Inter-Torino 1-1: Burdisso, gara ad alti livelli. E Miha se lo gode…

Inter-Torino 1-1: Burdisso, gara ad alti livelli. E Miha se lo gode…

Focus On / Il centrale difensivo è arrivato a parametro zero come quinto centrale, ha esordito in un match chiave e ha sorpreso tutti: e Miha se lo gode…

Commenta per primo!

Il Torino, nel pomeriggio di ieri, ha colto un importante pareggio contro l’Inter di Luciano Spalletti, proponendo una prestazione ad alti livelli, giocando a viso aperto contro una squadra che in casa propria aveva soltanto visto vittorie. Grazie alla prova convincente, i granata hanno accarezzato l’idea di poter conquistare i tre punti, ma il pareggio ha portato in ogni caso buone indicazioni e sensazioni positive in tutto l’ambiente. In particolare, spostandosi sui singoli, chi ha sorpreso maggiormente, grazie ad una prestazione maiuscola, è stato Nicolas Burdisso, centrale difensivo che nella gara contro l’Inter è stato a dir poco fondamentale.

LEGGI: Mihajlovic: “Burdisso è un leader naturale. So cosa mi può dare”

La partita dell’ex Inter è stata ai limiti della perfezione. Mai impiegato in tutta la prima parte di stagione, Mihajlovic ha scelto di schierarlo titolare in un match molto complicato, contro una squadra che in fase offensiva disponeva di giocatori del calibro di Mauro Icardi, Ivan Perisic e Antonio Candreva. Con gli occhi puntati addosso, Burdisso ha messo in campo tutta la sua esperienza, dimostrando di essere alquanto in forma nonostante le 35 primavere sulle spalle, con chiusure puntuali e spesso ruvide, da vero centrale difensivo. Nella sua gara non ci sono stati errori grossolani: l’unico neo può essere individuato nel cartellino giallo rimediato nel primo tempo, ma anche quel gesto è stato assolutamente fondamentale per il Torino: Burdisso ha infatti fermato Icardi, che avrebbe potuto dar vita ad un contropiede sanguinoso per la squadra granata. E l’ex Genoa è arrivato a Torino come quinto difensore centrale, e prima del match contro l’Inter si pensava che dovesse giocare come centrale destro, mentre invece il suo esordio è stato nella posizione di centrale sinistro.

Scatto di Chiara Brunero

Sul mercato, infatti, la società granata ha deciso di ingaggiarlo a parametro zero, effettuando un vero e proprio colpo. Le aspettative non erano alte nei confronti di Burdisso, perché il ragazzo non giocava da maggio ed era passato nel dimenticatoio. Nella sessione estiva del calciomercato, quindi, oltre a buoni colpi come N’Koulou, Rincon e Ansaldi, va aggiunto anche Burdisso, in grado di sorprendere in una partita tutt’altro che facile. Il premio, questa volta, va dato a Cairo, Petrachi e Mihajlovic, che hanno individuato nel giocatore quelle caratteristiche utili per il Toro in questa stagione.

E adesso Mihajlovic si gode questo colpo azzeccato. Il tecnico serbo, già prima del match – come ha dichiarato lui stesso in conferenza stampa – sapeva ciò che Burdisso poteva offrirgli: in più il ragazzo si è allenato con dedizione e professionalità, cosa che ha spinto Mihajlovic a dargli una chance, mettendolo subito di fronte ad una partita alquanto probante. Il tecnico e il Torino, quindi, ora hanno la consapevolezza di avere a disposizione un ricambio assolutamente di lusso che, nel coro di questa annata, potrà essere fondamentale.

0 commenti

Commenta per primo!

Recupera Password

accettazione privacy