Ormezzano sulla stagione del Toro: “Per descriverla bastano tre righe. E le lascerei vuote…”

Ormezzano sulla stagione del Toro: “Per descriverla bastano tre righe. E le lascerei vuote…”

Esclusiva TN / Lo storico giornalista: “La qualificazione in Europa League sarebbe stata inutile. Il Filadelfia? Non credo al fattore campo”

di Marco De Rito,

Il Torino visto con gli occhi di una persona che di storie granata ne ha viste tante. E le sa raccontare bene, come pochi altri. Ai nostri microfoni Gianpaolo Ormezzano, maestro del giornalismo sportivo italiano e attualmente penna del Corriere Torino, tira le somme su una stagione del Torino che ha disatteso un po’ le aspettative generali. Ormezzano racconta come l’ha vissuta, sempre in prima linea, e come giudica il campionato che da poco si è concluso con qualche aneddoto che fanno riferimento al passato e alle sue esperienze.

Gianpaolo Ormezzano, qual è il suo giudizio sulla stagione del Torino? 

Una stagione pessima. Io l’ho vissuta quasi tutta allo stadio, perché credo ancora in un certo tipo di calcio, ma se dovessi descrivere questo campionato mi basterebbero tre righe. E le lascerei anche vuote. Io penso che anche dalle tragedie si possa sempre trarre qualcosa di positivo ma questa stagione è stata veramente insulsa, senza emozioni. Quest’anno c’erano anche le giuste condizioni per fare bene. Abbiamo trovato un portiere fortissimo, dopo anni. Non siamo neanche stati sfortunati. Abbiamo vinto partite come quella di Benevento, dove gli avversari meritavano almeno un pareggio. La dea bendata non ci era contro. Anche il derby è stato perso ma non particolarmente rubato. L’indole del Toro è quella di soffrire e lottare sempre, si sarebbe dovuto fare qualcosa di più per cercare di portare a casa qualche risultato. Contro la Juventus se non ci mette un po’ di cattiveria in più, è ovvio che si perde il derby. È stato un vero peccato anche perché la volontà e gli investimenti del presidente c’erano stati.

L’Europa League era un obiettivo raggiungibile, considerando le condizioni nelle quali si era partita?

Ad un certo punto ci si è messi a fare dei calcoli inutili per raggiugnere l’Europa League, non si sa per quale motivo dato che anche se ci fossimo entrati sicuramente non l’avremmo giocata per vincere. Sarebbe stata una qualificazione inutile. Solo quel Toro che ho visto ad Amsterdam era in grado di poter vincere quel trofeo.

Il campionato non è andato secondo le aspettative generali, di chi sono le maggiori colpe?

Sinceramente non saprei di chi è stata la colpa. Non penso mai sia degli allenatori, anche perché quest’anno il Torino è stato allenato da due bravi tecnici, ognuno con le sue caratteristiche. Come già detto Cairo ha fatto degli investimenti importanti ma alcuni giocatori non hanno reso ci si aspettava. Statisticamente parlando sono sicuramente mancati i gol di Belotti. Il calcio è un sport micidiale, devi segnare, se i gol vengono a mancare sono problemi… ma forse è anche per questo che è così emozionante. In ogni caso né il Gallo, né Baselli quest’anno hanno giocato come ci si aspettava, per colpa di infortuni e altre situazioni: avrebbero dovuto essere il valore aggiunto del Torino. 

Marco Berry promuove il Toro: “Stagione da 6.5. E Mazzarri sarà decisivo”

Mihajlovic dichiarò: “Il Filadelfia porterà 6-8 punti in più”. Tirando le somme finali, non sembra che ciò sia successo. I ragazzi del Toro hanno compreso il significato dello stadio?

Ve lo dice uno che ha vissuto il vero Filadelfia: io non credo a queste cose. Con tutto il rispetto per i tifosi che vanno allo stadio per tifare, il fattore campo, secondo me, non esiste. Stiamo parlando di professionisti, che sono pagati tantissimi soldi per correre, ci mancherebbe altro che non avessero le motivazioni. Con tutti quei soldi non deve cambiare molto, per un giocatore, se un tifoso lo incita o lo fischia, sarebbe grave il contrario. Se il fattore campo contasse vorrebbe dire che lo farebbe per intimidazione: speriamo, quindi, che non accada mai. 

Passiamo ad un argomento a lei caro, come giudica la gestione dei giovani da parte del Torino? 

In questo Toro manca una vera politica per i giovani. Non vengono risaltati e vengono bruciati troppo presto. Barreca dopo essere stato lanciato è sparito, Edera devo capire ancora se segna solo a Roma o se può veramente fare bene in futuro. Ci deve essere maggiore organizzazione sotto questo punto di vista.

Come giudica il probabile ritorno di Bruno Peres? 

In modo molto positivo. Speriamo che dietro non ci siano strani discorsi di mercato, perché io sono sempre dubbioso su questi ritorni. In ogni caso si tratta di un ottimo acquisto, può fare bene al Toro. Dando la giusta grinta ed il giusto sprint sulla fascia, se ritorna ad essere il giocatore che tutti noi ricordiamo, ci darà delle soddisfazioni. A proposito di esterni, vorrei sottolineare l’ottima stagione di De Silvestri. L’unico giocatore che mi ha convinto e mi fa ben sperare per il futuro è proprio lui. L’ex Sampdoria e Lazio lotta sempre, ci mette in campo la grinta e i gol che ha segnato ne sono la dimostrazione. Se guardiamo la scorsa stagione, è l’unico giocatore del Torino di cui si può parlare in questi termini. 

Piero Chiambretti: “Non per forza vince chi spende. Belotti? Spero resti, se ha voglia…”

Il suo sogno di mercato?

Non ho sogni. Nel calcio nessuno fa la differenza. L’ha fatta solo Valentino Mazzola nel Grande Torino e Diego Maradona nel Napoli. Quando si fanno acquisti costosi, poi si rischia che non rendano e sono soldi buttati. Io il miglior Toro che ho visto è stato quello del 1949/50, con una squadra costruita in cinque minuti dopo la tragedia di Superga, questo la dice lunga sull’importanza del mercato. Io non farei il calciomercato, ormai è tutto in mano ai procuratori, non ci possono essere sogni. Il mio calciomercato è promuovere i giovani della Primavera o altrimenti scovarne di nuovi in giro per il mondo. In verità, forse, un sogno ce l’avrei. Vorrei vedere Milinkovic-Savic a centrocampo! Se in porta ha davanti un grande come Sirigu, lo si può sfruttare come specialista delle punizioni. Ha anche un’ottima fisicità. Le situazioni da calcio da fermo possono essere determinanti durante una gara e una risorsa del genere è veramente un peccato non poterla sfruttare…

39 Commenta qui
  1. BACIGALUPO1967 - 4 mesi fa

    Quasi tutto condivisibile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. prawn - 4 mesi fa

    Mah, non credo che Mihalovic sia un buon tecnico (lasciando gli insulti nel cassetto), questo perche’ non ha mai vinto niente o fatto nulla in italia (o con la serbia) come allenatore.
    WM l’ha fatto e pare decisamente piu’ solido.
    Son d’accordo che il Fila non da punti perche’ il fila e’ un concetto non uno stadio appena rifatto, e’ meglio di prima, ci si allena li, ma guai a pensare che facciamo piu’ punti solo per quel motivo.
    Dovremmo farli anche solo dopo il pellegrinaggio a Superga, ma non succede sempre.
    Sono d’accordo che sono mancati i Goals del Gallo, ci mancherebbe, eravamo piu’ solidi dietro, portiere e difesa, eppure lui niente.
    E tanti qui benediscono Iago,Ljacic,De Silestri, Ansaldi per cui non mi venite a dire che gli sono proprio mancate delle palle, se sono mancate e’ colpa della mancanza di schemi dell’allenatore.

    Io spero tanto che la questione gallo venga risolta come si deve dalla diregenza, che lui parli con WM, Petrachi e Cairo, che sia carico per una stagione che punta all’Europa al Toro altrimenti meglio far le valigie.

    Perche’ un gallo come quello di quest’anno e’ meglio non averlo, e’ ora di essere onesti.

    Niang, Rincon hanno deluso. Baselli delude (ma finisce in crescita) tutti gli anni.

    A pensar male.. Secondo me c’e’ gente che gioca meglio vicino al calcio mercato… Ma saranno solo impressioni.

    Va detto che con una Societa’ che non investe (qua non sono sicuro che concordo con l’Ormezzano) come si deve (Che vuol anche dire spendere bene, no sole tipo Niang perche’ lo dice Miha) la voglia di restare passa anche ai migliori.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. prawda - 4 mesi fa

    Ormezzano e’ partito in modo molto severo, forse persino troppo, ma poi ha rinculato di colpo ed e’ andato a mio parere un poco fuori giri. Francamente non si puo’ leggere per ben due volte che Cairo abbia fatto importanti investimenti perche’ e’ una castroneria ed il bilancio appena reso disponibile lo dimostra. Non credo che ad 80 anni Ormezzano si faccia dei problemi a rivolgere qualche critica al suo attuale datore di lavoro, ma questa resta una intervista senza particolari approfondimenti, senza nessun colpevole e con alcune esagerazioni come quella di Milinkovic a centrocampo davvero poco sensate. Infine una considerazione ma cosa significa che andare in Europa sarebbe stato inutile perche’ tanto non avremmo avuto la squadra per vincere? Allora che serve partecipare al campionato che tanto non si ha nessuna possibilita’ di vincere, tanto vale chiudere per seguire il ragionamento di Ormezzano.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. dukow79 - 4 mesi fa

      Al campionato con Cairo si partecipa per non retrocedere. Lo scudetto della Cairese è il mantenimento della categoria. Chi si lamenta di questo è solo un gobbo…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. abatta68 - 4 mesi fa

      Prawda credo che tu non abbia mai sentito parlare Ormezzano o abbia mai letto dei suoi articoli, altrimenti avresti apprezzato sia Milinkovic a centrocampo come elemento ironico, sia la parte seriosa in cui sostiene che a nulla serve entrare per il rotto della cuffia in EL, cosa che sostengo anche io, se non si costruisce una squadra per l’EL (che tradotto in italiano significa non superare nemmeno i preliminari).
      Il valore di un ‘intervista poi è data dalle domande che fà il giornalista, le risposte sono la conseguenza, ti pare?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. prawda - 4 mesi fa

        abatta68 – Perdonami ma Ormezzano l’ho letto e spesso, non l’ho mai apprezzato in modo particolare come giornalista mentre sicuramente mi faceva piacere la sua torinesita’. Pero’ queste sono opinioni personali, tra l’altro come lo sono quelle di Ormezzano che possono essere condivise o meno ma che non sono delle verita’ assolute e nemmeno vi si avvicinano. Infine io di ironia in Milinkovic a centrocampo non riesco a vederne, sara’ un mio limite, come il non serve andare in europa e’ per me una castroneria perche’ allora tanto vale tirare giu’ la serranda.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. FVCG'59 - 4 mesi fa

    “Per descriverla bastano tre righe. E le lascerei vuote…” è tutto concentrato e ben rappresentato in questa affermazione il GPO pensiero: il resto fa parte del personaggio e della sua filosofia granata.
    Le grandi squadre hanno grandi giocatori a centrocampo: Rincon, Acquah, Baselli, Valdifiori, di 4 non ne fai 1 (Obi non è a posto fisicamente ma è il migliore della banda).
    Il Gallo ha avuto troppi problemi fisici, psicologici e pressione, per poter ripetere l’anno precedente: non è colpa sua e aveva il deserto tecnico a supporto…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. dukow79 - 4 mesi fa

    “Anche il derby è stato perso ma non particolarmente rubato.” lol

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abatta68 - 4 mesi fa

      quello è il passaggio migliore di tutti…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Daniele abbiamo perso l'anima - 4 mesi fa

    Grande rispetto per Ormezzano, e buona analisi nella prima parte dell’intervista …
    dopodiché penso scherzasse.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abatta68 - 4 mesi fa

      …più che ovvio, conoscendo il personaggio, che parla per come scrive e scrive per come parla… qualsiasi cosa dica o scriva è sempre giusta, per il semplice motivo che è una persona che conosce lo sport, la storia, il giornalismo, la filosofia… e quando parla da tifoso esce sempre la sua parte sensibile, anche in senso filosofico.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. bertu62 - 4 mesi fa

    Buongiorno a tutti…
    Allora, partiamo dall’età di Ormezzano, che è del ’35…..Questo per dire alcune cose, prima fra tutte che se non è l’unico è certamente uno dei pochi a poter dire e scrivere di TORO a ragion veduta, avendone vissuto le vicissitudini per decenni, oltre ad aver visto DA VIVO giocare gli IMMORTALI! Pertanto quando afferma che i calciatori di oggi sono PAGATI, E MOLTO, per fare quello che fanno (cioè correre dietro ad un pallone) è evidente che ha in mente la differenza fra l’oggi appunto ed i tempi d’oro del vecchio Fila, quello sì che era uno stadio che faceva la differenza, ECCOME, ma la faceva CON QUEI GIOCATORI, che poco o nulla aveva dei “mercenari” di oggi (il gran rifiuto di Valentino Mazzola alla Juve di quei tempi fa a cazzotti ad esempio con l’Higuain di oggi, per dire…)…..Ed anche sull’aspetto di una eventuale qualificazione in EL ha ragione: cosa sarebbe cambiato? Che FIGURA avremmo fatta se anche avessimo raggiunto la qualificazione per giocare in Europa? Quella della squadra-materasso, della “cenerentola”, di quella insomma più debole che perfino dei semi-professionisti potrebbero battere (vedere l’Inter contro l’Hapoel Beer Sheva!!!)….Infine le frasi provocatorie su quanto possano incidere le strutture oggi in una partita oppure il fatto di schierare il nostro portiere di seconda in campo come giocatore per calciare le punizioni: sono da leggere come “provocazioni”, come dei modi intelligenti usati da persone intelligenti per porre domande e sollevare quesiti in modo intelligente! Perché sono stati spesi 6MILIONI per MIlinkivic e non gioca mai? Perché affittiamo uno stadio vecchio, antiquato e gravato da debiti dal comune di Torino e lo stesso Comune non ha permesso di costruirne un altro al posto di quello abbattuto in Via Filadelfia, ma lasciando SOLO i permessi per un impianto Sportivo (capienza ridotta a 4000 posti MAX)? Che ci sia la “Lunga Mano” dei poteri FIAT dietro? Risposta scontata……

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. user-13685686 - 4 mesi fa

    E l’unico giornalista tifoso degno di nota quindi sciacquatevi la bocca voi che lo criticate

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 4 mesi fa

      A me piacerebbe che ogni tanto i giornalisti, tifosi e non, facessero qualche domanda scomoda ai propri interlocutori. Così eh, tanto per dimostrare un po’ di neutralità…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. steacs - 4 mesi fa

        Mi ricorda un spettacolo di Grillo di anni fa quando parlando di Tronchetti Provera che si era creato “Pirelli Re immobiliare” si vendeva da solo i beni immobili di Telecom e Seat Pagine Gialle… del tipo “dai fammi un pó di sconto”… “eh ma non posso sono giá al minimo”…

        Italia paradiso dei CONFLITTI DI INTERESSE! :)

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. steacs - 4 mesi fa

    E’ partito bene, lucido e dicendo cose condivisibili poi dalle colpe in poi si é perso… per poi finire in vaneggiamenti sul fattore campo e i portieri a centrocampo….

    Comunque la colpa ha perlomeno 2 nomi, quelli che decideranno con il loro calciomercato il destino della prossima stagione.

    Se un giorno si vincerá qualcosa loro avrebbero i meriti no?
    Quindi per adesso inutile supercazzolare… è colpa del solito tandem del Gatto&la Volpe.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marino - 4 mesi fa

      Il gatto e la volpe? Qui c’è il gatto e il gatto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. bertu62 - 4 mesi fa

      Fratello @steacs, il numero delle spolliciate verso il basso Ti dimostra quanti ancora ritengono che tutti quelli che indicano Il Fantastico Duo come unici colpevoli dei guai del Toro credano invece che siano Uno Il Messia e l’altro Lo Spirito Santo…….Ahahahahha :-) :-) ….Non ti curar di Loro, ma guardali, compatiscili e PASSA!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. steacs - 4 mesi fa

      Tanto parlano i fatti, in un campionato sempre piú scarso a livello tecnico con incremento di soldi di diritti TV ogni anno e lievitazione del valore dei giocatori, non riusciamo a fare altro che campionati mediocri… come ho detto in altri post questo mercato e la prossima stagione saranno un punto di svolta, positivo o negativo lo devono decidere loro, se non investono sappiamo come finirá e ci sará poco da difenndere anche per i fan boy… rimarranno sempre i dischi rotto del “ci ha salvato”, “quelli prima erano peggio”, “nessuno ci vuole comprare” e il migliore “perché non lo compri tu?” 😉

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. user-13658280 - 4 mesi fa

    se il fattore campo nn è determinante mi deve spiegare xche qualsiasi squadra del mondo conta piu vittorie in casa ke in trasferta a livello di statistiche…anke sinisa diceva una cosa simile ma credo ke anke x lui siano molte di piu le punizioni tirate in partite casalinghe rispetto a quelle in trasferta…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 4 mesi fa

      In

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. user-13746076 - 4 mesi fa

    Concordo solo in parte. Ormezzano e’ troppo sgamato per dire fine in fondo quello che pensa ed inoltre ama spesso provocare. Confermo la sua presenza allo stadio, l’ho visto parecchie volte.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Toro71 - 4 mesi fa

    La solita stagione anonima del Toro da 13 anni a oggi. La Cairese deve fare soltanto valenze fottendosene ampiamente di noi tifosi che con passione seguiamo la squadra.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. steacs - 4 mesi fa

      Basta smettere di fare abbonamenti…

      Zero Abbonamenti mi pare un segnale migliore che qualsiasi altro!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Giankjc - 4 mesi fa

        Magari, considerato che la sola cosa che interessaa questo affarista compulsivo è il denaro. Oltre a zero abbonamenti allo stadio, zero alle pay TV (SCANDALOSO il progetto per il prox anno) e possibilmente qualche bella figura di emme in pubblico.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Giankjc - 4 mesi fa

    Due aspetti mi trovano in completo disaccordo:
    1. Il fattore campo è DETERMINANTE SE lo stadio aiuta ad essere vicini alla squadra. Pertanto sia gli allenamente perennemente a porte chiuse e quel cesso di stadio che affittiamo sono un pessimo combinato disposto. Avesssimo uno stadio alla “Marassi” e una tifoseria partecipativa (ma l’effeccì è in opposizione di fase), si sentirebbe eccome il fattore campo, altroché!
    2. La colpa dell’ennesima stagione mediocre è da imputare in primis (con distacco) all’azienda Cairo Communicascions che fissa solo obiettivi economici e non gli frega una mazza delle prestazioni sportive. L’importante è la cassa. Mai una strigliata, mai una penale per prestazioni indegne o per l’impegno che latita, una sola accortezza: la valuta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 4 mesi fa

      Esatto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. GlennGould - 4 mesi fa

      Primo punto, già scritto come neanche io sia daccordo.Giusto anche il secondo punto (ciao Giankjc!).D’altronde ho passato l’inverno a lamentarmi di come la società a campionato in corso fosse inesistente o quasi, e questo e’ un comportamento/errore grave.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Giankjc - 4 mesi fa

        Ciao Glenn, bentrovato!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. user-13685686 - 4 mesi fa

      I tifosi tornano allo stadio se acquisti campioni non mezze seghe (il nano potrebbe spendere ma con il toro ci guadagna solo)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. GlennGould - 4 mesi fa

    D’accordo su tutto, tranne sul fattore campo.Troppo esperto Ormezzano per capire che non è stata la rosa il problema principale. Quando hai in campo gente come Sirigu, N’koulou,Baselli, Iago,Liaijc e Belotti, e giochi un campionato da decimo posto, è evidente che c’è stato qualche problema di altra natura.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. ddavide69 - 4 mesi fa

    Boh un po’ contraddittorio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. vittoriogoli_32 - 4 mesi fa

    Al 80% concordo con Ormezzano, dissento solo su un punto: Mihajlovic ha costruito una squadra folle imbottita di esterni e senza nessun centrocampista di valore, di li nascono i nostri problemi ovviamente aggravati dalla stagione negativa del gallo a cui però darei poche colpe; in talune partite non ha visto un pallone se non spalle alla porta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. steacs - 4 mesi fa

      “Mihajlovic ha costruito una squadra folle”?

      Scusa ma il DS in una squadra che ruolo ha quindi?

      Sta scusa del serbo non la usano nemmeno piú il Gatto&Volpe perché ormai non è piú credibile.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Marino - 4 mesi fa

        Avercelo un ds…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. vittoriogoli_919 - 4 mesi fa

        Io penso Steacs,forse sbaglio,che il DS abbia agito su indicazione del tecnico.
        Ripeto forse sbaglio ma,sinceramente,non ho elementi per dire il contrario

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. rogozin - 4 mesi fa

          Per farla breve ne sai nulla.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. Vanni - 4 mesi fa

          Uguale a quest’ anno. Indicazioni del tecnico….
          Lui chiede Rossi e gli portano Bianchi.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        3. steacs - 4 mesi fa

          Come ho giá detto se Miha era meno “umile” e chiedeva CR7 avremmo visto la rovesciata de Derby… che peccato!
          Speriamo allora che lo chieda Mazzarri e perché no magari in coppia con Messi, tanto poi Petrachi li prende, bastava solo una lista migliore di quella con Niang, Rincon e De Silvestri…

          Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy