La classifica solare del 2017: Toro, solo 10° posto. Il salto di qualità aspetta ancora

La classifica solare del 2017: Toro, solo 10° posto. Il salto di qualità aspetta ancora

Il dato / Il Napoli domina con 99 punti, i granata ne hanno 50. Vicino al Crotone quanto alla Fiorentina: qualcosa non va

di Nikhil Jha,

È un Toro a metà: la sensazione che emerge guardando la maggior parte delle partite del Torino trova conforto – si fa per dire – nei numeri, che certificano un’annata al di sotto delle aspettative e dei proclami. Tra questi c’è sicuramente la classifica dell’anno solare.

Nel 2017 che si va concludendo i granata hanno accumulato 50 punti, in 39 partite: una media decisamente inferiore a quella necessaria per combattere per l’Europa, che richiede di superare quota 60, per raggiungere il 7° posto (nella scorsa stagione appannaggio dell’Inter a 62 punti). Un altro dato che fa riflettere è che i granata vengono sostanzialmente doppiati dalla prima in classifica, il Napoli, che con lo stesso numero di partite chiude con lo straordinario score di 99 punti. Seconda la Juventus, 3 punti in meno con una partita in più.

Si nota inoltre che il Torino dista dalla Fiorentina (7a a 60 punti) quanto dal Crotone (15° a 40): i granata si trovano ancora a metà del guado, senza riuscire ad avvicinare in maniera decisiva le squadre di vertice.

Il 2017, dunque, si conferma l’anno dell’incompiutezza: non solo i granata non sono riusciti ad arrivare a maggio nei pressi delle posizioni che contano, ma anche le basi poste per avvicinare definitivamente le squadre delle zone alte non appaiono essere solide. I 20 pareggi acquisiti nell’anno che saluta andranno trasformati per buona parte in vittoria: solo così l’Europa da miraggio può diventare realtà.

LA CLASSIFICA DEL 2017

Sono escluse le squadre che non hanno partecipato ad entrambe le stagione 2016/2017 e 2017/2018

Pos. Squadra P.ti Partite Diff. reti
1 Napoli 99 39 65
2 Juventus 96 40 61
3 Roma 88 39 48
4 Inter 73 39 36
5 Lazio 73 38 33
6 Atalanta 67 39 19
7 Fiorentina 60 39 10
8 Sampdoria 55 38 5
9 Milan 55 40 2
10 Torino 50 39 -6
11 Sassuolo 50 39 -12
12 Udinese 47 38 -3
13 Bologna 45 40 -17
14 Cagliari 44 39 -18
15 Crotone 40 40 -30
16 Chievo 39 39 29
17 Genoa 31 39 -32
9 Commenta qui
  1. [email protected] - 10 mesi fa

    sono due anni e questo sicuramente peggio dell’altro che a gennaio è finito il nostro campionato (quest’anno a dicembre )e nessujn salto di qualità ma un allenatore che capisce poco di calcio e una società che vivacchia ai margini della retrocessione in serie b

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Scott - 10 mesi fa

    Il progetto valenze deve trasformarsi in un progetto sportivo. I più forti vanno tenuti, le falle vanno tappate. Non mi piace sentir dire che Edera è cercato da mezza serie A. Vorrei sentire dal mio presidente che Edera è il futuro del Toro. E’ meglio proclamare un’onesta salvezza che vendere terzini a mezza Europa e dire che si punte all’El. Buon anno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Pimpa - 10 mesi fa

    ..una società sana.. tipo quello di cui si dice “gli è morto eppure era sano”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Pimpa - 10 mesi fa

    Questo è quello che siamo stati,che siamo e che saremo.
    I salti di qualità o i soprassalti d’onore lasciamoli agli altri,che’ non è arte nostra.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. abatta68 - 10 mesi fa

    Questo è ciò che siamo oggi… la società è sana, e questo è un merito, ma è l’unica cosa sana, e questo è un demerito, perchè stiamo parlando del Toro di oggi, non della promozione contro il Mantova, quando l’entusiasmo era ben più alto di quello di oggi.
    Poi, i risultati sportivi si ottengono anche con un’attenta gestione delle risorse (che nel nostro caso sono ben più limitate delle prime 4-5 del campionato, và ricordato), partendo da un’attenta organizzazione dello staff tecnico, dalla prima squadra a scendere… solo cosi si può programmare cicli lunghi, partendo dalla scelta di un allenatore con un curriculum ambizioso (a me di sentire opzioni “affettive” alla Nicola o Longo sinceramente non và giù), perchè qui serve gente esperta, di personalità ma anche con idee di gioco diverse e già ampiamente sperimentate (vedi Gasperini), sulle quali investire per un lungo periodo (come fatto con Ventura, che è servito molto nella fase di ricostruzione) e per valutare il capitale calciatori attualmente presente nella rosa (a mio avviso buono, anche se migliorabile) e vedere cosa c’è di adatto o meno ad un nuovo impianto di gioco. Di allenatori che vengono qui, facendosi andar bene tutto… no, grazie! la società c’è, i giocatori volendo anche… mancano idee nuove capaci di valorizzare ciò che già abbiamo (vedi Baselli, Njang o Ljaic)… e chissà che anche i giocatori stessi si convincano che possono dare di più… molto di più!
    FORZA TORO! E BUON ANNO A TUTTI NOI!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Athletic - 10 mesi fa

      Concordo col tuo pensiero questa volta… Buon Anno!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. abatta68 - 10 mesi fa

        …ma anche altre volte no? ciao!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Granatissimo1973 - 10 mesi fa

    Due sole vittorie in casa…direi che la cosa si commenta da sola. Fate festa tutti, società, allenatore e giocatori. I tifosi che rivorrebbero Ventura sono degni della mediocrità di questa squadra. I giornalisti che ad agosto mettevano il toro al quinto sesto posto farebbero bene a passare all’ho key sul ghiaccio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Athletic - 10 mesi fa

    E così si conclude l’anno, con un altro scudetto del bilancio e un decimo posto in classifica. Alla Befana (che secondo me è più del Toro di Babbo Natale), chiedo di far sì che quel decimo posto diventi magari un sesto … e invece per l’altra classifica mi accontenterei di fare i preliminari della champions del bilancio, un quarto posto andrebbe più che bene …

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy