Gli intrecci di Torino-Sampdoria: dalla lite Regini-Miha alla ‘questione portieri’

Gli intrecci di Torino-Sampdoria: dalla lite Regini-Miha alla ‘questione portieri’

Approfondimento / Tra passato, presente e futuro: quanti intrecci tra le due formazioni!

1 Commento

Domenica pomeriggio andrà in scena un match mai banale: alle 15.00 Torino e Sampdoria si fronteggeranno sul prato dell’Olimpico Grande Torino in un inusuale incontro di alta classifica. Sono molti gli spunti che regalerà la partita in questione. Dai tanti ex discussi che prenderanno parte al match, alle vicende che legano le due compagini, infatti, quello di domenica sarà un incontro tra due squadre con alcuni intrecci in comune.

LITE SFIORATA – Il primo intreccio riguarda il tecnico granata Sinisa Mihajlovic, nonché ex allenatore blucerchiato. Ai tempi della Sampdoria, infatti, il mister serbo fu coinvolto in una spiacevole lite con Vasco Regini. Era il 24 febbraio 2015, e a Marassi si giocava il ‘derby della Lanterna’. Una partita combattuta fino all’ultimo, che vide i blucerchiati riuscire a strappare un pareggio per 1-1, firmato Eder e Iago Falque. Proprio nei minuti di recupero, una grave disattenzione del difensore doriano, aveva fatto sussultare il cuore dei tifosi con il pareggio tenuto in piedi soltanto da uno strepitoso Viviano. Pochi istanti dopo, il triplice fischio. Mihajlovic si dirige verso il suo giocatore in modo minaccioso (forse troppo) e, colto da un momento di rabbia improvvisa, quasi lo aggredisce. I suoi ragazzi intervengono, mettendo una pezza sulla situazione, ma da quel giorno il rapporto tra i due non fu più lo stesso. Arrivarono le scuse e le spiegazioni da parte del mister che a fine campionato conquistò l’Europa League. Ora Mihajlovic siede sulla panchina del Torino e domenica si ritroverà davanti a Regini: i due ricorderanno ancora quanto accaduto?

LA ‘QUESTIONE PORTIERI’Torino e Sampdoria nel corso degli anni sono state strettamente legate anche da alcune vicissitudini riguardanti i portieri. Partiamo in ordine cronologico: era il 2005 quando Luca Castellazzi, approdò al Toro fresco di promozione. Per lui però, anche a causa del fallimento che vide coinvolta la società, il granata fu poco più che un assaggio. Qualche giorno di ritiro e poi la ‘fuga’ verso lidi più tranquilli. Dopo quasi un’intera carriera alla Sampdoria, però, il portiere quattro anni fa è voluto tornare a Torino, dove ha concluso la sua carriera da giocatore e riveste oggi il ruolo di Team Manager. Un altro estremo difensore spesso accostato al Toro in sede di mercato è senza dubbio Emiliano Viviano. Il ragazzo originario di Fiesole, la scorsa estate, sembrava promesso sposo del Torino. Le vicissitudini però, lo portarono a un inaspettato rinnovo con la Sampdoria e i granata dovettero virare su Joe Hart. L’estremo difensore ha da sempre un ottimo rapporto con Mihajlovic, ma oggi il Torino ha tra i pali un portiere di tutto rispetto: Salvatore Sirigu.

1 commenti

1 commenti

  1. CUORE GRANATA 44 - 2 mesi fa

    Speriamo che il Mister non “sbrocchi” più e si concentri sul mettere in campo una squadra più equilibrata perché i “ciclisti” sono da prendere con le molle!FVCG!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy