Salvatore Sirigu, voto 8: decisivo con le sue parate. Meglio di così era difficile

Salvatore Sirigu, voto 8: decisivo con le sue parate. Meglio di così era difficile

Il Pagellone di metà stagione / L’estremo difensore non si perde neanche un minuto in campionato ed inizia il girone di ritorno parando un rigore

di Marco De Rito,

Dopo due stagione in appannamento, dove ha giocato in prestito al Siviglia ed all’Osasuna, con poche soddisfazioni, Salvatore Sirigu è rientrato in patria ed è il Torino la squadra che ha scommesso su di lui. Il portiere è arrivato a parametro zero, per sostituire Joe Hart tra i pali, un’eredità non facile, ma la sua scommessa era quella di ritornare quello che a Palermo aveva impressionato tutta Italia con delle parate strepitose, che lo avevano portato anche in Nazionale. Nella rappresentativa azzurra, non poteva competere per il posto da titolare, in quanto Gianluigi Buffon non è mai stato in discussione. Le sue prestazioni, però, sono state notate da uno dei club più ambizioni a livello europeo (il PSG), che si è assicurato il cartellino del classe 1987, nell’estate del 2011, a soli 24 anni.

Al termine di tre stagioni da titolare inamovibile ed una da protagonista nelle due coppe nazionali, viene girato in prestito perché in Francia non avrebbe più avuto spazio. Non ha avuto fortuna nelle due esperienze in Spagna e così quest’estate è passato al Toro, a parametro zero. Nel capoluogo piemontese ha trovato , sin da subito, l’ambiente ideale dove riprendersi: tra il tifo caloroso dei supporters granata, che lo sostengono sin da subito. In ritiro si allena con costanza e determinazione e, con l’inizio del campionato, non delude le aspettative. Il portiere si dimostra, immediatamente, l’acquisto azzeccato per il Toro.

LEGGI: Torino-Bologna 3-0, le statistiche dicono una sola cosa: è stato dominio granata

Sirigu tiene un profilo basso ma il suo impegno non manca mai ed a testa china cerca di confermare il suo posto di settimana in settimana. L’ex PSG non è in dubbio ma comunque dietro ha un portiere come Milinkovic-Savic che scalpita. Il serbo, il più alto portiere della Serie A, ha dimostrato che tra i pali ci sa fare ed, in particolare contro la Roma, in Coppa Italia, si è dimostrato un ottimo talento, che sicuramente il Toro dovrà tenere in considerazione. Attualmente il posto di Sirigu, però, non è messo in discussione.

L’ex Palermo si è rivelato decisivo in questo campionato. Grazie alle sue 78 parate, è riuscito a non far perdere diversi punti ai granata. Ottime le sue prestazioni contro Milan, Benevento ed Inter. Memorabile la sua parata a Pandev contro il Genoa, senza dimenticare il rigore parato sabato contro il Bologna. Un penalty che è valso molto, ha impedito a Iago Falque e compagni di rivedere lo spettro della rimonta che si stava, ancora una volta, concretizzando; dando alla squadra la spinta decisiva per concludere il match. Da rivedere alcune volte nei rinvii, sono 178 i passaggi lunghi concretizzati a fronte dei 176 errati. In ogni caso il portiere riesce a trasmettere la giusta tranquillità. a tutta la linea difensiva granata, e rappresenta una certezza per tutto il Torino. Disputare questa prima metà di campionato meglio di così, era difficile.

LEGGI: Torino, Mazzarri fa brillare Niang. Adesso Ljajic rischia il posto

Salvatore Sirgu  Campionato Coppa Italia
Presenze 20 1
Reti subite 27 1
Minuti giocati 1.800′ 90′
Cartellini gialli 2 0
Cartellini rossi 0 0
VOTO: 8
9 Commenta qui
  1. user-13693832 - 9 mesi fa

    un portiere di questo livello ci mancava dai tempi di Marchegiani

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. maraton - 9 mesi fa

    siamo passati da un portiere appena discreto (bravissimo ragazzo e gran professionista) come padelli, ad uno carismatico, ma tecnicamente non eccezionale come hart ad un vero “mostro” come sirigu. personalmente era dai tempi di marchegiani che non vedevo un portiere del genere al TORO. in più ne abbiamo uno di “riserva” che giocherebbe titolare in molte squadre nella nostra serie A. che dire….perfino troppa abbondanza…ma…… Melius est abundare quam deficere

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ciccio76 - 9 mesi fa

      Su Padelli ok ma lasciamo stare la diplomazia per l’inglese che si è dimostrato una vera iattura , abbiamo perso almeno 8/10 punti era meglio un citofono. Comunque ora godiamoci questo bel portiere , erano anni che se ne sentiva la necessità. FVCG

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. thebrooklynbrawler83 - 9 mesi fa

    Finalmente abbiamo ben 2 portieri di livello, pare un sogno. Altro che paperHart…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Gud_74 - 9 mesi fa

    Ci voleva, Grande Sirigu continua così!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. scotland_yard - 9 mesi fa

      Quest’anno ci ha già tolto molte castagne dal fuoco….. altrimenti altrochè EL…….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. BACIGALUPO1967 - 9 mesi fa

    Credo che la spina dorsale del TORO sia di tutto rispetto per il livello della nostra serie A.
    SIRUGU N’KOLOU RINCON BELOTTI.
    Ritengo Sirigu un vero colpo di genio del nostro Petrachi alla faccia dei molti che lo deridono.
    E che dire di N’kolou? Altra operazione low cost ma di grande efficacia.
    Le basi ci sono il tecnico pure i soldi in cassa anche..
    Non ci resta che unirci in un solo grido
    FORZA TORO

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. scotland_yard - 9 mesi fa

      Quoto tutto, aggiungerei giovani di prospettiva che stanno crescendo. Edera, Barreca, Lyanco, Bonifazi, De Luca. E da non sottovalutare Baselli…..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. rokko110768 - 9 mesi fa

    Avevamo già intrapreso una buona strada con Hart lo scorso anno. Seppur in prestito secco e con qualche limite del bravo portiere inglese.
    Con Sirigu abbiamo fatto un grande salto di qualità, gran portiere. Pochi fronzoli e poche chiacchere, fatti e prestazioni sempre convincenti. Uno dei migliori in Italia.
    Per la porta siam sereni, considerando anche la crescita e le buone prestazioni di Vanja Milinkovic Savic.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy