Rampanti: “Non si fischiano mai i propri giocatori. Baselli? Esultanza sbagliata”

Rampanti: “Non si fischiano mai i propri giocatori. Baselli? Esultanza sbagliata”

Parola al Mister / Il nostro Serino Rampanti analizza Torino-Frosinone 3-2

di Lorenzo Bonansea,

Il Toro ha centrato la seconda vittoria consecutiva dopo quella agguantata in extremis contro il Chievo, vincendo 3-2 contro il Frosinone, al termine di una gara pazza ed emozionante. Per analizzare al meglio gli spunti post-partita, abbiamo come di consueto dato la “Parola al Mister” Rosario Rampanti.

Serino, una partita “pazza” quella tra granata e Frosinone.

Io non la vedo così male come altri. Sono del parere che a fine campionato si conteranno i punti e si vedrà. Secondo me è un buon segno quando si vince pur senza raggiungere il massimo del gioco. Il futuro lo vedo positivo, anche perché bisogna analizzare bene le stiuazioni sfavorevoli, cercando di pensare a freddo prima di parlare. Analizzare bene i momenti della partita, il perché si è arrivati a certe situazioni, tenendo conto anche di quello che è successo da inizio campionato ad adesso. Non bisogna trascurare niente.

Immagino che tu ti riferisca anche agli errori arbitrali.

Anche, ma non solo. Gli elementi che bisogna tenere presente sono le partenze e gli arrivi, gli arbitraggi certamente, gli infortuni, il rendimento dei singoli e la situazione ambientale. Quando si hanno ben presente questi fattori, allora si può analizzare con maggiore freddezza e completezza, ricordandosi dell’ambientamento dei nuovi giocatori ma anche di un trend davvero negativo per quanto riguarda gli “infortuni” arbitrali. Negli ultimi anni non ricordo una serie di errori di questo tipo. Poi c’è il rendimento dei singoli: quando dei primattori rendono meno di quanto ci si aspetta, manca quella forza trainante. Ed infine l’ambiente: è da inizio anno che non vedo calore intorno alla squadra, e la quota abbonati è simbolica di questa freddezza. Si è un po’ disillusi, ed è una disillusione che è arrivata prima dell’inizio del campionato, nonostante un mercato buono. Questo scoramento prematuro non c’era mai stato e sinceramente mi lascia un po’ spiazzato.

A questo proposito, molti sono rimasti sorpresi dei fischi di una parte del pubblico nonostante la vittoria.

Mi ripeto: i fischi quando si vince non hanno senso. Non si è guardata la partita con oggettività: quando sei padrone della partita sul 2-0, e ti viene convalidato contro un gol come quello di Goldaniga… Si rimane quantomeno un attimo spiazzati. Poi è arrivato quell’errore in marcatura in area per il loro 2-2, e può immaginare cosa significa… Ma è proprio in quel momento che il tifoso deve sostenere la squadra, l’ho già detto: i fischi verso i giocatori della propria squadra non si fanno mai. Guardiamo anche all’estero, queste cose non accadono mai lì. E’ mancanza di cultura sportiva.

Personalmente, dallo stadio mi ha lasciato un po’ spiazzato l’atteggiamento della squadra dopo il vantaggio di Rincon – nella seconda metà del primo tempo.

La squadra ha rallentato un pochino, era padrona del campo e si sentiva di poterla giocare così. Però, anche qui: c’è sempre da analizzare il rendimento dei singoli. C’è qualcuno che va, e qualcuno che va meno. E la squadra ti può apparire deconcentrata per errori tecnici di certi giocatori, ma non è così. Questi malumori mi sembrano davvero esagerati. Se noi vogliamo che il futuro ci sorrida occorre assolutamente che ci si metta in testa che si possono riottenere successi solo si riesce a fare squadra tutti insieme, partendo dal tifoso. Il tifoso deve sostenere sempre, deve far parte di un blocco unico con squadra e società.

Nelle passate interviste abbiamo parlato molto di Baselli. Venerdì è tornato al gol, con un’esultanza un po’ polemica…

Quando diciamo qualcosa su Baselli, lo abbiamo sempre fatto in senso costruttivo. Se ci legge, può anche servire da stimolo, da aiuto. Io sono sempre stato un grande estimatore del giocatore, ma ultimamente mi aveva deluso. Questo gol va bene, ma lui deve dare ancora di più. Non è che se fai un gol puoi permetterti di polemizzare, è stata profondamente sbagliata quella reazione. Non è un gol che risolve la cosa, ma deve servire per caricarti e dare di più. E’ un ragazzo con grandi qualità, ma deve tirare fuori queste potenzialità- intravviste solo negli anni passati. Non so con chi polemizzasse, penso col pubblico. Non sono d’accordo con i fischi, ma non sono nemmeno d’accordo nel rispondere in questo modo. Certo, se Baselli e qualcuno altro tornassero quello che sono…

Ti riferisci sicuramente a Belotti.

La scorsa settimana mi ero permesso di auspicare una giornata di riposo per lui, perché secondo me quando si è dentro ad un problema a volte solamente con un passo indietro si riesce ad avere chiare le cose. Se sei in crisi e ti siedi una volta in panchina, ti può servire per osservare con più distacco e freddezza quello che avviene in campo. Non è per bocciare qualcuno, ma per far capire che realtà stai vivendo in quel momento. Io ricordo un altro Belotti con una rabbia e una voglia di arrivare pazzesca, non è solo questione di correre, ma di sapere correre bene. Bisogna aiutare i compagni nei momenti opportuni, e il gol poi ti viene da solo. Ma se non giochi per la squadra e cerchi solo il gol, la cosa diventa davvero negativa. Deve riuscire a calarsi nei collegamenti dei compagni.

Altra prova convincente, invece, di Zaza.

A Zaza ha fatto bene l’attesa, e Mazzarri lo sta gestendo al meglio. Zaza mette in campo un dispendio di energie molto importante, andando ad attaccare gli avversari con incredibile continuità. E’ bello da vedere, ma forse a volte esagera un po’ – eccede un po’ in questi scatti, perché lo fa anche quando non ha l’accompagnamento dei compagni e serve poco. Contro il Frosinone, ha dimostrato di essere un giocatore importante per questo Toro. Deve battere il ferro finché è caldo.

La partita è stata decisa da un super gol di Berenguer, un altro che si sta confermando in buona forma.

Su Berenguer mi sono espresso di recente. Intanto, mi piace molto come si pone anche fuori dal campo, con naturalezza e un pizzico di timidezza. Di lì capisci che è una persona “normale”, umanamente parlando. Speriamo rimanga con i piedi per terra perché può diventare importante per il Torino futuro. E qui bisogna spendere due parole per chi ha voluto e portato a casa questo ragazzo, ma soprattutto per chi lo ha impostato in questo ruolo, ovvero Mazzarri – che ha capito le sue potenzialità in entrambe le fasi. Come ha fatto con Parigini, tra l’altro. Berenguer non ha fatto solo un gol, ma anche ripiegamenti importanti dietro. Sta imparando anche a difendere, è un giocatore a cui sarà difficile togliere il posto in questo momento.

La partita è cambiata dopo l’ingresso in campo di Parigini.

Parigini sta confermando quello che già dicevamo. Ha il cambio di passo, sta facendo bene. Con Berenguer dà velocità negli esterni, e a centrocampo ci si aspetta che facciano lo stesso anche Baselli e Soriano da mezzale. Guardando la classifica e pensando a cosa è successo, non si deve essere pessimisti ma realisti. Tu pensa che una squadra che ha avuto tanti favori (che è la Fiorentina) è lì ad un punto. Tra l’altro, ti sei mai chiesto perché la viola ha avuto tutti questi favori arbitrali?

Torino, rispetto all’anno scorso hai un punto in meno. Ma il calendario…

Tra le varie critiche mosse dai tifosi, molte riguardano Mazzarri. Al di là dell’aspetto tecnico-tattico, c’è da dire che forse può migliorare come comunicatore…

Io sono d’accordo con lo sfogo di Mazzarri, lo sono sempre stato e lo sono a maggior ragione adesso. Mazzarri non è amato? Perché non è un imbonitore, non è un venditore di fumo. E’ uno pratico, di sostanza. Sulle critiche dei tifosi, mi viene in mente un episodio. Quando facevo l’allenatore, mi ricordo che a fine pasto si prendeva la crostata per integrare il pasto dei calciatori con i carboidrati. Bastava che uno dicesse che quella crostata non era buona e tutti quanti gli andavano dietro. Non ti dico altro. Nella vita bisogna sforzarsi di ragionare e pensare senza farsi influenzare, avendo la giusta dose di personalità e non seguire il gregge.

Serino, adesso ci si ferma per la sosta delle Nazionali. E’ il momento giusto?

Secondo me quando il ferro è caldo va battuto. Non è il momento più giusto per fermarsi, sarebbe stato meglio avere continuità. Era un momento in cui continuare a giocare, si è vinto ed è rimasto un certo malumore, e quindi ci sono anche motivazioni in più. Questi fattori caldi ti avrebbero aiutato ad affrontare al meglio la partita. Adesso invece questi elementi possono decantare, ma spero si mantenga la dovuta rabbia e la dovuta cattiveria sportiva fino a dopo la sosta, per arrivare alla prossima partita tra due settimane con concentrazione. E ripeto ancora: le squadre sotto sono da battere, e per ora si è fatto. Dopo Bologna, Fiorentina e Sampdoria si potrà iniziare a dare giudizi più sensati anche sulla classifica.

74 Commenta qui
  1. robert - 2 settimane fa

    caro Serino, l’esempio della crostata fa ridere.Aspetti a dare giudizi sulla classifica dopo Bologna,Fiore e Samp ?Ti anticipo io i risultati:con queste 3 squadre porterai a casa forse 1 punto.A risentirci……..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granata69 - 2 settimane fa

      Robert , con affetto da parte di tutti i tifosi granata, vai a cagare !!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Claudio70 - 2 settimane fa

    Conterosso, fammi capire: prima dici che lo Stadio deve incitare i giocatori, la squadra, poi dici che Baselli è scarso e che bisogna fischiare chi lo mette in campo.
    Direi che hai un po’ di confusione in testa.
    Io credo che Baselli sia un buon giocatore, e ha fatto infatti un buon secondo tempo, dopo un primo tempo in cui ha fatto tanti errori.
    Certo, non è un campione, ma di campioni ne abbiamo pochi.
    Con il calore che possiamo dare noi, il lavoro di Mazzarri e dei ragazzi in allenamento possiamo far bene, certo che se critichiamo ogni volta tutto e tutti facciamo pochissima strada, perché non credo che Cairo ci possa comprare Kantè o David Silva

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Conterosso - 2 settimane fa

      Se vuoi ti faccio un disegnino per spiegarti il senso di quello che ho scritto…
      Baselli un buon giocatore? Ricordami quello che ha fatto in quasi 4 anni di Toro. Gazzi a confronto era un fenomeno

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Conterosso - 2 settimane fa

    Per una volta sono d’accordo con Rampanti. È giusto, una volta c’era la MARATONA e tutti i tifosi non facevano altro che riempire di calore la propria squadra. Oggi il tifoso del Toro si è intiepidito; non c’è più la vicinanza alla squadra come c’era una volta, e questo si riflette anche sulle prestazioni che spesso sono scialbe, anonime… D’accordo anche sul fatto che è sbagliato fischiare un proprio calciatore; Baselli fino ad oggi ha dimostrato di essere mediocre, se non scarso, ma se continua ad entrare in campo, non è cosa sua, per questo l’unico responsabile è Mazzarri. Quindi è Mazzarri che dovrebbe essere fischiato; un calciatore se è mediocre non può per sua volontà, diventare da un giorno all’altro un fenomeno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Claudio70 - 2 settimane fa

    Io sono d’accordo con Serino, soprattutto nella parte che riguarda Mazzarri, che è un gran lavoratore sul campo, ma soprattutto sta cercando di costruire lo spirito Toro negli spogliatoi.
    Secondo me quest’anno Mazzarri sta facendo un gran lavoro nella gestione, perché si vede come chi è utilizzato meno o entra dalla panchina (Berenguer, Parigini o Zaza a Chievo) risulti sempre decisivo ed entri in campo con la voglia di fare bene e portare vantaggio alla squadra

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. rogozin - 2 settimane fa

    A proposito di Baselli: col suo gesto ha spiegato chiaramente da se quali siano i problemi che lo affliggono. In primo luogo la presunzione che è il più grave dei due perché e quello che fa credere di essere un buon giocatore ( top player come si è autodefinito ) ma la realtà dice altro; poi c’è la stupidità, non che non sia grave ed invalidante la stupidità ma credo che per uno che di professione da calci ad un pallone non rappresenti un handicap grave.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. dattero - 2 settimane fa

    mi dispiace,ma ogni intervista che passa e’ sempre piu’ ecumenico e filo aziendalista,a che pro,non so e nulla m’interessa.
    inutile controbattere ad uno che di volta in volta,è sempre piu’ schierato.
    concordo con granata,questo si.
    siam un sui campi di calcio,non dalla venier o dalla d’urso

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. eurotoro - 2 settimane fa

    Ma xche’ punire con la panchina il gallo che si sbatte sempre x 90 …ha preso un palo pure eh…col chievo il tiro in rivesciata..gia ci sta pensando la sfiga infortuni a tenerci fuori i migliori…Jago gallo e zaza sempre in campo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. granata - 2 settimane fa

    Solo un tifoso a libro paga della società non esprime dissenso quando è il caso. E, mi dispiace per Rampanti, Baselli quei fischi se li è meritati e la sua prestazione non può essere riscattata da una ribattuta nella rete sguarnita. Da quattro anni si attende una sua crescita definitiva (come del resto ammette anche Rampanti): dal punto di vista della grinta e della personalità in campo no ci siamo. Probabilmente è anche colpa degli allenatori che si sono susseguiti (Ventura, Mihajlovic, Mazzarri) che gli fanno sostanzialmente fare il mediano incontrista invece che il regista puro, unico mestiere che, secondo me, sa fare e che faceva all’ Atalanta. E’ un playmaker vechia maniera, che avrebbe bisogno di due cursori ai lati che lo sostengono.A psrte Baselli e la stucchevole polemicha sui fischi, il Torino di Mazzarri manca ancora di una sua personalità ben definita, manca un gioco a sostegno delle punte (e manca soprattutto perchè si tiene Iago Falque in panchina). Le partite contro Fiorentina e Sampdoria ci diranno di che pasta è fatta questa squadra.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. prawda - 2 settimane fa

    Io non comprendo perche’ adesso si voglia far passare i tifosi per amebe che devono solo battere le mani qualsiasi cosa succeda in campo, e’ una visione sbagliata e soprattutto non vera perche’ non e’ mai stato cosi’. Io vado allo stadio dagli anni 70, quando ancora Rampanti giocava e di fischi da parte dei tifosi ne ho sempre sentiti, sia durante che dopo la partita; a volte i fischi sono semplicemente un tentativo di svegliare la squadra quando il tifoso la vede come addormentata o in balia dell’avversario. E’ normale fischiare, accade su tutti i campi e in tutti gli sport, avviene all’estero che non e’ un certo esempio ed avviene anche nella terra di Albione e la partita di Manchester non e’ una mosca bianca. Gli insulti sono ovviamente da condannare e non si dovrebbero mai sentire, ma i fischi sono una reazione del tutto normale, a maggior ragione in un tifoso quando vede la propria squadra giocare male o vede poca grinta, poca determinazione. Chiaramente ognuno decide se fischiare o meno, se fosse giusto farlo oppure no, quello che e’ sbagliato e’ attribuire patenti, come chi fischia non e’ tifoso o ancora peggio e’ gobbo, forse un maggior rispetto per le opinioni altrui non guasterebbe.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. eurotoro - 2 settimane fa

      ..la penso uguale

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. PrivilegioGranata - 2 settimane fa

    Invidio i giocatori e la tifoseria del Liverpool: “You’ll Never Walk Alone”.
    Questo è lo spirito della vicinanza tra squadra e tifosi e città, o meglio ancora, della comunanza di ideali, di memoria, di successi e di insuccessi. E’ un magma di sentimenti e di emozioni che galvanizza chiunque, in campo come sugli spalti. Un ribollire di decine di migliaia di cuori che fa trovare nuove forze al giocatore più stanco e nuovi limiti da superare anche al più scarso.
    I fischi ai propri giocatori, che si sono impegnati, hanno sofferto e reagito, sono roba da bimbiminkia al merdastadium.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. ALESSANDRO 69 - 2 settimane fa

    Non faccio l’avvocato difensore di Rampanti, ci mancherebbe, però credo ci sia un equivoco: lui non ha messo in discussione il diritto di fischiare, semplicemente ritiene,opinione sua, inopportuno fischiare un proprio giocatore in difficoltà. C’è da dire che per onestà intellettuale ha criticato anche Baselli per l’esultanza polemica…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 2 settimane fa

      I fischi che si sono sentiti in tv non mi sembra fossero indirizzati ad uno in particolare (forse a Baselli all’inizio quando ha sbagliato un paio di appoggi) ma alla squadra quando non solo si è fatta rimontare 2 reti ma ha concesso più volte la palla del 3 pari.
      L’hanno scorso Niang a torto o a ragione è stato bersagliato dai fischi e non ricordo un solo articolo o post in difesa del giocatore o dove si sbandierasse l’etica del tifoso

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ALESSANDRO 69 - 2 settimane fa

        Nessuna etica e niente moralismi, il tifoso ha diritto di manifestare il proprio dissenso o consenso e lo fa nell’unica maniera che gli è concessa,fischiando o incitando, punto.
        Serino probabilmente fa leva su una questione di opportunità, l’opportunità di fischiare un mostro giocatore in difficoltà. Allo stesso tempo però, ribadisco, ha bacchettato anche Baselli giustamente per la esultanza polemica, lui non deve polemizzare con i tifosi, deve solo darsi da fare e dimostrare ciò che vale, i mezzi tecnici non gli mancano…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Simone - 2 settimane fa

          Personalmente del comportamento di Baselli non mi è importato nulla. Ci stava una sua reazione alla contestazione (strameritata) nei suoi confronti. Lo stesso Serino faceva presente che un’altra po di panca non gli avrebbe fatto male. A mio modesto avviso ad un giocatore fanno più male queste bocciature A MEZZO STAMPA che i fischi domenicali

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. ALESSANDRO 69 - 2 settimane fa

            Sicuramente anche questo è vero. La verità è che le polemiche durerebero quanto una copia di un giornale, basterebbero 2 prestazioni di alto livello e nessuno si ricorderebbe più nulla….Dipende solamente da lui…

            Mi piace Non mi piace
          2. Simone - 2 settimane fa

            Esatto, sono 4 anni che lo aspettiamo.
            La gente ha gioito alla partenza di Ljajic definendolo poco costante.
            E di Baselli che vogliamo dire?
            Con Miha aveva tutte le giustificazioni del mondo visto che pretendeva dai centrocampisti solo interdizione e Baselli col suo fisico proprio faticava a far ciò.
            Ma adesso wm nn glielo chiede e si pretende molto ma molto di più da lui

            Mi piace Non mi piace
  12. Spadowsky - 2 settimane fa

    Ero allo stadio con mio figlio…certo non abbiamo fischiato, ma applausi proprio pochi e incazzatura tanta.
    Più che altro siamo usciti senza voce a forza di urlare “CORRI!!!” perché questi sono proprio molli!
    Non dico tutti, perché Zaza, Parigini, Berenger e Rincon il sudore l’hanno messo, ma gli altri venerdì mi hanno proprio tirato fuori il cristo.
    Ma la grinta, il coraggio, la carica per aggredire l’avversarIo sti milionari sanno cosa siano? Trotterellano e magari si arrabbiano anche se sentono dei fischi….ma incazzatevi sul campo e fateci vedere uno spettacolo degno della maglia che indossate! Saluti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 2 settimane fa

      Che scherzi, se fischi si offendono ed è pure peggio.
      “Bisogna applaudire ed incitare sempre”, il “vero” tifoso (chissà se pagante) fa quello, applausi ed incitamento x 95′

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. user-14036712 - 2 settimane fa

    Gli ultimi 3 commenti in risposta a Simone, corroborano il mio pensiero che sempre esterno ai prossimi:non NON siamo tifosi del TORO, noi SIAMO il TORO!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 2 settimane fa

      Io ne ho letto uno solo in risposta a me

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Granata - 2 settimane fa

    Una persona esercita un diritto in funzione della veste che ricopre. Il tifoso, se per definizione , è un individuo o un gruppo di individui che si impegnano a sostenere con vivo entusiasmo la vittoria di un concorrente o di una squadra in una disciplina sportiva, beh , quando fischia, smette di essere tifoso e diventa spettatore super partes ed ha pieno diritto di fischiare. Personalmente non ho mai fischiato, nemmeno a Lecce nell’89, eppure perdemmo malamente ed andammo in B. Io c’ero.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. abatta68 - 2 settimane fa

    Il tifoso è un sostenitore dei propri colori, non un esteta del calcio! io faccio il tifo per incoraggiare la mia squadra a fare di più, a maggior ragione se in quel momento sta facendo di meno. Se vedo il Toro giocare male magari mi viene da fischiarli alla fine del primo tempo, ma appena rimettono piede in campo sono di nuovo pronto a sostenerli, cosi come i giocatori devono essere pronti a mettercela tutta fino alla fine. Diverso discorso quando vedo che i giocatori se ne fregano, oppure mettono in campo una sceneggiata di partita, tipo quel famoso Toro-Genoa 0-0 che più 0-0 di cosi non si poteva e dopo un quarto d’ora già non si passava più la metacampo, perchè cosi è prendere in giro le persone.
    Altro discorso ancora è contestare la società perchè non risponde al bene dei tuoi colori, ma anche in questo caso i giocatori non li fischi, sono quel che sono e fanno quel che riescono… onestamente non riesco a fischiare Acquah o Molinaro perchè non ci portano in EL e se alla fine del campionato hanno la maglia da strizzare non posso che ringraziarli.
    Dopodichè un tifoso che non fà il tifo… che roba è?!? tanto vale stare a casa, sul divano, con un bel paio di calzini colorati alla Mughini a fare gli opinionisti… “eh ma Belotti non è più quello di una volta… Berenguer non è un calciatore… Zaza è pelato… quel goal lo facevo pure io…ecc”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Simone - 2 settimane fa

    Se vuoi dei tifosi che annuiscono sempre basta comprare della comparse.
    Vedrai che applausi scroscianti con quelle

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abatta68 - 2 settimane fa

      Simone… il tifoso non annuisce, ne dissente… il tifoso tifa, perchè è quello il senso della sua presenza, quello è il senso di stare tutti vicini per far sentire la propria voce, far vedere le nostre bandiere e i nostri colori… a prescindere che si vinca o si perda. Guarda che alla rovesciata di Ronaldo siamo tutti capaci di applaudire spontaneamente… per applaudire e incoraggiare Belotti a fare meglio invece occorre impegno e comprensione… è da questa sottile differenza che si riconoscono le grandi tifoserie.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Simone - 2 settimane fa

        Esattamente come una claque.
        Se libero di appoggiare la squadra anche quando vedi degli spettacoli imbarazzanti, rispetto l’opinione di tutti compresa quella di coloro che invece hanno le palle piene di vedere certi spettacoli.
        In quanto paganti nessuno può dirgli cosa può o non può fare!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. abatta68 - 2 settimane fa

          Esatto… Ma essere tifoso sostenitore vuol dire una cosa, essere spettatore pagante un’altra. Poi ognuno é libero di fare ciò che si sente portato a fare, ci mancherebbe

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Simone - 2 settimane fa

            È una tua opinione che essere tifoso sostenitore significhi che nn possa fischiare lo spettacolo a cui assiste.
            Grazie a Dio ognuno ha la propria testa e sta a lui se decidere se e quando fischiare

            Mi piace Non mi piace
  17. user-14036712 - 2 settimane fa

    All’Old Trafford e’ successa l’eccezione che conferma la regola. Poi se vogliamo scrivere di liberta’ di dissenso, di civilta, di democrazia, facciamo notte fonda! Mi soffermerei solo sulla sportività nel mondo del football e ribadisco che chi contesta la propria squadra si comporta come Tafazzi!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Conta7 - 2 settimane fa

    D’accordo con Serino.
    Purtroppo ci manca serenità ed equilibrio nel giudizio: siamo smaniosi, come in parte è giusto che sia, di ritornare stabilmente nella fascia medio-alta del calcio italiano, ma non riusciamo a capire che questo è un processo fatto di step di crescita ed io, personalmente, in questo inizio di stagione ho visto dei segnali evidenti in tale direzione.

    Fatta eccezione per la partita con il Napoli ed il frangente “folle” con il Frosinone, siamo una squadra solida, che è riuscita ad andare ad imporsi in trasferta (vd Udine) ed ha portato a casa partite che negli anni passati sono state sempre il nostro tallone d’Achille, dimostrando reazione e temperamento.

    E in tutto ciò, al netto di infortuni, stati di forma di alcuni giocatori da migliorare e dei meccanismi tattici da consolidare che possono solo farci crescere.

    Sul Mister, io credo che sia solo questione di sensazionalismo e di luoghi comuni del cavolo, come dice Serino, che mediaticamente gli sono stati cuciti addosso negli ultimi anni da chi non poteva attaccarlo calcisticamente, visto che i risultati raggiunti rispetto al valore delle squadre allenate parlano per lui.

    E non dimentichiamo che ci mancano 3 punti…
    Avanti uniti e FVCG!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 2 settimane fa

      Immagino che a Bergamo ti siano piaciuti visto che nn la nomini.
      A posto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. prawda - 2 settimane fa

    Le dichiarazioni di Rampanti assomigliano sempre di piu’ a quelle che rilascerebbe l’addetto stampa del Torino, tra l’altro non e’ assolutamente vero che all’estero non fischino i giocatori come ripreso anche da un commento sotto. Proprio nella terra di Albione i tifosi del Manchester United hanno fischiato solo pochi giorni fa la propria squadra nella partita contro il Valencia e Mourinho alla domanda sui fischi ha dichiarato: “Sono soddisfatto dell’impegno dei ragazzi, non per il risultato che non è né positivo né negativo. Le critiche? Non mi interessa parlarne, c’è libertè di espressione, siamo in democrazia e ognuno può dire come la pensa. Siamo in un Paese libero, i tifosi dello United hanno il diritto di esprimere la propria opinione, io sono con loro al 200%”.
    Forse se partissimo da questo che chi paga un biglietto ha tutto il diritto di manifestare il proprio dissenso, in termini civili ovviamente, tutta questa falsa levata di scudi sarebbe gia’ finita.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Vanni - 2 settimane fa

      Ma tutto il mondo è paese. Salvini non lo crede ma è equivocato.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Granat....iere di Sardegna - 2 settimane fa

      Ciao prawda…Più che della società mi sembra l addetto stampa di Mazzarri. Sempre un sacco di considerazioni pur di giustificarne l operato, con altri mister non si è usata la stessa delicatezza e tanto meno sono stati considerate tutte le varibili di valutazione. Spiace un po perché in realtà Mazzarri non ha bisogno di giustificazioni. Non è un esteta del calcio, bada al sodo. Speriamo basti. Buona serata

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. prawda - 2 settimane fa

        Ciao Granatiere – Sicuramente hai ragione c’e’ un abisso tra le valutazioni fatte verso Mazzarri e quelle fatte verso Mihajlovic, ma io mi referivo soprattutto al fatto che nelle dichiarazioni di Rampanti non c’e’ mai una critica alla societa’ e questo avvenniva anche con il serbo in panchina, a cui venivano attribuite tutte le responsabilita’. Mi sembrano sempre dichiarazioni molto politiche, dove non si vuole mai turbare il manovratore, una volta si sarebbe detto molto democristiane.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Mav - 2 settimane fa

          Non capisco cosa si voglia dalla società i soldi sono quelli quella è la squadra, dimenticate i mecenati che buttano via i soldi per farci divertire ormai il calcio è bilancio in regola e squadra che ti puoi permettere poi è vero che a noi non capita mai di fare una stagione sopra le righe ma ogni anno stiamo a faticare , ma quello forse dipende dalla sfiga che abbiamo addosso.non dalla società e comunque non si critica un allenatore già a iniziò stagione le critiche e i provvedimenti si fanno e si prendono alla fine. Il nostro problema è che la squadra è scarsa l’allenatore può migliorarla ma con delle rape non puoi fare lo champagne.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. prawda - 2 settimane fa

            Mav perdonami ma non capisco cosa significhi la tua risposta al mio commento. Io ho scritto che da quando Rampanti viene per cosi’ dire intervistato settimanalmente da TN non ha mai espresso una critica verso la societa’. Dalla societa’, visto che lo chiedi, vorrei che desse finalmente importanza ai risultati sportivi e non solo a quelli economici, vorrei che ci fosse un progetto vero di crescita e non solo di valorizzazione di giocatori, vorrei che si pianificasse l’aumento dei ricavi che puo’ avvenire solo attraverso investimenti e non sentire sempre le scuse che altri fanno 3,4,5 volte il fatturato del Torino e quindi non c’e’ partita.

            Mi piace Non mi piace
  20. user-14036712 - 2 settimane fa

    Sig. Vanni:è vero, sono razzista, perché penso che le teste di c… o non debbano mettere piede in uno stadio, di calcio in questo caso, così come hanno fatto in Inghilterra. Le autorità inglesi hanno vietato l’ingresso agli stadi a questi trogloditi col risultato di vedere appunto stadi pieni di tifosi e bambini con l’obiettivo anche di non infangare la civiltà sportiva di un paese come l’Inghilterra. Che Dio salvi… l’Italia!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Vanni - 2 settimane fa

      Si vabbe. Non esiste nel 2018 ci sia ancora gente che pensa che gli inglesi sono migliori dei greci o degli italiani o dei congolesi. Dipende dalla cultura, intelligenza, etc. di ciascuno. Certo che se prendi ad esempio le carote o pietre che riempiono gi stadi è difficile da trovare, su quello hai ragione. Basta vedere molti commenti qui che hanno gli occhi foderati. Ma fosse solo nel calcio …..c’è ben di peggio.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. geriko1 - 2 settimane fa

    Poi aggiungo che certi supposti Tifosi farebbero meglio a cambiare squadra….. cosa si pensa che se arriva Gasperini o Jesus Christ vinciamo lo scudetto? Il Toro 2.0 è questo….lottiamo x l’EL e va bene così….quelli della Juve nn festeggiano nemmeno x lo scudetto! Gli investimenti sono stati fatti… poi se vogliamo fare come i vari Cragnotti e compagnia bella

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Vanni - 2 settimane fa

      Ma veramente c’è gente che dopo queste giornate di schifo pensa all’EL? Mah.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. Daniele abbiamo perso l'anima - 2 settimane fa

    Ho già sottolineato anche io più volte la quasi totale assenza di entusiasmo tra la tifoseria: quasi apatia. Un atteggiamento del genere si riflette sui giocatori che non sono spinti a dare il massimo grazie al calore dei tifosi.
    Vorrei tanto che scattasse qualche scintilla a riscaldare l’ambiente. Magari un derby vinto…
    Per quanto riguarda i fischi dei tifosi prima della fine e alle risposte stizzite dei giocatori..si sa: alcuni tifosi sono imbecilli e alcuni giocatori sono dei coglioni pompati. Come nella vita. Si può solo andare avanti e cercare di coprire i fischi prematuri con i cori e le polemiche dei giocatori mandandoli un po’ in tribuna.
    Mio parere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Vanni - 2 settimane fa

      Apatici è dir poco. Ancora un paio d’anni di presiniente e faremo 1.000 abbonati.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. Granat....iere di Sardegna - 2 settimane fa

    Per alexku: ti rispondo qui. Si per chi paga abbonamenti vari non è uno spettacolo divertente ma chi conosceva Mazzarri già sapeva cosa c era da aspettarsi. Dopodiché se vince e ci porta in Europa io sono contento lo stesso. Quanto al tuo quesito di tempo fa, il mio nik si riferisce alle mie origini in quanto nato e vissuto a Torino fino all età di 11 anni ed alla mia residenza attuale perché mio padre fu licenziato dalla Fiat e tornò nella sua terra nativa…Comunque mi chiamo Luca. Ciao ciao

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. alexku65 - 2 settimane fa

      Ciao Luca piacere. Alessandro

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. alexku65 - 2 settimane fa

      Ps Cque visto l’entusiasmo con cui Mazzarri è stato accolto e visto il valore che lui stesso si è dato (evidenziando la differenza tra stato di salute mentale e tattico di quando ha preso la squadra e quello col supposto vslore che lui avrebbe portato) molti non lo sapevano verso che situazione sarebbero andati. Addirittura gli stessi giornalisti avevano attribuito al genio tattico di Mazzarri la vittoria con Bologna quando lui in realtà era arrivato in giorno e mezzo prima….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. user-13814870 - 2 settimane fa

    hai ragione Serino…purtroppo allo stadio si fischia o si applaude..ma i fischi fanno male è meglio farli a fine partita. Quando i giocatori sbagliano lasciate stare. .rimandate alla fine. In fondo lo sanno anche loro di aver fatto brutta figura e di meritarseli i fischi. oppure gli applausi. Non sono sei bambini. È sempre producente incitare. Se uno sbaglia e senti i fischi sbaglia ancora di più ve lo assicuro..Aspettate alla fine. Io non fischierei mai mentre giocano.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. Pesce - 2 settimane fa

    Mi permetto una opinione sul caso Belotti. Suggerirei un paio di turni in panca, che con la sosta della nazionale si traducono in circa un mese di lavoro tranquillo finalizzato a migliorare la sua tecnica che non è da gicatore di serie A. Inoltre vedendo giocare gli altri potrebbe capire che non può/deve lasciarsi cadere per terra per qualsiasi contatto perché un vero capitano del toro non dovrebbe andare giù neanche con le cannonate (ferrini, pulici… docet)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. user-14036712 - 2 settimane fa

    Ha straragione Rampanti:”… i propri giocatori non si fischiano mai…”. In Inghilterra, culla della cultura sportiva, i tifosi applaudono la propria squadra anche quando all’ultima partita, questa retrocede e se per qualche motivo, il TORO gioca male e delude, non dico di applaudire ma cerchiamo almeno di non fischiare o contestare, così come i singoli calciatori. I primi ad essere dispiaciuti sono senz’altro i ragazzi quando il rendimento in campo non li soddisfa. Abbiamo una squadra forte e chi fischia forse è il caso che se ne stia a casa a scrivere sui social…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Vanni - 2 settimane fa

      Beh io non fischio i giocatori, mando solo a cacare testadighisa l’inutile.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Vanni - 2 settimane fa

      Culla sportiva? Ma hai la memoria corta indubbiamente. Sono talmente sportivi che li hanno radiati diversi anni per violenza sportiva, dopo non so quanti morti. Stanno calmi perché sanno che se no li riempiono di botte. Razzista nel ragionamento.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. [email protected] - 2 settimane fa

    noi ce la prendiamo con il mister perche ci prende per il fondo schiena nel dirci che vede una squadra in ascesa perche non è vero la squadra non ha nessun gioco e nessun schema

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Vanni - 2 settimane fa

      Ha spiato e pure male Maran. Basta quello per capire che persona è. Idee proprie nessuna.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  28. Granat....iere di Sardegna - 2 settimane fa

    Vabbè che rampanti stravede per Mazzarri lo si sapeva e infatti tutte le premesse, considerazioni ecc ecc vengono fatte solo per lui, in altre situazioni tutte queste analisi non si sono fatte…detto questo berenguer gioca in quel ruolo perché c è una difesa a 3 ma lo faceva anche in Spagna e persino in una difesa a 4 dunque non ci sono meriti particolari se non quello di averlo migliorato dal punto di vista della corsa, cosa in cui un po tutta la squadra è migliorata. Mazzarri non fa un gioco spumeggiante ma la preparazione atletica la sa fare bene. Quanto al merito di aver portato a Torino berenguer, se dovessimo accreditare la versione di coloro che sostengono che la passata campagna acquisti l ha fatta Mihajlovic, allora dovremmo ringraziare lui. Invece bisogna fare i complimenti a petrachi perché un mister individua i profili non i giocatori. Speriamo che il ragazzo continui così anche perché abbiamo Ansaldi e de silvestri fuori

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  29. geriko1 - 2 settimane fa

    D’accordissimo con Rampanti…..va bene criticare, ma alla fine contano i 3 punti…..nn è che se il Frosinone è penultimo in classifica sia una squadraccia! Diamo tempo e fiducia alla squadra…Mazzarri sa quel che fa…ed il fuoco si fa con la legna a disposizione…A me sembra che la squadra sia comunque equilibrata…appena Soriano, Falque, Zaza e il Gallo troveranno la giusta intesa potremmo far male davanti….Diamo insieme una possibilità al nostro Toro!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Vanni - 2 settimane fa

      Ma le guardi le partite? Il Frosinone è una squadra da media serie B. Difendere l’indifendibile perché si è del Toro non è molto intelligente.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  30. Toro71 - 2 settimane fa

    Purtroppo Rampanti sorvola su un piccolo particolare: chi va allo stadio paga un biglietto!!!
    Il signor Mazzarri da quando si è seduto sulla panchina del Toro non è riuscito a dare un gioco a questa squadra.
    I tifosi del Toro sono stufi di vedere una squadra pressapochista e che riesce a far stare col fiato sospeso fino all’ultimo istante addirittura avendo davanti il Frosinone. Anzi dobbiamo ringraziare Perica che si è divorato il gol del 3-3. Quindi Rampanti se avessimo pareggiato col Frosinone avresti avuto la stessa opinione al riguardo dei fischi????

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  31. robertozanabon_821 - 2 settimane fa

    Bene come sempre Serino, commenti equilibrati ed obiettivi che rispecchiano l’esperienza e la maturità di chi li esprime. Anche io voglio rimarcare l’esistenza di un’atmosfera troppo negativa e nervosa intorno al Torino. Pare quasi una forma di autolesionismo rivolta contro tutti e contro tutto. Certamente i troppi e controversi episodi arbitrali, gli infortuni e il ritardato inserimento di giocatori e schemi, hanno scosso l’ambiente minandone la serenità emotiva che sarebbe indispensabile per la crescita armonica della squadra. Non si può però imputare a Mazzarri la scarsa propensione di qualche giocatore ad un utilizzo più “ragionato” dei propri piedi e non solo. Giusto infine l’appello per contribuire a rasserenare l’ambiente rivolto a tutte le componenti del Mondo Toro. Possiamo e dobbiamo crescere e migliorare. Tutti insieme. Forza Toro !!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  32. user-13658280 - 2 settimane fa

    mazzarri deve solo capire ke se vuole venire al toro con un super stipendio e la squadra gioca peggio delle altre al nostro livello qualcuno che si lamenta ci sarà sempre…Gasperini due anni fa ha fatto piu di settanta punti e nn credo guadagni quanto lui, pioli neanke e quello della samp neanche.. il giorno ke tutti daranno conferma ke nn è la solita squadra di cartone ma una squadra capace di dare qualche soddisfazione allora la situazione andra a posto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  33. granatadellabassa - 2 settimane fa

    Su una cosa non sono d’accordo con Serino. Per me la pausa arriva al momento giusto. Ci permetterà di recuperare i due terzini e di mettere un po’ di allenamento nelle gambe di Iago Falque.
    Poi ci sarà l’occasione per Mazzarri di fare il punto della situazione con i vari Belotti, Soriano e Baselli che per vari motivi non sono al top.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  34. granatadellabassa - 2 settimane fa

    A caldo ero deluso dalla gara. A freddo invece sono arrivato alle stesse conclusioni di Serino. Stiamo pagando episodi arbitrali negativi, abbiamo avuto diversi infortuni e i migliori non sono ancora al top. Si può crescere ancora molto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. silviot64 - 2 settimane fa

      Si sì tra qualche anno, forse … come si diceva qualche anno fa

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Vanni - 2 settimane fa

        Calma. Sono passati solo 13 anni di niente, nulla, nada. O mi son perso qualcosa della bacheca della caurese?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  35. Vanni - 2 settimane fa

    I punti si contano alla fine….di cosa?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  36. silviot64 - 2 settimane fa

    Quindi se capisco bene il tifoso paga il biglietto e non ha nemmeno il diritto di fischiare se la squadra esprime un gioco inesistente e fatica a battere una squadra che probabilmente retrocederà. O se un giocatore sbaglia quasi tutto. Beh tutte le opinioni sono rispettabili, ma mi pare un ragionamento curioso. Mi spiace perché serino è una bandiera, ma essere aziendalisti a ogni costo non gli fa onore. Allora ci metta la faccia e chieda a Cairo di assumerlo come adddetto stampa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Vanni - 2 settimane fa

      Il Toro di presiniente bisogna sempre applaudirlo. Vogliamo la B?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. silviot64 - 2 settimane fa

        Si chiamano claques… se vuoi farne parte accomodati. Io resto in piedi …

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. alexku65 - 2 settimane fa

      Dice anche che bisogna ragionare….mmm non capisco più….Se si ragiona si razionalizza e se si discerne si può anche decidere di fischiare…ma poi dice anche che non bisogna, che bisogna esser un corpus unico..solo nei regimi ho visto un popolo esaltante sempre…Quindi riassumendo si può dire fi ragionare solo se si propende per il consenso ….beh qui siamo di fronte a ragionamenti di alta filosofia sociale.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. larry yuma - 2 settimane fa

      Serino Rampanti, ex giocatore del Toro e Allenatore, non dice che non bisogna fischiare la squadra, dice che non bisogna fischiare il singolo durante la partita ma sostenerlo. Poi a fine partita si fanno i conti. Fare diversamente è controproducente

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  37. alexku65 - 2 settimane fa

    Mamma….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  38. alexku65 - 2 settimane fa

    Mamma…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy