stesso numero di goals.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Filadelfia - 8 mesi fa

    Dopo la sosta l’augurio che faccio al mio Toro è di avere un nuovo e bravo allenatore.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. daunavitagranata51 - 8 mesi fa

      IO SPERO TANTO IN UN NUOVO ALLENATORE MA PEIMA ANCORA DELLA SOSTA E A GENNAIO SVENDERE I SUOI PUPILLI

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Filadelfia - 8 mesi fa

        Anche io spero che l’esonero venga prima. A dire il vero speravo che NON venisse confermato al termine del disastroso girone di ritorno dello scorso campionato.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Sandrone66 - 8 mesi fa

    L’unica sorpresa, gradita da tutti i tifosi del TORO , e’ che se ne vada via il più presto possibile, stasera allo stadio vado a chiederglielo personalmente FORZA TORO

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. fabrizio - 8 mesi fa

    Recuerare obi per un tempo. poi si torna al modulo vecchio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. prawn - 8 mesi fa

    Recuperare Obi, come no, più semplice arruolare i tre re magi per il centrocampo.

    Obi è finito, purtroppo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Forvecuor87 - 8 mesi fa

    Cambio modulo, rivoluzioni e chi più ne ha più ne metta….. servirebbe fare le cose cose con testa e intelligenza sopratutto meno parole e più palle visto che non si parla di altro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy