Due reparti obbligati, uno molto incerto

Due reparti obbligati, uno molto incerto

Contro un Frosinone che schiera una sorta di 4-2-2-2, ossia un centrocampo a quattro con le ali molto alte e molto offensive, bene sarà che i terzini del Torino difendano al loro meglio. Rivalta è senz’altro portato a compiere quella fase, piuttosto che non quella offensiva, Rubin dovrà fare altrettanto per contrastare i vivaci Troianiello e Basso. Là dietro, in fondo, non c’è molto…

Contro un Frosinone che schiera una sorta di 4-2-2-2, ossia un centrocampo a quattro con le ali molto alte e molto offensive, bene sarà che i terzini del Torino difendano al loro meglio. Rivalta è senz’altro portato a compiere quella fase, piuttosto che non quella offensiva, Rubin dovrà fare altrettanto per contrastare i vivaci Troianiello e Basso. Là dietro, in fondo, non c’è molto di che ragionare: cinque i giocatori disponibili, e di questi, tre non sono neppure al meglio (Pratali, Pisano e lo stesso Rivalta). Piccole possibilità che il rientrante Pisano scenda in campo, ma ben difficilmente dall’inizio, non avendo neppure un minuto nelle gambe.

Soliti, numerosi dubbi a centrocampo, i quali sono già stati approfonditi altrove. Diana il più certo, e in ordine seguono Coppola, Zanetti, Loviso; solo i dubbi sulla condizione fisica frenano Colantuono dall’inserire Belingheri nell’undici titolare, per dare un po’ più di qualità ad un settore che finora ne ha fatta vedere pochina. Non è ancora il momento di Gorobsov: “Vorrei scegliere il momento giusto per mandarlo in campo, non vorrei mandarlo allo sbaraglio”, è la tattica usata dal mister con il giovanissimo argentino.

Dopo Coppola, Zoboli e Vantaggiato, ecco il momento dell’esordio da titolare di Leòn: avvicenderà Gasbarroni, “vittima” giustificata del turn-over obbligato in questa settimana da tre gare di campionato. Coppia d’attacco obbligatissima, e senza ricambi per l’infortunio di Arma che si aggiunge alla squalifica di Di Michele. Le incertezze sulla mediana si risolveranno probabilmente con l’inserimento di Coppola a contrastare Caetano Calil, sorta di via di mezzo tra il trequartista e la seconda punta. Le scelte di Colantuono legate agli altri due elementi del terzetto centrale faranno capire se l’undici granata, oltre a contrastare le veemente iniziative del Frosinone, vorrà e saprà anche ripartire per cercare di fare male ad una retroguardia avversaria non irresistibile.

Probabile formazione (4-3-1-2): Sereni; Rivalta, Pratali, Ogbonna, Rubin; Coppola, Diana, Zanetti; Leòn; Vantaggiato, Bianchi. A disposizione: Calderoni, Pisano, Loviso, Vailatti, Bottone, Belingheri, Gasbarroni. Indisponibili: Gomis, Colombo, Loria, Zoboli, Di Michele, Arma.

0 commenti

Commenta per primo!

Recupera Password

accettazione privacy