Sampdoria, il centrocampo: Ramirez per Fernandes, ma lo scheletro non cambia

Sampdoria, il centrocampo: Ramirez per Fernandes, ma lo scheletro non cambia

L’avversario / La mediana dei blucerchiati non cambia molto, ma prova ad alzare il tasso tecnico dietro le punte

3 commenti

Cambi minimali a centrocampo per la Sampdoria, prossimo avversario del Torino: la strategia del club di Ferrero, per quanto riguarda la mediana, è stata quella di preservare in gran parte il blocco che l’anno scorso ha saputo sorprendere, grazie agli acquisti di Karol Linetty e Lucas Torreira, che si sono imposti in Serie A con naturalezza, pur mostrando ampi margini di miglioramento. Anche in questa stagione, i due sono partiti come uomini di primo piano nel centrocampo a rombo disegnato da Giampaolo.

Lucas Torreira

A parte l’uruguagio, però, le gerarchie non sono definite, e così attorno al playmaker della formazione blucerchiata possono ruotare, oltre al polacco, anche Edgar Barreto – in gol alla prima uscita stagionale, in Coppa Italia contro il Foggia – e Dennis Praet. Le alternative, in mezzo al campo, sono tre giovani rientrati dai prestiti: Capezzi, reduce dal miracolo Crotone, Ivan, l’anno scorso a Bari e Verre, richiamato dal Pescara. La vera svolta, la Sampdoria l’ha avuta nell’uomo posizionato dietro alle punte. Salutato Bruno Fernandes, riscattato dall’Udinese e subito ceduto allo Sporting Lisbona in Portogallo, i liguri hanno accolto il ritorno in Italia di Gaston Ramirez, di rientro dopo i due anni trascorsi al Bologna tra il 2010 e il 2012.

Torino, verso la Sampdoria Boyé spera nel recupero

L’uruguagio, però, se la giocherà per il posto da trequartista con l’ex Inter Ricky Alvarez. Ma non solo: alle spalle dei due è anche pronto ad inserirsi il giovane Filip Djurcic. Un mix di esperienza e voglia di emergere, quindi, per il centrocampo di Giampaolo, che potrà scegliere come far ruotare i propri uomini senza escludere sorprese. Saranno i granata a dover imporre la sua partita, costringendo gli avversari a rincorrere: solo così si potrà evitare di cadere nella qualità del palleggio avversario ed avere così più chance di strappare i tre punti dal Grande Torino.

3 commenti

3 commenti

  1. CuoreGranata - 2 mesi fa

    Rispetto a loro in mezzo al campo(e non solo)siamo di un’altra categoria!FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Glik hard core - 2 mesi fa

      meno male uno che vede in positivo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Sirrobert - 2 mesi fa

      Non ne sarei così certo!

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy