Le tre sentenze di Roma-Torino 3-0: granata fragili e ad autonomia limitata

Le tre sentenze di Roma-Torino 3-0: granata fragili e ad autonomia limitata

L’analisi / Andiamo a vedere che cosa resta della sconfitta granata all’Olimpico

di Marco Notaro,

LE TRE SENTENZE

ROME, ITALY – MARCH 09: Radja Nainggolan of AS Roma competes for the ball with Tomas Rincon of Torino FC during the Serie A match between AS Roma and Torino FC at Stadio Olimpico on March 9, 2018 in Rome, Italy. (Photo by Paolo Bruno/Getty Images)

Il Torino esce dall’Olimpico con la testa bassa e tante, troppe certezze in meno. La terza sconfitta consecutiva e il definitivo macigno sulle speranze e le aspettative dei granata. Andiamo quindi ad individuare le tre sentenze di questo match, che offre parecchi spunti su cui ragionare: la squadra si è confermata per l’ennesima volta troppo fragile a livello mentale dopo lo svantaggio e sotto il punto di vista della preparazione atletica pare avere solo un’ora nelle gambe. L’Europa sembra ormai un miraggio.

7 Commenta qui
  1. alexku65 - 7 mesi fa

    Miha è stato con noi una stagione e mezza. Se la preparazione era un tallone di Achille perché questi fior di giornalisti e commentatori (e tra questi devo inserire Serino visto che si pone con l’atteggiamento di chi la vede più lunga di altri) non avevano sollevato il problema con forza già la scorsa stagione? Temo che la storia della preparazione stia diventando la classica trappola per allodole ovvero….avete mai trovato un dentista che parla bene del lavoro svolto nella vostra bocca da quello di prima? Ecco tra allenatori mi sembra succeda un poco la stessa cosa…del resto sminuire gli altri è una classica leva per esaltare se stessi…detto questo vorrei capire come un allenatore meno preparato (Miha o la Capra o spaccobottiglia come lo chiamano alcuni) e con una squadra cosi fuori forma sua riuscito ad avere un tasso di sconfitte su 19 partite più basso dell’attuale vincendo per ven due volte sul campo di Roma. Vorrei sapere perché se il cambio in panchina è avvenuto per preservare quelle poche speranze europee che avevamo (ricordo che mancavano all’epoca 19 partite equivalenti a 57 punti) adesso Cairo dice che non può pretendere l’Europa da Mazzarri visto che la squadra non è sua. Non sarebbe stato meglio a questo giocarsi ke ultime carte col precedente e poi impostare la squadra nuova col nuovo allenatore? Io una risposta ce lho del perché si é provveduto come è stato. A Cairo dell’Europa non è mai fregato nulla. Per cui il cambio è avvenuto solo per evitare di fare campagna acquisti a Gennaio (cosa invocata da Miha -ricordate il famoso problema dell’attaccante?)e per consentire a Mazzarri di valutare chi tenere e chi no del parco giocatori voluti dal serbo. Logiche economiche non di prestazione sportiva.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-13787154 - 7 mesi fa

    scusate volevo dire tenace e cazzuto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-13787154 - 7 mesi fa

    Qui è ora che la società inizi a costruire uno zoccolo duro di giocatori con valori morali e senso di appartenenza che possano trasmettere ai giovani e agli stranieri che vestire la maglia del TORO vuol dire avere voglia di fare fatica di sacrificarsi e di combattere per incominciare a vincere le partite! Il TORO deve tornare tenace a azzurro contro tutti squadroni e non ma questo lo puoi solo fare se riesci a prendere dei giocatori che oltre alle qualità siano Uomini con la U maiuscola…..Finché non si agirà in questo modo avremo sempre un insieme di giocatori dove ognuno pensa a se stesso con alti e bassi ed è quindi inutile è superfluo parlare di obbiettivi….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. user-13775722 - 7 mesi fa

    Mi potete spiegare come sia possibile e normale che dei miliardari per correre dietro a un pallone abbiano autonomia fisica limitata? Come mai gli atalantini o i pdoriani o i laziali o i romanisti o persino gli spallini non hanno quasi mai questo problema?? Non vi sembra tutta una farsa maledetta girata a holliwood, o meglio, a masio???

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. user-13775722 - 7 mesi fa

    Mi potete spiegare come sia possibile e normale che dei miliardari per correre dietro a un pallone abbiano autonomia fisica limitata? Come mai gli atalantini o i pdoriani o i laziali o i romanisti o persino gli spallini non hanno quasi mai questo problema?? Non vi sembra tutta una farsa maledetta girata a holliwood, o meglio, a masio???

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. robertozanabon_821 - 7 mesi fa

    anche la prossima stagione andremo in Europa la stagione dopo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. alexku65 - 7 mesi fa

      Bellissima e verissima questa….

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy