Moreno Longo: “Sogno il Toro, ma lo devo meritare. I rapporti con Cairo? Buoni”

Moreno Longo: “Sogno il Toro, ma lo devo meritare. I rapporti con Cairo? Buoni”

Le parole / Il tecnico del Frosinone al Corriere Torino: “Il ricordo più caro è la Coppa dello Scudetto Primavera portata al Filadelfia”

15 commenti

Con il color granata nel cuore, Moreno Longo ha lasciato Torino e il Torino per costruire la sua carriera altrove, iniziando un percorso che va a gonfie vele, nonostante anche il suo Frosinone soffra di “pareggite” momentanea. Ma l’ambizione personale, non è un mistero, sotto sotto è il ritorno sulla panchina del Torino, della Prima Squadra. Per l’ultimo allenatore ad aver vinto qualcosa con il Torino (Scudetto e Supercoppa con la Primavera nel 2015), il granata è “un sogno, che va meritato”, come confessa Longo al Corriere della Sera di Torino. “E’ vero, col Frosinone da quattro partite pareggiamo sempre, ma vanno analizzate. Nei 3-3 con Spezia e Avellino ci è mancata cattiveria perchè abbiamo pensato di avere già vinto. Ma le partite durano fino al 96′ e se non lo capisci puoi non vincere. Comunque continuiamo a lavorare, con atteggiamento positivo e fiducia, e le vittorie si trasformeranno in pareggi”, è la medicina di Longo per il suo Frosinone, attualmente quinto in Serie B ma a soli due punti dalla vetta.

“Il presidente Stirpe mi ha chiesto di portare il Frosinone ai play-off. Tutto quello che arriverà in più sarà bene accetto. Pressioni? Ci sono ovunque, ma fanno parte del nostro mestiere. Mi danno carica e senso di responsabilità”. Il ricordo più bello in granata? “La Coppa dello Scudetto Primavera portata tra i ruderi del Filadelfia, là dove maestri come Ussello, Rabitti, Vatta e Rampanti erano abituati a vincere. Il Filadelfia è il simbolo del Toro. Era necessario ritrovare quel posto. Ma ora va tenuto sempre vivo e sempre aperto. E’ una questione di gente, non di mura”, l’opinione del mister.

Paolino Pulici recentemente ha fatto il nome di Moreno Longo come futuro allenatore del Toro: “E’ un piacere ed un orgoglio. Lui è il giocatore che meglio ha incarnato lo spirito del Toro. Comunque, una cosa è avere un sogno ed un altra meritarselo… I fatti diranno cosa potrò fare in futuro”. Ma in che rapporti è Longo con Urbano Cairo? “Buoni, io non posso che ringraziarlo. E anche a 800km di distanza, io tifo sempre Toro”. 

15 commenti

15 commenti

  1. bepmerlo4_639 - 2 settimane fa

    Longo e’ più saggio, quindi sa bene che deve dimostrare di essere all’altezza, perché un conto e’ allenare ragazzi che sperano, un conto allenare quelli già arrivat8 e capire i giocatori che mancano e servono.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Golfo - 2 settimane fa

    a me invece piacerebbe una squadra con le palle tutte le domeniche che corrano e sappiano passare il pallone e si divertano giocando a calcio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Grande Torino - 2 settimane fa

    Sta facendo bene ma credo che il vero salto di qualità ora lo si debba fare con un allenatore più esperto, ha tempo per dimostrare le sue ottime qualità, In tal caso presto verrà il suo tempo. La storia del Toro insegna, ogni volta che si è puntato su allenatori provenienti dal bacino ‘indigeno o ex interno’ con un passato granata, non è andata secondo le aspettative. Lo stesso vale per Nicola. Si parla di Mazzarri ma da qui a fine stagione ce ne possono essere altri liberi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. [email protected] - 2 settimane fa

    Solo che, come succede alla prima diagonale sbagliata da Barreca o al primo stop sbagliato da Edera, si inizierebbe a mugugnare, a dire che Longo è solo cuore ma non è all’altezza, ecc…dobbiamo crescere noi, non solo la società e la squadra, e dare il tempo alle persone di fare il loro lavoro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Gud_74 - 2 settimane fa

      Concordo Fabio

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. CresciutoaPaneeTORO - 2 settimane fa

      Il Napoli salì in serie a nel 2007, noi nel 2006. Penso che 10 anni per imparare dai propri sbagli siano più che sufficienti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Ferrini - 2 settimane fa

        Perfettamente d’accordo con te salvo un piccolo particolare: gli incassi……… Sono quelli che ti fanno fare il salto di qualità; paperoni non ne esistono più a parte qualche arabo, russo o cinese che non vorrei mai vedere al comando del mio TORO.
        Sempre FVCG.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. prawn - 2 settimane fa

          ma napoli qualcuno paga il biglietto? io credo che entrino tutti a sbafo.. senza voler fare polemica ma mi pareva di aver letto qualcosa di simile qualche anno fa..

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. CresciutoaPaneeTORO - 2 settimane fa

          Ma allora basta con sta storia che il Napoli incassa di più e quindi è in perenne zona champions da quasi 10 anni.Hanno uno stadio FATISCENTE. Eravamo allo stesso livello 10 anni fa, solo che loro hanno un presidente BORIOSO che vuole far vedere a tutti gli altri di essere il più forte, noi ne abbiamo uno che non gli frega una mazza di diventare forte, in compenso gli piace far crescere le sue aziende con i soldi del toro, a discapito ovviamente di noi tifosi. Perché siamo ancora qua con Molinaro,silvestrino&co mentre quegli altri buttano soldi per comprare giocatori veramente FORTI e non mezze pippe???

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. CresciutoaPaneeTORO - 2 settimane fa

            Poi è logico che gli incassi non arrivano se fai andare sotto zero il morale dei tifosi, se non vinci qualcosina anche sola una coppetta italia ogni tanto cosa pretende cairo che il tifoso spenda così solo perché è innamorato della maglia? No, uno spende perché lo spettacolo a cui assiste gli deve piacere non fargli passare la voglia di non guardarla neanche la partita successiva

            Mi piace Non mi piace
  5. rogerfederer - 2 settimane fa

    A Moreno servono ancora un paio d anni di esperienza in giro poi sarà pronto per il Toro.L uomo giusto per noi a Giugno è senza ombra di dubbio DAVIDE NICOLA.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Michele Nicastri - 2 settimane fa

      Nicola mi piace molto, ma Gasperini mi piace ancora di più. Meno cuore ma più testa.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. prawn - 2 settimane fa

    Non averlongo come allenatore è un po’ come non dare fiducia ai Barreca, Edera, Lyanco.

    Siamo veramente così in altro in classifica e nel gioco mostrato in una situazione chr ne longo ne i nostri giovani potevano raggiungere?

    La società deve credere di più nel buono che ha costruito coi giovani

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. prawn - 2 settimane fa

    Non averlongo come allenatore è un po’ come non dare fiducia ai Barreca, Edera, Lyanco.

    Siamo veramente così in altro in classifica e nel gioco mostrato in una situazione chr ne longo ne i nostri giovani potevano raggiungere?

    La società deve credere di più nel buono che ha costruito coi giovani

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. WGranata76 - 2 settimane fa

    Come vedo bene tra un anno o due l’inizio di un ciclo con Moreno Longo. Un mister umile, che si dimostra di anno in anno sempre in crescita e che ama la nostra squadra. Allenatore ideale per costruire un bel progetto lungo anni, a patto che la società gli dia la giusta fiducia e tempo di lavorare.
    Bravo Moreno, continua così e sempre FVCG.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy