Torino-Chievo, Birsa e Hetemaj le due facce della mediana clivense

Torino-Chievo, Birsa e Hetemaj le due facce della mediana clivense

Il 4-3-1-2 di Maran è sostenuto da un centrocampo composito: per metà votato all’attacco, e per metà alla difesa

2 commenti

Terminata la settimana dedicata alle Nazionali, tutti i granata impegnati nei rispettivi impegni stanno tornando alla base: oggi Mihajlovic riabbraccerà Edera e Belotti, mentre presumibilmente domani si riaggregheranno al gruppo anche Ansaldi e Ljajic. La sfida col Chievo, di fatto, è alle porte, e gli uomini di Maran – pur inferiori sul piano tecnico – non sono affatto da sottovalutare.

Dopo aver analizzato l’esperta (ma sempre funzionale) difesa clivense (leggi qui), è il turno del centrocampo – un reparto, come di norma, molto preparato e che, come per il reparto difensivo, ha il grande vantaggio di poter contare su una grande alchimia, poiché la maggior parte degli interpreti gioca insieme da diverso tempo.

Per quanto riguarda i numeri, i più importanti appartengono ai “soliti noti” Lucas Castro e Walter Birsa: entrambi a quota due gol in questo campionato, l’argentino e lo sloveno sono sicuramente gli uomini di maggior talento dell’intera squadra di Maran. Castro – entrato nel mirino granata per due sessioni di mercato consecutive – è la tipica mezz’ala d’inserimento, capace di segnare sia di testa che di piede; anche Birsa lo conosciamo bene: l’ex granata è il fattore in più del 4-2-3-1 di Maran, l’unico in rosa capace di agire nel ruolo di trequartista con qualità e quantità.

Per due uomini di qualità, ovviamente, ce ne sono almeno altrettanti di “quantità”, e anche qui i nomi sono sempre gli stessi: Radovanovic e Hetemaj sono i due pilastri della mediana clivense, deputati alla fase d’interdizione più che a quella di costruzione. Forti fisicamente e col giallo facile, il loro lavoro è indispensabile per il tipo di gioco “difensivo” a cui ci ha abituato Rolando Maran col suo Chievo. Il primo cambio, in questo senso, è quello di Nicola Rigoni – in campo quest’anno già in 4 occasioni dal 1′.

2 commenti

2 commenti

  1. Grande Torino - 5 giorni fa

    Radovanovic a me è sempre piaciuto. Maran è un ottimo allenatore, certamente più competente di altri che hanno/allenano il Toro. Non bisogna sottovalutarli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Grande Torino - 5 giorni fa

    Castro io l’avrei preso, peccato Miha non abbia insistito come su altri, sarebbe stato utile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy