Rampanti: “Belotti troppo generoso: deve tenere le energie per fare gol”

Rampanti: “Belotti troppo generoso: deve tenere le energie per fare gol”

Parola al Mister / Il nostro Serino Rampanti analizza Torino-Atalanta 1-1: “Il Gallo è in ripresa, ma preferirei tornasse un po’ di meno per poi essere più lucido sottoporta”

37 commenti

Archiviato il pareggio contro l’Atalanta, il Torino si affaccia alle ultime 4 giornate del girone di andata con appena 20 punti raccolti. Per analizzare l’1-1 contro la Dea e in generale il momento granata abbiamo dato un’altra volta “Parola al Mister” Serino Rampanti.

Serino, cosa ne pensi della prestazione di ieri contro l’Atalanta? Quanto meno, si è visto un Belotti leggermente più in palla…

Voglio premettere che sono molto contento di leggere i commenti sotto questi articoli: molti analizzano le cose con criterio. Questa cosa mi incoraggia a continuare questa collaborazione. Fatta questa premessa, cominciamo nel dire che la formazione di base e il sistema di gioco erano quelli ideali: Miha ha messo in campo l’undici migliore. Il Toro si è presentato bene, la quadratura negli uomini è stata trovata. I difensori si stanno comportando bene, ma davanti però c’è ancora carenza di gol. Belotti sta cercando il gol, e il Toro ha bisogno di lui. Ma cosa deve fare questo attaccante per ritornare quello di prima? Il Belotti che torna indietro, che va a recuperare palloni in continuazione, mi starebbe anche bene, ma se riesce poi a segnare arrivando lucido davanti alla porta. Se si deve spompare dietro per poi mancare davanti, allora preferisco che resti nella metacampo avversaria e non torni troppo indietro. Poi non è nella sua mentalità fare questo, ed è un merito, ma le cose si devono bilanciare: preferisco un attaccante fresco lì davanti, che è uno affaticato che non vede la porta. Lui è in netta ripresa, ma il continuare a tornare penso che gli tolga freschezza: deve aiutare ma fino ad un certo punto. Un po’ di energie deve tenerle per dove serve: è troppo generoso in certe occasioni. E’ un complimento il mio, ma questo giocatore serve più davanti che dietro. Anche i compagni gli dovrebbero dire: “Stai un po’ davanti che dietro ci pensiamo noi”.

Il Toro è crollato quando l’Atalanta ha iniziato ad alzare il ritmo. Eppure nel primo tempo i granata avevano tenuto bene il campo, pur senza esaltare.

L’Atalanta sbagliava molto nel primo tempo, mentre nella ripresa è stata la solita Dea. Nella ripresa la squadra di Gasperini si è imposta. Ha qualche giocatore veramente bravo, come Gomez e Ilicic, il quale ha cambiato la partita. Il Toro poteva vincere nel primo tempo e perdere nel secondo. Ho l’impressione che se il Toro riuscisse a distribuire bene le energie si potrebbe fare bene già nell’immediato futuro, la squadra mi sembra compatta. Certo, però, mancano diverse cose: la continuità di Ljajic, i guizzi di Iago – e poi questo aspetto sottolineato prima di Belotti… Il Toro, comunque, giocando come nel primo tempo anche in futuro potrebbe recuperare terreno. Quei tre la davanti però devono fare quello che sanno con più continuità…

Serino Rampanti al Filadelfia, intervistato da Bruno Bernardu

Un aspetto secondo me abbastanza preoccupante che la partita di ieri ha messo in luce è la totale mancanza di automatismi nella squadra granata. Contro un avversaria organizzata tatticamente come l’Atalanta, si è vista una notevole differenza tra i due modelli di gioco…

Vedendo le due squadre a confronto, effettivamente nell’Atalanta si vedono certi automatismi, come i frequenti cambi di campo per Gomez. Mi limito a dire che, sì, sarebbe bello vedere qualcosa di questo tipo anche nel Toro…

In ogni caso, ieri il Toro ha raccolto un altro pareggio contro una diretta concorrente per l’Europa. La partita ha detto che l’Atalanta è più forte di questo Toro?

Premetto che io mi aspetto che l’Atalanta faccia meglio nel girone di ritorno rispetto a quanto dimostrato fino a questo momento. Aspettiamoci punti in più da loro. Poi, ho l’impressione che il Torino debba aver più timore delle squadre che stanno sotto in classifica, che delle grandi. In generale, i granata devono migliorare in certi automatismi, fare un lavoro di resistenza alla velocità. Fare qualche cambio di passo costante, mantenendo il ritmo per 95′. Ieri si è andati bene nel primo tempo, ma non bene nel secondo: può darsi che si debba migliorare anche nella prestazione atletica. Possono essere tante le ragioni. Se secondo me l’Atalanta è più forte? Secondo me verrà fuori di più. Fuori casa finora ha fatto poco, ma non aspettiamoci che continuino così. Il Toro dalla sua può ancora crederci: piano piano si è riassestato…

TURIN, ITALY – DECEMBER 02: Andrea Belotti of Torino FC salutes at the end of the Serie A match between Torino FC and Atalanta BC at Stadio Olimpico di Torino on December 2, 2017 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

Adesso arrivano, però, due partite difficili contro Lazio e Napoli…

Sento dire: “Con le grandi non faremo mai punti”, penso che non sia vero. Ripeto, ho più timore di chi sta sotto o a pari punti: contro le altre, il Toro fa quasi sempre delle buone gare. Questo mi lascia ancora qualche barlume di speranza. Se il Torino facesse il pieno contro le squadre sotto non avrebbe problemi: ma i problemi sono proprio lì…

Per raccogliere gli stessi punti dell’anno scorso al giro di boa (29) servono tre vittorie tra Lazio, Napoli, Spal e Genoa. Missione impossibile?

Potrebbe succedere. Se Belotti fa quello che ho detto prima, e se la squadra rimane compatta, con Ljajic e Falque a migliorare in fase di conclusione, si potrebbe fare. E’ difficile ma si può fare. Mai dire mai.

37 commenti

37 commenti

  1. Filadelfia - 2 settimane fa

    Sulla Stampa di oggi articolo sul corteggiamento di Cario a Gasperini. Non so quanto ci sia di vero ma spero tantissimo che arrivi Gasperini. E’ il TOP degli allenatori per la fascia medio alta. Gli altri sono ripieghi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Simone - 2 settimane fa

    In compenso abbiamo guadagnato un punto sulla samp :-)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-13651922 - 2 settimane fa

    …e Zapata segna ancora

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. renato - 2 settimane fa

    E’ difficile non condividere quello che dice oggi Serino. Personalmente sono sempre stato dell’idea che un attaccante deve fare l’attaccante, il difensore il difensore, ecc. Certo, ci va un po’ di flessibilità come in tutte le cose, però è difficile pensare che uno che l’attimo prima era nella nostra area a difendere nel’attimo dopo sia pronto come un furetto a fare gol dall’altra parte. Serve rientrare per gli uomini che dovrebbero impostare l’attacco? Fino ad un certo punto, non c’è solo Belotti e compagni, ce ne sono altri 8 o 9 che dovrebbero dare garanzie in difesa, essendo il calcio un gioco di squadra e non individuale. Il gioco che io vedo oggi (non soltanto del Toro) mi sembra più vicino alla pallacanestro che al calcio: tutti avanti e tutti indietro inn continuazione. Quando li guardi ti viene il mal di testa…
    Peccato che il campo da basket sia leggermente più corto…
    Anche a riguardo di Barreca avrei qualcosa da ridire. Sembra quasi (a leggere dai commenti dei vari giornalisti) che la partita l’abbia persa solo lui! Gli altri 10 dove erano? Sono tutti così perfetti? Cerchiamo di esseere un po’ obiettivi, a tutti capita di sbagliare di tanto in tanto ma non li mettiamo al muro per questo. Se così fosse i vari Niang, Gustafson, De Silvestri ecc ecc sarebbero già in paradiso da un bel pezzo!
    A proposito di rientri ieri ho visto Ljaic tornare più indietro del solito. Va bene, ma anche per lui vale un po’ lo stesso discorso fatto per Belotti. Facciamo lavorare quelli preposti a farlo!!!
    Ultima considerazione: gli anni passati ci lamentavamo un po’ tutti del gioco di Ventura, il famoso Tiki Taka fatto di infiniti passaggi indietro al portiere e gioco orizzontale sulla nostra trequarti. Mi sembra che non sia cambiato nulla, anzi, siamo molto peggiorati sotto questo aspetto. Ieri Sirigu è quello che ha toccato più palloni di tutti…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Grande Torino - 2 settimane fa

    Ha ragione Rampanti, va bene ritornare ma poi in attacco non ci rimane nessuno e far gol diventa difficile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Mario66 - 2 settimane fa

    Trompo buono Serino anche se tra le righe dici quello che pensi e che io condivido: l’Atalanta è una squadra organizzata noi un gruppo di giocatori messi in campo alla viva il parroco. In questo modo si corre male e si spendono energie inutili. Capita spesso di vedere gente che porta troppo la palla e gente che nel frattempo guarda ferma perché non sa cosa fare. Basta Presidente!!! ……. non posso più vedere Mihalovic neanche in fotografia. La butto lì:voglio Ancelotti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. fabrizio - 2 settimane fa

    certo vittorie contro lazio napoli e genoa. segnano Ljiaic boyec e de silvestri

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. BruceLee Granata - 2 settimane fa

    Beh almeno sicuramente si resta in A…questo sicuro…. io vengo da epoche ben diverse dove il mio amato TOTO e’ sempre stato terra di conquista per falsi imprenditori che avrebbereo ed hanno distrutto la LEGGENDA….quindi sempre per me ben vengano i CAIRO ed i MIHA

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. antijuve - 2 settimane fa

    Anche quest anno sarà per il prox… squadra da 10 12 posto… allenatore bravo in sala stampa.. il resto è da mani sui capelli

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. BruceLee Granata - 2 settimane fa

    sempre forza TORO e rispetto per i ragazzi che hanno indossato la maglia della CHAPO questo deve essere chiaro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. granata59 - 2 settimane fa

    Non vogliamo essere tutti allenatori come dichiara qualcuno !
    ma è inaccettabile continuare a vedere una squadra che non gioca , continuare a vedere giocatori che non impostano un azione in campo , continuare a sentire le solite e assurde scusanti di un mister che adesso accetta tutto , ma prima ha sempre dichiarato che noi giochiamo per vincere , ma forse se pareggiamo è un miracolo , metti Niang o togli Niang
    il disastro è totale.
    Almeno DOVEVATE onorare una maglia che avete indossato in memoria della Chapecoense
    e in onore di una maglia GRANATA che dovete rispettare sempre e questo non lo state facendo , questo non è colpa dell’allenatore e colpa Vostra.
    Io amo il Toro sono cresciuto al Filadelfia e tiferò sempre per questa maglia
    ma questa squadra non è il Toro !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. dinogius_271 - 2 settimane fa

      dici che non c’è gioco ma non è compito dell’allenatore dare gioco alla squadra ?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. BruceLee Granata - 2 settimane fa

    Possiamo tifare Toro senza eleggerci allenatori o possibili conoscitori di come si mette in campo una squasra ? Basta fratelli analizzare ogni singolo errore del Mister. Lasciamolo fare e si vedra’. Adoror questo sito e vivo leggendo i commenti sull nostro TORO ma chi e’ vero granata rispetta societa’ che ci ha dato tanto e MIHA CHE HA LE PALLE. vi ricordo che ultima volta che ho quasi goduto era per l’EMILIANO che ha alzato la sedia…..il resto e’ stato noia totale e se l’ultima coppa che abbiamo vinto e’ stato grazie a Pennellone questo la dice tutta. Noi siamo il TORO e dobbiamo essere sempre con CAIRO, MIHA e la squadra

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 2 settimane fa

      A tuo avviso dopo un anno e mezzo è lecito esprimersi su Miha?
      Dopo quanto tempo lo si può fare?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. prawn - 2 settimane fa

      Miha ha le palle?
      E perche’ fa giocare giocatori fuori condizione (Incluso il Gallo) o perche’ fa giocare (E lascia acquistare) Sadiq al posto di far giocare Niang titolare?

      Perche’ non ha le palle di provare qualche giovane dal primo minuto?

      Perche’ ci ha messo quasi un anno a fare marcia indietro dal 4231?

      A me sembra che sia bravo in conferenza stampa ma che sia negato sia a gestire un team, una squadra e a cambiare le partite in corsa, e pure a prepararle.

      Ne avra’ preparate bene 3/4 al toro da quando e’ arrivato, tipo quella contro l’Inter, davvero troppo poco

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Athletic - 2 settimane fa

      Lo lasciamo fare per forza, anche perchè non siamo noi a decidere. Ma permetti che si possa esprimere un’opinione ? A differenza del nostro mister, io danni non ne faccio scrivendo quì quello che penso, lui invece dopo aver fatto spendere alla società diversi milioni di euro in maniera del tutto inutile, ha praticamente buttato via una stagione. Lo possiamo dire ?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Granat....iere di Sardegna - 2 settimane fa

      L unica palla che conta nel calcio è il pallone che, possibilmente, deve entrare nella porta avversaria. Delle presunte palle di Mihajlovic ne ho, appunto, le palle piene. Se volevo assistere allo spettacolo di un macho andavo in qualche locale notturno. Voglio un allenatore di calcio che faccia giocare la squadra e la faccia vincere, che poi è il lavoro per cui è pagato. Tifiamo tutti il Toro in tutte le sue componenti, mister compreso, ma proprio perché siamo tifosi vorremmo anche vedere risultati e non ritrovarci la domenica sera a incazzarci per la situazione. Meno palle del mister e più palloni dentro le porte avversarie please.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Marino - 2 settimane fa

      Io ho visto il Toro di Pianelli quando erano finiti i soldi. La squadra era penultima nel giorne di andata, ma non fischiava nessuno. E sai perchè? Perchè davano quello che potevano. E’ chiedere tanto che un allenatore faccia giocare i propri uomini al meglio dandogli uno straccio di gioco? Che gente tipo Niang con contratti da favola si impegni in campo? Per me no e se non lo fanno io non sto dalla loro parte.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Athletic - 2 settimane fa

    Come al solito, analisi condivisibile, educata e di buon senso. Quello che ho notato io vedendo giocare noi e l’Atalanta, è la nostra quasi totale assenza di movimento senza palla. Dopo il primo passaggio, Gomez scattava sulla fascia, noi dopo il primo passaggio stiamo fermi. Non si può costruire gioco in questo modo, secondo me. Seconda cosa, non avendo un’idea di gioco, non riuscendo a creare delle azioni manovrate, dopo decine di tentativi sterili, i giocatori perdono voglia ed entusiasmo. L’unica soluzione è l’esonero, non ci sono altre possibilità, non fosse altro perchè dopo un anno e mezzo, sottolineo, un anno e mezzo, non puoi non avere un’identità di squadra. E se non ci siamo arrivati sino adesso, è palese che non ci arriveremo mai con Mihajlovic in panchina.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. rossogranata - 2 settimane fa

      Sono d’accordissimo, e spero lo siano tanti altri.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Marino - 2 settimane fa

      Concordo, anzi vado oltre. Il problema è ancora peggiore, al di là di sostenere che un giocatore è buono o scarso e queste sono opinioni personali, è oggettivo che non ci sia un gioco. L’Atalanta si muoveva per schemi, il Toro no, loro sapevano cosa fare, noi ci appoggiamo a scelte individuali, il loro gol è dovuto a schemi, il nostro al personalismo. Va bene che alcuni giocatori sono scarsi, ma qui si vedono svarioni. Io ho avuto la fortuna di vedere il Toro dello scudetto, parevano fenomeni anche giocatori che non lo erano, ma in campo sapevano cosa fare, a chi dare la palla e a chi affidarsi in caso di problemi. Io non so se l’allenatore è da mandare via subito, secondo me Longo con questa squadra farebbe ben più punti e anche Vatta alla sua età, ma qui c’è gente in campo che non sa cosa fare e come dice Atlethic dopo un poco perde la pazienza e tira i remi in barca.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. prawn - 2 settimane fa

        Quando sbagliano sono errori individuali, quando non segnano, sono errori individuali.
        Miha e’ famoso per dire quello che pensa, quindi quelle frasi non sono finte.
        E qui e’ un altro problema enorme, come ha fatto notare un altro articolo su TN sul goal era anche colpa di De Silvestri che ha tenuto l’uomo in gioco.
        Il calcio e’ un gioco di squadra, spero che almeno su questo siamo tutti d’accordo.
        La coralita’ e’ fondamentale.

        In squadre con meno soldi di Juve, Napoli, eccetera l’allenatore deve creare un’amalgama che faccia dare di piu’ ai giocatori, l’unione deve fare la forza. E poi c’e’ il tifo, la Maratona.

        Io queste cose non le vedo con Miha. Si punta alla giocata del singolo, alla fiammata o al gallo a prendersi la palla modello Rugby.
        E il gioco ormai e’ orribile, per cui stiamo perdendo pure il tifo.

        Doppio dei punti della Spal, meta’ dei punti dell’Inter, perfettamente in mezzo. Ma son solo 10 punti dalla Spal!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Granat....iere di Sardegna - 2 settimane fa

      Mi associo al commento come ormai da un bel po. Il problema è che non ci sarà nessun esonero, salvo risultati negativi pesanti che io assolutamente non mi auguro e non voglio vedere, perché va bene sperare che il mister se ne vada ma non fino a tagliare il ramo Dove si è seduti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Simone - 2 settimane fa

    Il milan è partito con ambizioni dichiarate di scudetto e visto che non combatteranno x quello hanno cacciato Montella.
    Noi siamo partiti con ambizioni di EL ed è evidente che stiamo andando peggio dell’anno scorso eppure NESSUNO PRENDE PROVVEDIMENTI.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abatta68 - 2 settimane fa

      …hanno cacciato Montella e… Finisco la frase è vedrai che tutto ti ė più chiaro! Penso che con Gattuso faranno più punti? Per il momento il primo punto lo ha fatto il Benevento… E io godo!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Simone - 2 settimane fa

        neanche io penso che faranno tanto meglio semplicemente xke Gattuso, a mio avviso, non vale nulla come allenatore.
        Hanno preso quello.della primavera x arrivare a fine anno.
        L’esonero di Montella (come quello.di miha) è sacrosanto.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. user-13657769 - 2 settimane fa

    4 punti è già grasso che cola.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. luna - 2 settimane fa

    Se l’unica punta Belotti spesso rientra o parte dalla nostra metà campo, forse è perchè cosi vuole il Mister, li davanti le uniche palle che arrivano sono lanci lunghi o invenzioni di Ljajic e Falque che grazie al loro estro riescono in qualche modo a costruire qualche cosa, ma non si vede mai una trama di gioco.
    Tutto il potenziale a disposizione sulle fasce non viene sfruttato perchè manca a centrocampo un uomo in grado di far dialogare la punta con le ali, diventa cosi tutto molto prevedibile e sterile, solite corse sulle fasce traversoni e lanci lunghi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. prawn - 2 settimane fa

    Bentornato Serino,

    sei un po’ troppo gentile (forse per non far polemica, per carita’, ci sta’, con il nostro mister).

    Il fatto che gli attaccanti (tutti eh…) debbano andare fino alla nostra linea di porta constantemente li sta sfiancando.
    Non e’ un problema nuovo, l’anno scorso mi ricordavo commentare quando il toro di miha giocava ‘bene’ che finiranno la benzina presto.
    Quest’anno pare che la benzina non l’abbiano manco fatta.
    Di ieri mi ricordo Ljacic a buttarla in calcio d’angolo…
    Mi pare troppo sacrificio, specie col 433.
    Chiaro prendiamo meno goals, ma non ne facciamo piu’.
    Anzi ne sbagliamo una caterba (vedi anche contro il Carpi), roba facile.

    E poi c’e’ l’organizzazione di gioco, ho visto l’Atalanta contro l’Everton e contro il Benevento, Gasperini li fa muovere a ‘rete di ragno’ attorno al portatore di palla, ci sono sempre due alternative (non complicate) per il passaggio.

    Spesso noi, dal portiere in su, non si sa dove tirarla.
    Oppure si deve fare la giocata difficile.
    Oppure si deve cambiare fascia.

    Ecco, cosi’ si perdono tante palle e poi si deve rincorrere l’avversario.

    L’unico che puo’ sistemare il gioco e’ l’allenatore e non vedo segni di intelligenza da quando e’ passato al 433 dall’altro modulo.

    Non ci siamo, e mi spiace ma 3 vittorie nelle prossime gare sono completa follia, non ce faranno mai. Non col Napoli, ferito dalla Juve, non con la Lazio sempre ben messa in campo.

    Con la Spal e il Genova mi aspetto 4 punti in tutto, vedremo.

    Se ne facciamo 6 da qua alla fine e’ un miracolo: Miha non sta vedendo i problemi o non sa come risolverli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Simone - 2 settimane fa

    9 punti nelle prossime 4 giornate?!?!
    Più che un’ipotesi sembra un sogno

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. rogozin - 2 settimane fa

      Non c’è alcun segnale che permetta di immaginare che si verifichi una simile eventualità: il gioco della squadra, i risultati ottenuti finora e le, oggettivamente, modeste capacità del tecnico. Allora, per sperare che ciò avvenga bisogna entrare in altri ambiti: la miracoli stica,il paranormale e la speranza.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. granatadellabassa - 2 settimane fa

    Poi mi fa piacere che si sia tornati (spero definitivamente ) al 4-3-3. Però vuol dire aver buttato mesi e mesi di lavoro. È da febbraio che Mihajlovic sta lavorando su questa stagione e a dicembre stiamo parlando di una squadra che ancora non ha automatismi.
    Non esiste proprio, fossi in Petrachi e Cairo qualche domanda sul mister me la farei.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. granatadellabassa - 2 settimane fa

    Condivido pienamente l’analisi su Belotti. Non può sfiancarsi in difesa per essere poco lucido e poco presente in area. Possibile che nessuno glielo dica?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. FVCG'59 - 2 settimane fa

    Serino, io dico che a questa squadra manca il coraggio e la serenità per giocare: mai un passaggio di prima, sempre controllo-passaggio in dietro e/o in orizzontale, verticalizzazioni un sogno mai visto (se non da rare giocate di Ljajic).
    Bisogna credere ed insistere sui piedi buoni: ho visto la partita di Benassi oggi…se penso che gioca Rincon al suo posto, un modestissimo mediano, strapagato ai gobbi e con tanti giovani italiani che potrebbero fare di più e meglio (anche Acquah, comunque, lo preferisco a lui); Burdisso, ottimo difensore, grintoso e d’esperienza, ma i piedi di Lyanco sono di ben altra natura e, se si guarda al futuro, DEVE giocare, sbagliare ma così crescere ed imparare…
    Il Gallo sta tornando ma concordo con te: dovrebbe correre meno in difesa per essere più lucido sotto porta, ma lui è fatto così.
    Baselli invece mi preoccupa un po’: sta regredendo un po’ troppo per il suo talento.
    Se i centrali di difesa non sono più il problema, ora lo sono però i due terzini: De Silvetri e Barreca.
    Vedo troppi problemi irrisolti per sperare nell’EL, mister in primis…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. rossogranata - 2 settimane fa

    Ho sempre apprezzato le valutazioni di Rampanti e sono sempre più convinto che abbiamo una rosa di giocatori da fare invidia a tante che sono prima di noi in classifica . Quello invece che mi preoccupa è il “nocchiero” della nostra squadra che non ha le capacità, la mentalità di un professionista come Gasperini e anche Gianpaolo che lo scorso anno si era offerto al Toro in una pagina di un quotidiano sportivo tutta dedicata alle sue idee (schemi e gioco) per guidare una squadra di calcio di serie A . Quante occasioni abbiamo perse con Cairo ed i suoi collaboratori. Purtroppo !!!
    L’Atalanta ha scoperto un aspetto secondo me abbastanza preoccupante della partita mettendo in luce è la totale mancanza di automatismi nella squadra granata. Contro un avversaria organizzata tatticamente , si è vista la notevole differenza di gioco con il Toro. E sinceramente, dal modo come si era messa la partita, mi sono preoccupato che non avremmo resistito fino al pareggio.
    I massimi dirigenti granata devono riflettere attentamente se continuare questo stillicidio con un allenatore che non ha la fiducia di tantissimi e non tanti tifosi della Maratona ma anche quelli che non possono frequentare lo stadio. Basta ricordare il sondaggio recente fatto da ToroNews!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granat....iere di Sardegna - 2 settimane fa

      ma il tifoso ragiona con la pancia, petrachi dixit…dunque il mister resterà a meno di disastri che io francamente non auspico…per il resto direi che Rampanti sta diventando un ottimo diplomatico, dice e non dice…ma l’impressione è che abbia più di una perplessità sulla guida tecnica….del resto come ha giustamente fatto notare qualcuno, siamo da febbraio senza una identità tattica precisa: 433 poi 4231 perché ljiaic rendeva meno e acquisto di niang, ora di nuovo 433 dove lijaic di nuovo rende meno, 15 milioni più bonus in panca (volendo trascurare boyè e berenguer) e di nuovo ljiaic che rende poco, oltre a Iago che, come è normale che sia, è un po appannato…in tutto questo pareggiamo con l’Atalanta per un errore individuale di Barreca (!), che rientrava dopo un infortunio e può anche sbagliare come tutti (De Silvestri per esempio), come se la partita fosse durata giusto il tempo dell’errore di Antonio. Insomma gli errori del tecnico di che natura sono? non sono forse individuali anch’essi?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. prawn - 2 settimane fa

        L’unico errore inviduale e’ stato assumere Mihalovic.
        Non capiro’ mai quella scelta, anche se fosse andata meglio sarebbe stata una scelta azzardata, anche ignorando i suoi fallimenti in giro per l’Italia e la Serbia come allenatore il fatto che proponesse un gioco cosi’ lontano da quello di ventura e’ stata cmq una follia.
        Troppo da cambiare in rosa, troppi giocatori che erano abituati a giocare in maniera diversa.

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy