Il saluto di Benassi: “Scelte inevitabili e difficili. Il Toro sarà sempre parte di me”

Il saluto di Benassi: “Scelte inevitabili e difficili. Il Toro sarà sempre parte di me”

Il messaggio del centrocampista su Instagram: “Salutare è difficile…”

21 commenti

Marco Benassi ha lasciato il Torino dopo ben 3 stagioni, per approdare ufficialmente nella giornata di ieri alla Fiorentina. L’ex capitano granata ha voluto salutare il Toro tramite un messaggio pubblicato sul suo account ufficiale Instagram: “Sembra facile dire Ciao. Ma salutare è difficile. Lo è quando si è vestito con orgoglio e rispetto una maglia come quella granata, quando ci si è sentiti accolti da una straordinaria tifoseria, quando si respira aria di famiglia e di casa. Lo è ancora di più quando il tempo, la vita e le circostanze ti portano ad andare via. Scelte difficili. Scelte inevitabili. Ringrazio tutti: Il Toro è e sarà per sempre una parte di me. Ora una nuova avventura mi attende. L’affronterò con umiltà e voglia di mettermi alla prova. Onorato ed emozionato di giocare nella Fiorentina!”

Qualche minuto dopo arriva anche la il toccante e profondo messaggio della moglie di Marco Benassi, Giusy Longobardi: “Poche foto rispetto ai tre anni che ho passato a Torino. Poche foto ma che racchiudono un percorso bellissimo. Tre anni fantastici, difficili da dimenticare. Tre anni di sofferenze ma anche di tantissime gioie. Tre anni iniziati non nel migliore dei modi ma piano piano sono diventati sempre più belli. Se mi dicono TORINO mi si apre un mondo di ricordi: La mia prima città lontana da casa, l’inizio di una vita indipendente, l’inizio di una vita da moglie e mamma, l’inizio della NOSTRA vita. Alessandro è cresciuto a Torino e nel Torino e se un bimbo di solo due anni tifa Torino con quella passione tanto che mi dice “papà ora gioca con la fiorentina ma io col toro” vuol dire che il Torino entra nel cuore di tutti e ci entra piano piano senza far troppo rumore ma una volta entrato fa fatica ad uscire! Andrea è ancora troppo piccolo per capire ma anche lui è nato lì e sono sicura che se fossimo rimasti sarebbe diventato un altro piccolo granata! Amo questa città e la porterò sempre con me perché io a Torino ci lascio un pezzo del mio cuore! Mi mancherà lo stadio grande torino, mi mancherà l’inno del torino tutte le domeniche, mi mancherà piazza San Carlo, mi mancherà poter mangiare gli agnolotti al sugo d’arrosto, mi mancheranno tutti gli amici conosciuti lì, mi mancherà tutto! Ora inizia una nuova avventura per noi, una nuova città, nuova squadra, nuovi amici ma l’affronteremo proprio come ho affrontato l’avventura 3 anni fa e sono sicura che ce la faremo! Faccio un in bocca al lupo a mio marito per la sua nuova avventura e un in bocca al lupo a noi come famiglia! Ringrazio tutti coloro che ci sono stati vicini in questi tre anni, che ci hanno fatto crescere e che hanno reso la nostra avventura a Torino magnifica.Nel mio cuore ci sarà sempre un angolo color granata”

21 commenti

21 commenti

  1. JoeBaker - 2 settimane fa

    Un vero peccato perdere un giocatore ed un ragazzo come Benassi, ma buon per lui che avrà modo di farsi valere.
    I suoi saluti e le parole di sua moglie dimostrano che non può essere un caso che Marco abbia portato la fascia: complimenti e auguri sinceri!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Ratatouille - 2 settimane fa

    Che dire… Proprio vero che dietro il successo di un Uomo c’è sempre una grande Donna… GRAZIE

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. gice - 2 settimane fa

    Gent. Sig.ra Benassi, chapeau! Grazie per questa ventata di sano sport che esce dalle sue parole. Chissà che un giorno non vi ritroviate a cantare “a Torino ho lasciato il mio cuor”. Buona fortuna a voi e a noi (che ne abbiamo proprio bisogno…)!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. RinoVecchiato - 2 settimane fa

    Che colossale cazzata abbiamo fatto!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. ddavide69 - 2 settimane fa

    Queste persone sono dei SIGNORI! In bocca al lupo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Daniele abbiamo perso l'anima - 2 settimane fa

    Leggo ora il messaggio della moglie.
    Cavolo! Questo è scritto col cuore davvero.
    E cambia un po’ le cose. I giocatori e le loro famiglie che amano stare nel Toro (e sono buoni giocatori) non si devono mandare via così, non per far spazio ad altri giocatori che non sono campioni e che forse del Toro non gli importerà nulla.
    Sarò romantico e rincretinito, ma posso tollerare di non andare in EL, ma non che si svilisca il senso di appartenenza.
    Il Toro ha bisogno di Alessadro Benassi, e di mogli come quella di Marco, che si affezionano a una squadra e alla città, non si soldi e al calcio “che conta”..
    Grazie Giusy! Un messaggio così fa sperare che non sono tutte fighette di legno le mogli dei nostri giocatori.
    In bocca al lupo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Athletic - 2 settimane fa

    Un ringraziamento e un forte abbraccio a Benassi e tutta la sua famiglia.
    Mihailovic fuori dai coglioni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Marco Toro - 2 settimane fa

    Leggendo queste parole scritte dalla famiglia Benassi si rafforza sempre più il mio sentimento di odio verso questo allenatore! Ti odio Mihailovic questo non ce lo dovevi fare!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. GranataFinchèCampo - 2 settimane fa

    Come altri professionisti e uomini seri, anche tu, Marco, hai capito che vestire Toro non è solo indossare una maglia.
    Significa vestire una seconda pelle.

    Quindi spiega a tuo figlio, soprattutto quando sarà un pochino più grande, che la divisa viola con cui ti vedrà in campo sarà da onorare e rispettare, ma sotto quella, dove l’occhio non può vedere ma il cuore continua a sentire, ci sarà sempre una maglia granata.
    E nel tuo caso, anche una fascia di Capitano.

    In bocca al lupo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. prawn - 2 settimane fa

    Lungi da me difendere il pazzo in panchina, ma non e’ che l’avesse promosso a Capitano per vedere se si dava una svegliata?

    CMQ il modulo che nuoce a Benassi non e’ solo lo scellerato 4231, e’ anche il 433, Baselli non si tocca, e ti puoi permettere solo uno come Baselli in un centrocampo a tre.

    A quattro Miha non ci giochera’ mai, a 5 ancor meno.

    Benassi secondo me andava bene nel 352, dove i suoi limiti venivano coperti dai compagni

    Cos’era

    Maksi Glick Moretti
    Peres (a spingere anche per lui) Benassi Gazzi/Vives (a coprire, picchiare) Baselli (a impostare) Molinaro (a spingere)
    Immobile/Bellotti

    Fidatevi, vi dimenticherete di lui molto presto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Athletic - 2 settimane fa

      Ti riporto una mia risposta ad un tifoso che diceva con il 433 con Benassi giocavamo in 10

      “Giocavamo in un uno in meno quindi, quando abbiamo vinto 3-1 contro la Roma, 2-1 contro la Fiorentina (con suo gol), 4-1 contro il Palermo (gol), 5-1 contro il Cagliari (gol), 2-0 contro il Crotone, 2-1 contro il Chievo, 1-0 contro il Genoa, 2-2 contro il Milan (gol) .. e poi mi sono fermato. La sua media punti per partita è in linea con quella del Toro come squadra. Cinque gol e tre assist, giocando a occhio metà campionato. Tu sei sicuro di aver guardato il Toro, sì ?”

      I risultati migliori li abbiamo ottenuti a inizio stagione, col 433 e con Benassi in campo. Il mister accusava Baselli di essere l’anello debole, o meglio “Un senza palle”. Poi siamo andati in crisi di risultati, e il non adatto al modulo è diventato Benassi. Tutte palle, il non adatto ad allenare è nostro caro mister, per il quale le colpe sono sempre degli altri, mai sue. Lui preferisce gente con i piedi quadrati come Aquah. Ci fosse stato Ventura, tranquillo che Benassi e Baselli giocherebbero insieme. Ma Ventura sa far giocare a calcio.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Filadelfia - 2 settimane fa

    Intanto pare che la Viola oltre a Benassi abbia chiuso anche per Simeone! Per 20 milioni e bonus? Macchè per 18 milioni. Noi con oltre 30 milioni in cassa cerchiamo ancora un prestito oneroso con obbligo di riscatto a tot presenze. NON c’è la volontà di fare il salto di qualità evidentemente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. prawn - 2 settimane fa

      azz questa non e’ una buona notizia.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. BACIGALUPO1967 - 2 settimane fa

    Scelte incomprensibili di Sinisa.
    Prima lo incorona capitano a 22 anni… poi lo relega in panchina per seguire un cervellotico piano tattico…
    E adesso ceduto sotto costo per inseguire lo stesso piano.
    In bocca al lupo sei un professionista serio ed un grande uomo due cose che forse cozzano con il modo di fare calcio con l’attuale direzione tecnica.
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. FVCG'59 - 2 settimane fa

    Anche nei saluti sei stato il professionista serio e l’uomo, per quanto giovane, che ha saputo anche vestire la fascia di Capitano del Toro.
    Un inboccallupo speciale a te e alla Viola, nostri amici fraterni: spero solo di non doverti rimpiangere…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Daniele abbiamo perso l'anima - 2 settimane fa

    Un po’di nostalgia. È rimasto solo Moretti.
    Ma Moretti deve anche essere l’esempio che gli allenatori (anche quelli non eccelsi come Sinisa) non sono mai del tutto rincoglioniti: se sei disponibile, umile e serio come Moretti, nessun allenatore ti manda via.
    Penso che Benassi sia un bravo ragazzo e un buon giocatore, ma troppo poco versatile e senza ampi margini di miglioramento, al contrario di Baselli sul quale il mister invece ha insistito.
    Detto ciò, in bocca al lupo a Benassi. Va in una squadra sorella ( con Pioli che fa il 4-2-1-3…)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Toro for ever - 2 settimane fa

    Purtroppo Benassi non andava bene al Serbo per il tipo di gioco che fa: è evidente che se giochi con tre attaccanti e Ljiaic che difendere non sa cosa sia il centrocampo va in apnea, per questo vuole un mediano di combattimento lì a centrocampo. Detto ciò, sono d’accordo che vendere il capitano dell’U21 classe 1994 non è una grande idea di prospettiva, ma tant’è se non leghi con l’allenatore una soluzione bisogna pur trovarla.Insolito notare come vada via perchè non adatto al 4-2-3-1 per giocare in una squadra che applicherà il 4-2-3-1.Rincon, dalla Juventus al Torino. Un trasferimento senza cambiare città che porterà dunque il centrocampista a vestire la maglia granata. L’accordo tra i club è sulla base di circa 2 milioni di prestito e 7 di diritto di riscatto che può diventare obbligo al verificarsi di un determinato numero di presenze. Domani il Torino incontrerà l’agente di Rincon per trovare l’intesa definitiva, sottoscrivendo un contratto più lungo di un anno rispetto a quello che aveva in essere con la Juventus.Penso che il progetto tecnico del Toro sia quello di alzare il livello della rosa per poter competere per la zona EL e pertanto dovranno cambiare alcuni interpreti.Questa sessione di calcio-mercato mi sembra più complicata del solito un po’ per tutti, basti vedere le iperboliche valutazioni dei calciatori e le liste bloccate.Per quanto mi riguarda, i giudizi definitivi sulla rosa e sul mercato li trarrò il 31 agosto.Ora sfumata la pista Donsah il Bologna non vuole più venderlo,vedremo se oltre a Rincon,chi arriverà ancora speriamo bene!!!FVCG SEMPRE!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Calimero - 2 settimane fa

    Non eri mai stato tra i miei giocatori preferiti, ad ogni modo professionalità e impegni ti hanno sempre contraddistinto.
    buona fortuna Capitano !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Granat....iere di Sardegna - 2 settimane fa

    Beh più chiaro di così…1 giocatore di 21 anni nel giro della nazionale deve poter giocare ma il profeta non lo vedeva e quindi è andata…Io sinceramente non sono così sicuro che il presidente sia stato contento di questa cessione benché non gratis…però l allenatore non è lui, o lo vendeva o lo vedeva ulteriormente svalutato in panchina

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. masterfabio - 2 settimane fa

    In bocca al lupo Marco.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. Marco Toro - 2 settimane fa

    Ciao capitano! Grazie di tutto! Ti rispetto e ti stimo molto come uomo e come calciatore! Ti auguro il meglio che si può augurare a una brava persona come te! Farai grandi cose! Non dimenticare mai il Toro e noi tifosi che ti abbiamo voluto un gran bene ma sappi che come ho letto da qualcuno su questo forum: “Il meglio per te deve ancora venire!” Ciao Marco, buon tutto! Respect!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy