Crotone-Torino, c’è Valeri: l’arbitro che espulse Acquah e Mihajlovic nel derby

Crotone-Torino, c’è Valeri: l’arbitro che espulse Acquah e Mihajlovic nel derby

Precedenti arbitrali / Il direttore di gara della sezione AIA di Roma 2 ha diretto l’ultima volta il Torino nel derby della Mole finito 1-1 allo Juventus Stadium. Ma i precedenti…

3 commenti

Il Torino e Paolo Valeri: due strade che non si sono incrociate tante volte. Quella di domenica prossima sarà infatti, per l’arbitro della sezione di Roma 2, l’ottava occasione in cui dirigere un match dei granata. Gli altri precedenti, spalmati tra Serie A, Serie B e Coppa Italia non lasciano ben sperare. Sette pareggi e due sconfitte: questo il parziale dei precedenti del Torino con il fischietto romano, che ha diretto l’ultima volta i granata il 6 maggio 2017, in una gara piuttosto contestata. Stiamo parlando di Juventus-Torino. In quell’occasione Valeri si rese protagonista in negativo con una doppia espulsione ai danni dei granata: prima quella ad Acquah per un intervento su Mandzukic, poi quella a Mihajlovic sanzionato per le proteste conseguenti.

La stracittadina finì poi tra le polemiche: “O è fallo o non è fallo – tuonò il tecnico serbo in conferenza stampa – Con l’intervento, Acquah ha preso il pallone, poi sullo slancio ha preso il piede. Un errore ingiustificabile dell’arbitro che ha falsato la partita”. La partita dell’allora Juventus Stadium si chiuse sul risultato di 1-1, con i granata inizialmente in vantaggio grazie una prodezza di Ljajic su punizione, poi riagguantati in extremis da Higuain.

Gli altri precedenti del fischietto laziale risalgono rispettivamente al campionato di Serie A 2015/2016, quando il Toro dell’allora tecnico Ventura non riuscì a conquistare i 3 punti con due squadre abbordabili come Udinese e Carpi. Il 24 maggio 2015 poi uno dei precedenti più dolenti: i granata uscirono sconfitti per 3-0 da San Siro sotto i colpi Milan. La direzione dell’arbitro fu tutto sommato buona ma turbolenta in quanto il match fu caratterizzato da due espulsioni – una per parte – ai danni di Zaccardo e Molinaro. Durante la stessa stagione poi, il fischietto di Roma 2 arbitrò i granata in un match di inizio campionato contro la Fiorentina che vide la squadra piemontese pareggiare 1-1, grazie alle reti di Quagliarella e Babacar.

La prima sfida dei granata diretta dal direttore laziale risale invece alla stagione 2009-2010, quando il Toro di Colantuono pareggiò 1-1 contro il Cesena. Gli anni successivi arrivarono poi alcune sconfitte (ad esempio la sfida Coppa Italia sul campo del Siena che terminò 1-0 per i bianconeri) e diversi pareggi. Su tutti si ricordano quelli maturati nel 2013-2014: lo 0-0 interno contro i Viola e il pareggio esterno a Livorno per 3-3, con i granata capaci prima di andare sul 2-0, salvo poi farsi rimontare e superare dagli amaranto. Un calcio di rigore di Cerci nel finale permise alla squadra di Ventura di ristabilire la parità. Insomma, i precedenti di Valeri con il Torino non sorridono: fino ad oggi i granata non hanno mai vinto con il fischietto romano.

3 commenti

3 commenti

  1. FVCG'59 - 2 mesi fa

    ‘Sto picio cercherà di farcela pagare ancora…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Spygor - 2 mesi fa

    Il problema non è Valeri,che come arbitro è mediocre,ma come si sta arbitrando….Abbiamo visto che con il/la Var,ci abbiamo rimesso dei punti,ma non per colpa dello strumento tecnologico,ma per come è gestito lo strumento…chi fischia prima,chi aspetta,chi fa,chi dice,chi valuta,etc etc.Ci stiamo complicando la vita in un modo incredibile.Tornando alla partita,noi dobbiamo essere superiori a queste cose se vogliamo fare un campionato che ci dia delle soddisfazioni,abbiamo avuto la sfortuna dell’infortunio di Belotti,cerchiamo di sfruttare i giocatori che ci sono per fare bene,poi quandoi rientrerà il “Gallo”,avremo più frecce al nostro arco e potremo pretendere di più…FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. BACIGALUPO1967 - 2 mesi fa

    Diamo fastidio è innegabile

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy