Mihajlovic contro Gasperini: fu la sfida anche per la panchina del Toro

Mihajlovic contro Gasperini: fu la sfida anche per la panchina del Toro

Il confronto / Per ora Mihajlovic è avanti nei confronti contro il tecnico orobico: 5 vittorie, 4 pareggi, 3 sconfitte

3 commenti

Di nuovo di fronte, Gian Piero Gasperini e Sinisa Mihajlovic, dopo i tempi del derby di Genova e dopo la scorsa stagione, che ha visto il tecnico ex Juventus prevalere sul collega serbo nei due duelli tra Atalanta e Torino (una vittoria, quella dell’andata frutto soprattutto di episodi, e un pareggio, quello del ritorno, con l’Atalanta decisamente più meritevole dei granata). Genuino – a volte sin troppo – e grintoso il tecnico granata, più serafico e apparentemente mansueto il carattere del tecnico dell’Atalanta, che i tifosi del Torino non ricordano con piacere. Quando Gasperini incontra i colori granata, infatti, sono spesso dolori per il Toro, che contro il tecnico di Grugliasco ha un bilancio di sole due vittorie a fronte di 8 pareggi e 7 sconfitte. Cifre che autorizzano a definire Gasp come “pericolo pubblico numero uno” per il Toro.

LEGGI: Mihajlovic in conferenza stampa

Ma Gasperini, in realtà, è stato anche accostato al Toro. Non è un mistero che Cairo lo stimi e che abbia pensato a lui, nel momento di sostituire Giampiero Ventura nel 2016. Poi alla fine scelse Mihajlovic, e l’ex Juve si è accasato all’Atalanta. Nella realtà orobica ha avuto delle iniziali difficoltà ma poi si è sviluppata un’empatia eccezionale con club, tifosi e squadra che ha portato all’incredibile stagione conclusa col quarto posto e con il rinnovo del contratto sino al 2020, con opzione per una quarta stagione. Sinisa, invece, al Toro ha avuto fortune alterne; la prima stagione è stata in chiaroscuro, quella corrente non ha portato sin qui le soddisfazioni che in molti si aspettavano dopo una campagna acquisti giudicata dai più come la migliore degli ultimi anni.

LEGGI: Gasperini in conferenza stampa

Due storie personali diverse: Mihajlovic è stato un calciatore quotatissimo e affermato, che ha vinto molto in Italia e in Europa. Gasperini, dal canto suo, è stato un giocatore onesto, nella norma, con le sue 59 presenze in Serie A e 298 in Serie B. Come allenatori, i due hanno caratteristiche diverse ma anche qualcosa in comune per quanto riguarda il credo tattico: le squadre di entrambi, infatti, prediligono il gioco d’attacco, si prendono dei rischi e puntano sull’uno contro uno in tutte le zone del campo. Il duello tra i due sorride, per ora, a Mihajlovic, che contro Gasperini ha centrato cinque vittorie, quattro pareggi e tre sconfitte. Domani un’altra puntata, in questo Torino-Atalanta che sa molto di scontro diretto per l’Europa.

3 commenti

3 commenti

  1. sergio_sandr_284 - 2 settimane fa

    Se non era x “qualcuno”… magari oggi racconteremo una storia a panchine magari invertite e forse non solo panchine!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Grande Torino - 2 settimane fa

    Mai scelta fu così sbagliata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Simone - 2 settimane fa

    Peccato che x la panchina vinse Miha…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy