Mihajlovic pre Torino-Chievo: “Sarà più difficile che a San Siro”

Mihajlovic pre Torino-Chievo: “Sarà più difficile che a San Siro”

Alla vigilia / Il commento del tecnico granata al match in arrivo: “La partita contro l’Inter ha dimostrato che tutto dipende da noi. Ventura? Non partecipo al processo contro di lui, gli faccio un in bocca al lupo”

di Gianluca Sartori,

VERSO IL CHIEVO

P1400099

Quella di domani è una partita che vale doppio anche perchè il calendario poi si complica, è d’accordo?

“Per me ogni partita fa storia a sè. Non basta una bella partita a Milano. Bisogna sempre giocare con la medesima attenzione contro qualsiasi avversario, non importa se davanti a 70.000 o 20.000 persone. Credo che l’atteggiamento mostrato contro l’Inter fa vedere che molto dipende dal Toro. Non dipende dall’avversario se lottiamo su ogni pallone, se si sacrificano tutti, se la squadra gioca sempre per vincere senza accontentarsi. Tutto dipende da noi. Dobbiamo mettere in campo la stessa convinzione messa in campo contro l’Inter, da qui sino a fine campionato. Se non lo facciamo, significa che c’è qualcosa che non va. Sono convinto che domani i ragazzi faranno una grande partita. E’ un match che ci deve dare continuità di prestazioni e risultati, dobbiamo fare una grande partita se vogliamo vincere perchè loro sono una buonissima squadra. Poi penseremo a quelle successive”.

Per la formazione di domani, quanto pensa di cambiare?

“Le partite dopo le soste sono sempre una incognita. Fortunatamente abbiamo Nazionali, quindi gente che ha viaggiato. Credo che comunque sia più che altro stanchezza mentale. Ljajic, Niang, Ansaldi sono arrivati tra mercoledì e giovedì: vediamo. Tutti sono a disposizione: cercheremo di fare delle scelte, un giocatore vale l’altro, ancora non ho deciso bene chi far giocare e come però più o meno saranno gli stessi giocatori di San Siro…”

Incalzato risponde: “Non è che ne posso cambiare sette/otto. Faccio come i politici: dico tutto per non dire niente”.

12 Commenta qui
  1. stevetoro - 2 anni fa

    ora ha la rosa completa a disposizione, aspettando il vero belotti….è obbligatorio giocare con un centrocampoista che segue le avanzate sottoporta, cioe’ obi………se sta bene non puo che essere un titolare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Granat....iere di Sardegna - 2 anni fa

    Dopo l assoluta novità, ossia il richiamo ai suoi attributi (non ne parla mai…) direi che dal punto di vista comunicativo c è un miglioramento: nel parlare dei giocatori, ora tutti forti, e nel rispettare gli avversari, che non si misurano in termini di qualità della rosa ma in termini di risultato che si otterrà sul campo…trovo invece onorevole non spingere più di tanto i commenti su Ventura…se si pensa alla vigliaccata che ha fatto oggi tavecchio, accusando Ventura di essere l unico colpevole, il nostro mister merita un applauso per stile e correttezza personale e professionale

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. prawn - 2 anni fa

      si, notavo anche io pero’ ha anche detto raccontando quello che lui ha fatto in serbia cosa si dovrebbe fare in italia…

      oh visto roma-lazio, partita orrenda, 4/5 italiani in campo, arbitro incluso, ma che t’asspetti?

      de rossi marcio lento stanco falloso

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Granat....iere di Sardegna - 2 anni fa

        Nell Italia, se togli Buffon, Barzagli e de rossi, di fatto il ricambio è ormai iniziato. Il problema, a mio modesto avviso, è la qualità e la sua quantità. Non abbiamo campioni ma solo giocatori bravini e neanche tanti, se non si inverte questo trend la vedo dura anche se il mister fosse guardiola…E del resto, mentre la Serbia può anche accontentarsi di avere una base in grado di farla arrivare alle diverse competizioni, l Italia per blasone e tradizione dovrebbe creare le basi per vincerne qualcuna…Senza giocatori di livello mi sembra un po difficile

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Fedegranata - 2 anni fa

    A me pare che un commento tra le righe, neanche troppo velato, sul sistema calcio in Italia l’abbia fatto sostanziosamente. Infatti ha affermato, quando allenatore della Serbia, di aver fatto fuori quasi tutti i senatori e di aver fatto scelte “politicamente” impopolarie e comunque sue e controcorrente. Cosa in Italia non messo in pratica forse soprattutto perché strada impercorribile.
    Notavo anche che adesso si pronumcia in maniera più equilibrata e intelligente sulla rosa a disposizione…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. prawn - 2 anni fa

    Non ho voglia di controllare se quello che dice e’ vero, oggi voglio fidarmi, speriamo schieri ben il toro domani e forza ragazzi, forza toro e forza miha

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. alecava70 - 2 anni fa

    Se penso che la formazione del Toro oggi poteva essere: 4-3-1-2 SIRIGU,ZAPPACOSTA,GLIK,LYANCO,BARRECA,RINCON,BASELLI,OBI(O VALDIFIORI),LIJAIC,IMMOBILE,BELOTTI….MI VIENE LA PELLE D’OCA
    Con anche le cessini di: Darmian,Bruno Peres,Baselli,Maksimovic per il bilancio !!!
    Medita caro presidente….medita

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. maraton - 2 anni fa

      personalmente l’unico che rimpiango della tua formazione è immobile (che non è poco), ma forse due “galli” nel pollaio era un pò difficile gestirli. per quanto riguarda glik ormai quello che in maglia granata aveva da dare l’aveva dato, e poi è stato lui a voler andare a giocare in europa. per zappacosta, bravo ragazzo, buon terzino al quale avevo pronosticato un bel futuro, (ma non certo in premier in una squadra di vertice e tanto meno a giocarsi la champion) bisogna dire che è stato pagato un vero sproposito e ad oggi ansaldi non lo fà rimpiangere. io invece questa estate avrei venduto barreca alla roma, visto quello che ci davano e preso un terzino forte di testa e bravo a difendere 🙂

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. alecava70 - 2 anni fa

        intanto mi risulta che Ansaldi abbia 30 anni mentre Zappacosta aveva qualche annetto in meno, inoltre la linea difensiva sarebbe stata il giusto mix tra giovani che corrono ed esperti di fama internazionale (vai a rivederti l’Europeo giocato da Glik). L’attacco con Immobile sarebbe l’attacco della Nazionale e io, a queste condizioni, mi prenderei qualche rischio di avre 2 galli in un pollaio. Forse è il centrocampo quello che non darebbe ancora le giuste garanzie al 100%. Comunque non si può vivere di ricordi. Dico solo che non si può sempre illudere i tifosi trattando fino all’ultimo giorno di mercato un presunto fenomeno di nome Niang….e dico Niang!!! lavorando in realtà per vendere zappacosta al doppio di quanto serve per acquistare un bidone….Niang appunto

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Golfo - 2 anni fa

          peccato che la tua formazione non tiene conto della logica del mercato e del tempo, tutti siamo capaci a fare le formazioni inserendo nomi di giocatori che hanno giocato nel toro. in poche parole, bella formazione ma senza senso.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. roberto.64 - 2 anni fa

    Ma inserire qualche giovanotto non sarebbe male .
    Visto i bolliti riscaldati che convochi e fai giocare.
    Butic o ????
    Svegliati ?????

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. RobyMorgan - 2 anni fa

    Bravo Miha , a parole non ti batte quasi nessuno fai solo ammenda degli errori che sicuramente hai commessi in passato e schiera la migliore formazione possibile e poi tifiamo tutti x un grande Toro domani contro il Chievo.
    Che inizi la vera rincorsa x l’Europa!!!
    FVCG sempre

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy