Le conquiste di Edera: dopo Barreca, la scuola Toro torna in alto

Le conquiste di Edera: dopo Barreca, la scuola Toro torna in alto

Focus On / Dalla Lega Pro alla Serie A e al rinnovo di contratto in poche settimane: ecco le fasi dell’ascesa dell’esterno classe 1997

3 commenti

Un’ascesa significativa, in poche settimane: dagli spareggi di Lega Pro alla Serie A, con l’aggiunta del rinnovo del contratto col Torino, sino a giugno 2021. Simone Edera si è ritagliato uno spazio in questo Torino, sfruttando al meglio le opportunità che gli si sono presentate da maggio ad oggi. Partendo dai play-off con il Parma, in Lega Pro: pochissimo spazio nella regular season (solo due presenze), D’Aversa lo ha poi lanciato: dagli ottavi di finale in poi, sempre in campo, con una rete segnata e un rigore trasformato nella lotteria che ha permesso ai crociati di superare il Pordenone in semifinale. Del resto, Edera non conosce la paura: Moreno Longo, che ben conosceva la sua personalità (a tratti anche eccessiva…) scelse lui come ultimo rigorista che ebbe l’incarico di mettere dentro la palla dello Scudetto Primavera del 2014/2015.

Simone Edera aveva già esordito in Serie A col Torino nel 2016: due presenze contro Udinese e Roma

Il ritorno alla base non è iniziato nel migliore dei modi, con Mihajlovic che nemmeno lo convocò per il ritiro al Filadelfia del 10 luglio. Il Parma premeva per riaverlo anche in Serie B, poi l’assist della sorte: a Bormio, il lieve infortunio di Parigini indusse Mihajlovic a richiedere alla società un esterno dalle categorie giovanili. Massimo Bava, il Responsabile del Settore Giovanile, aveva già il nome giusto: Simone Edera. Allenamento dopo allenamento, amichevole dopo amichevole, Edera si è conquistato la considerazione di Mihajlovic per il suo passo, la sua tecnica, la sua capacità di crescere giorno dopo giorno. Sono arrivati poi il gol all’Huddersfield in Austria, lo spezzone con il Trapani e quello col Sassuolo, in cui è andato vicinissimo al gol cinque secondi dopo essere entrato. E ieri, l’ufficialità del rinnovo sino al 2021, con adeguamento del precedente contratto da Primavera, stipulato nel marzo 2015.

Edera, dunque, diventa il secondo prodotto del vivaio granata (con questa maglia è cresciuto, dal 2004 al 2016: fu scoperto da Silvano Benedetti) dopo Barreca a conquistare la fiducia di Mihajlovic e a prendersi un posticino in Prima Squadra. Sembra difficile potrà avere molto spazio, visto che è in arrivo ancora un esterno: ma il ragazzo – attualmente impegnato con la Nazionale Under 20 – ha già dimostrato di saper ribaltare le previsioni. E il popolo granata già immagina una fascia sinistra composta da Barreca ed Edera…

3 commenti

3 commenti

  1. al_aksa_522 - 3 settimane fa

    A Miha piace chi mostra i denti e viaggia rasoterra.
    L’intervista tamarra che fece Edera nell’interballo di una partita primavera ce la ricordiamo tutti, spero.
    Parigini, parlando di maturità di testa, è MOLTO più avanti di Edera e, per questo, il futuro è dalla sua, infortuni permettendo.
    Con buona pace del serbo che conoscerà pure bene il calcio, ma da qui a farne un allenatore di talento ce ne passa parecchio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. ALESSANDRO 69 - 3 settimane fa

    Mihailovic,come altri suoi colleghi,conosce molto bene il calcio , si potrà anche contestare come tecnico,che comunque non mi sembra così mediocre,avendo giocato ad altissimi livelli chi meglio di lui può saper valutare se un giocatore ha le qualità per sfondare a certi livelli oppure no??? Evidentemente Edera ha queste qualità,che non devono essere solo tecniche,è uno che ci da dentro che non ha paura di prendersi dei rischi. Insomma uno che vuole arrivare in alto e sta mangiando l’erba……

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abatta68 - 3 settimane fa

      esatto… ad un certo punto devi cambiare passo, se vuoi giocarti le tue carte in serie A, c’è poco da fare! Forse è quello che Parigini non ha ancora capito o non è riuscito a fare… lo staff tecnico segue questi ragazzi tutti i giorni e un’idea molto più precisa della nostra saranno riusciti a farsela, no?

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy