Torino: Cairo blinda Ljajic, Mazzarri non lo vede. Lui intanto dispensa assist

Torino: Cairo blinda Ljajic, Mazzarri non lo vede. Lui intanto dispensa assist

Calciomercato / Mazzarri non è convinto, Cairo sì: “Ljajic è un giocatore fondamentale, non si muove da Torino”

di Nicolò Muggianu

Il Torino si interroga sul proprio futuro e, soprattutto, sul futuro del proprio numero 10. Con l’arrivo di Mazzarri qualcosa è sicuramente cambiato: innanzitutto sono cambiate le gerarchie e a pagarne il prezzo più salato è stato senza dubbio Adem Ljajic. Dopo aver recuperato dall’infortunio, ci si aspettava di rivederlo in campo sin da subito; da protagonista assoluto. Ma così non è stato. Prima la panchina contro il Bologna, poi quelle contro Sassuolo e Benevento. Insomma se un’esclusione può rappresentare un indizio, tre (e per di più consecutive) non possono che essere una prova.

I DUBBI – “Non ho voluto rischiarlo” aveva provato a glissare Mazzarri al termine delle prime due partite, che già avevano fatto intuire come qualcosa tra Ljajic e l’allenatore toscano non funzionasse alla perfezione. Ora però non ci si può più nascondere dietro un dito: il fantasista serbo ha recuperato appieno dall’infortunio e le ripetute esclusioni sono da ricollegarsi piuttosto a un discorso di tipo tecnico-tattico. Quel che si può dire, senza ombra di dubbio, è che se prima Ljajic era il pupillo di Mihajlovic, sotto Mazzarri è un elemento che si deve guadagnare il posto. All’interno di questa situazione si inserisce lo Spartak Mosca, che nei giorni scorsi ha presentato un’offerta da 10 milioni. Pochi, troppo pochi per il Torino. Soprattutto se si considera che il numero 10 è vincolato alla società piemontese con una clausola rescissoria valida per l’estero da 25 milioni.

LEGGI: Ljajic al bivio della sua avventura in granata

LA CHIUSURA – Ad oggi però il problema non sembrerebbe porsi nemmeno. È vero, il mercato russo chiude il 24 febbraio e c’è ancora molto tempo perché le cose cambino. È altrettanto vero però che lo Spartak non sembra intenzionato ad avvicinarsi alla richiesta di almeno 16-18 milioni formulata dal Torino. Inoltre, cosa ancor più importante, nelle ultime ore sembra essere arrivata la chiusura definitiva di Urbano Cairo. “Ljajic è un giocatore importantissimo – ha dichiarato il patron granata questa mattina ai microfoni di RMC Sport (LEGGI QUI) – Si è appena ripreso, è un giocatore importante e molto considerato dal mister. Se resta a Torino? Certo, abbiamo rifiutato offerte importanti”.

IN FORMA – Se non una chiusura totale, poco ci manca. Nell’allenamento di questa mattina intanto, Ljajic è parso sorridente e spensierato ed è stato provato da Mazzarri prima come attaccante esterno sinistro del 4-3-3, poi come trequartista nel 4-3-1-2 alle spalle di Belotti e Boyé. Con ottimi risultati: il serbo ha confezionato tre assist millimetrici per i compagni (LEGGI QUI), mettendosi in evidenza sotto gli occhi attenti del mister toscano. Intanto il Torino ha vinto anche ieri e se dopo la partita contro il Bologna, Mazzarri aveva deciso di confermare in blocco la formazione anche a Reggio Emilia perché, a suo dire, “cambiare un solo elemento mi sarebbe parso penalizzante per chi avrebbe perso il posto“, anche a Genova le cose potrebbero ripetersi. Intanto, se le parole di Cairo sembrano togliere i dubbi sul suo futuro, resta da capire quale sarà, da qui a giugno, il ruolo di Ljajic in questo Torino.

29 Commenta qui
  1. peter1 - 6 mesi fa

    La logica vorrebbe al Toro Ljajic almeno fino a giugno, ma la logica e il calcio da tempo non vanno d’accordo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-13746076 - 6 mesi fa

    Uno con questo talento erano 20 anni buoni che non lo vedevo al Toro. Certo è un po una testa matta, persino irritante per certi versi. Ma se fosse stato perfetto non giocava certo qua…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. granata - 6 mesi fa

    Il mio è un commento puramente tecnico, non ho simpatia per Lijajc più di quanto non ne abbia per tutti gli altri giocatori del Toro. Ma rinunciare a un calciatore così tecnico e spesso risolutivo come Lijajc, in una squadra in cui le doti tecniche non abbondano, mi sembra demenziale. Purtroppo il soggetto non è mister simpatia e molti si fanno condizionare da quel suo atteggiamento un po’ strafottente. E allora che cosa dire di un Baselli che anche ieri (come testimoniano le pagelle di molti commentatori sportivi) è stato molle, pigro e impreciso? Sono anche convinto delle doti di “regista” di Baselli, che però come disse giustamente Mihajlovic “è l’ unico bergamasco che conosco senza le palle”. Vedo che Mazzarri ha utilizzato oggi Lijajc da suggeritore, ruolo analogo a quello che dovrebbe svolgere Baselli e allora perchè non pensare a una staffetta fra i due, invece di relegare una risorsa del Toro perennemente in panchina? Si insiste su Niang (anche ieri, al di là del gol, piuttosto molle), su Berenguer (troppo leggerino e presto a corto di fiato), su Molinaro che ieri e’ sembrato a corto di benzina, su Boyè (che non ne combina una giusta) e si condanna senza appello Lijajc. Eppure non è che il Toro di Mazzarri, al di là del risultato, abbia incantato per gioco e inventiva. Misteri del calcio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 6 mesi fa

      Al di là della mancata simpatia della quale frega a pochi c’è da dire che nell’arco di un intero campionato ljajic è decisivo nel 30% degli incontri. Nelle altre ti va solo girare le balle coi suoi mille tocchetti e dribbling.
      Dietro le punte io lo avrei voluto vedere da mesi, vediamolo ora con mazzarri il prima possibile e fino a quando è aperto il mercato russo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Jerry - 6 mesi fa

    Per farsi considerare dovrebbe metterci un po’ più di voglia… è vero che oggi ha dispensato assist, ma da fermo. Il suo atteggiamento era come se volesse dire: ma io cosa ci faccio qui? Un po’ di intensità in allenamento non guasterebbe…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. torotranquillo - 6 mesi fa

    Mazzarri è il cocco/protetto di Mirabelli Fassone. vede solo ciò che serve al Milan. E prende solo ciò che il Milan vuole eliminare: Borini, Locatelli, Abate insomma quella gente lì.
    Se un allenatore non vede Ljiaijc ma vede mr. corner basso, mr attovagliamento su se stesso, mr no dribbling no party, mr corro frenetico ma lento, mr fisico da fantino, mr ho fatto 3 assist in 10 partite: alias tale Berenguer, col curriculum vitae “lo voleva il Napoli” che infatti ha comprato Younes e vuole Politano, dicevamo …. se tale allenatore vede meglio codesto inutile giocatore, è meglio che cambi mestiere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. iugen - 6 mesi fa

      Ma sta cosa Mazzarri – Fassone da dove uscirebbe fuori? Giusto per capire

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. torotranquillo - 6 mesi fa

        Ti ringrazio della domanda. Allora se ricordi Mazzarri allenava l’Inter. Fu un anno disgraziato, credo piuù per colpa di chi lo voleva all’inter che per sue colpe specifiche. Allora all’inter nella dirigenza (si badi bene NON come ds) c’era la coppia ineffabile Mirabelli Fassone. Ricordo che Mirabelli, uomo che si presenta negli stadi come padrone e che è maleducato e cafone come pochi, aveva fatto un unica esperienza nel Rende, ma la sua amicizia con Fassone lo portò nei piani alti della dirigenza. Naturalmente dopo un anno di pessimi risultati e di spese faraoniche furono defenestrati e andarono in coppia al Milan. O meglio di nuovo Fassone andò al Milan e si prese masochisticamente dietro Mirabelli. Questa volta addirittura come ds. Ben distante da quelli illuminati di Lazio, Udinese e Atalanta anche qui sperperò tutto il capitale comprando di tutto e di più senza un minimo di idea di come giocare, e il Milan si trovò in classifica vicino a squadre che invece di spendere 250 milioni di solito ne risparmiano una 50ina. Quando si trattava si eliminare Montella sempre con la solita classe di Mirabelli che andava in panchina e negli spogliatoi, si pensò di chiamare Mazzarri , loro storico protetto specie perché avvalla ogni scelta dello sciagurato duo. Ma un po’ per il cachet un po’ perché Milano non ama Mazzarri si scelse la soluzione Gattuso.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. BACIGALUPO1967 - 6 mesi fa

          Guardati la nuova serie di Xfile puoi trovare nuovi spunti per farneticare.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. torotranquillo - 6 mesi fa

            Molto molto educato e gentile. Magari informati un pochettino prima di scrivere baggianate

            Mi piace Non mi piace
        2. iugen - 6 mesi fa

          Grazie per la delucidazione, però aspetterei qualche prova prima di bollare Mazzarri come riciclatore degli scarti del Milan, anche se è loro amico. Al Milan abbiamo già fatto un favore bello grosso ad Agosto, direi anche basta. E lo sanno benissimo anche Cairo e Petrachi

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. user-13726000 - 6 mesi fa

    O Granatiere,ma non ti pare un attimino sbilanciato…!!!!!!!!!!!!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granat....iere di Sardegna - 6 mesi fa

      No perché sia Iago che berenguer sanno fare i laterali di centrocampo quindi in fase difensiva diventerebbe un 3412, anzi se arretra Lijaic è un 352. E’ un discorso di densità, giuste distanze e squadra corta. Magari non lo fai per 90 minuti ma se stanno tutti bene si può fare e Mazzarri lo sa sicuramente fare. Sarebbe un Toro arrembante e divertente, vedrai che prima o poi lo proverà, soprattutto se veramente dovesse arrivare Donsah. A quel punto a centrocampo sarebbero Donsah e Acquah…comunque nel frattempo pare che sia stato bloccato Hernandez, ex attaccante del Palermo, per giugno. Ovviamente è svincolato.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. iugen - 6 mesi fa

        E che diavolo dovremmo farcene di Hernandez?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Granat....iere di Sardegna - 6 mesi fa

          Innanzitutto è svincolato, requisito sine qua non, poi si vedrà…

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. rogerfederer - 6 mesi fa

    Ma l italiano lo capite o no? Significa che Mazzarri non lo considererebbe ma siccome Cairo lo ha blindato almeno per Gennaio è ovvio che ora il mister cerca di collocarlo in qualche modo….ma ne avrebbe fatto volentieri a meno…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. rokko110768 - 6 mesi fa

    Titolo dell’articolo rivedibile. A me sembra che Mazzarri sia partito da dove Miha era rimasto, ovvero il 433. Aggiustato in qualche movimento e più coperto.
    Con assaggi di 352 laddove fosse necessario giocare in quel modo, quasi 532 addirittura (contro il Sassuolo).
    Sta provando altre soluzioni tipo 4312 e 433 con Ljajic suggeritore (il suo ruolo, non è una punta esterna). Il 4312 in particolare ne esalterebbe le giocate, come è stato ad inizio stagione col 4231 (insostenibile però in mediana).
    Quindi lasciamo lavorare in pace Mazzarri, ha chiesto giustamente tempo per comprendere rosa e giocatori; per impostare il lavoro a breve ma anche a medio-lungo termine.
    Al momento mi basta vedere che finalmente non siamo ancorati ad un modulo solo, come le squadre moderne oramai devono fare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Simone - 6 mesi fa

    Ricapitolando: cairo ha detto che non si vende, mazzarri nn ha detto nulla su ljajic e TN insiste a dire che è finito sul mercato.
    Hanno qualche altra prova od ormai si scrive tanto x scrivere??

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. ALESSANDRO 69 - 6 mesi fa

    Ma il problema è il TORO come squadra oppure bisogna occuparsi di come sistemare Liajc???
    Inoltre, dove sta scritto che Mazzarri non lo vede???
    Solo perché lo ha escluso in queste tre partite???
    Probabilmente può essere che abbia voluto affidarsi a giocatori che dal punto di vista fisico gli davano più garanzie , in fin dei conti anche lui viene da un infortunio.
    Inoltre, il “pupillo” di Mihailovic è stato spedito due settimane in tribuna da quest’ultimo per motivi comportamentali, quindi come si può evincere nemmeno con il tecnico Serbo aveva tutte queste garanzie.
    Se oggi almeno ufficialmente non è sul mercato io credo che il motivo risalga nel fatto che Mazzarri sia ben consapevole delle doti tecniche del giocatore, perciò prima di lasciarlo andare magari vorrà rifletterci qualche ” minutino ” .
    Non ho capito perché creare per forza un caso che non esiste. Figuriamoci poi se Cairo lo vende per meno di 20 milioni. Su questo terreno non c’è nessuno che riesca a farlo scendere a compromessi……

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 6 mesi fa

      La prima partita era infortunato, la seconda era appena rientrato, la terza non serviva xke eravamo 3 0.
      Xo si deve insistere a dire che non lo vede.
      Complimenti!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. torinodasognare - 6 mesi fa

    More clicks more dollars

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. luna - 6 mesi fa

    Ma cosa scrive?
    Tutto ed il contrario di tutto!
    “Mazzarri non lo vede” ”
    è stato provato da Mazzarri prima come attaccante esterno sinistro del 4-3-3, poi come trequartista nel 4-3-1-2 alle spalle di Belotti e Boyé. Con ottimi risultati: il serbo ha confezionato tre assist millimetrici per i compagni (LEGGI QUI), mettendosi in evidenza sotto gli occhi attenti del mister toscano.”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. prawn - 6 mesi fa

    Come fate a titolare NON LO VEDE quando lo prova in allenamento col Gallo?

    Ma cercate di fare polemica a tutti i costi?

    Ma per favore!

    Son contento che abbia provato il 4-3-1-2 secondo me e’ il modulo piu’ adatto per quelli che abbiamo la davanti, manca solo la difesa a tre e siamo a posto!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granat....iere di Sardegna - 6 mesi fa

      eh eh eh, piano piano vi convincerò che il modulo migliore per questo Toro è il 3232 con due podisti a centrocampo e insieme in campo falque,lijaic,berenguer,niang e belotti…se riesce ad accorciare la squadra vedrai che prima o poi lo fa e secondo me sarà un bel vedere

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. iugen - 6 mesi fa

        Lo vedremo quando saremo sotto 2-0 a 10 minuti dalla fine per provare il tutto per tutto…
        Scherzi a parte, sarebbe anche intrigante, ma mi sembra un po’ troppo squilibrato verso l’attacco

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. BACIGALUPO1967 - 6 mesi fa

          Sempre meglio che l’1 1 8 di balcanica memoria

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. Granat....iere di Sardegna - 6 mesi fa

          eeeh lo so che è squilibrato ma Mazzarri è preparato e fa giocare corte le sue squadre, se la squadra è corta e crei densità si può fare…io credo che un Sarri per esempio lo farebbe e dunque perché non può farlo Mazzarri? Ora magari è presto, i giocatori hanno bisogno di risultati che gli diano fiducia e forse c’è ancora da lavorare sulla condizione atletica ma una volta sistemati questi elementi secondo me il Toro è una squadra con un attacco potenzialmente esplosivo e Mazzarri è bravo soprattutto a far rendere al meglio i giocatori che ha. D’altronde l’altro giorno l’ha detto lui che se un giocatore è bravo, si applica e corre lui un posto in squadra glielo trova…

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Daniele abbiamo perso l'anima - 6 mesi fa

      @Granatiere: Se vedrò Mazzarri giocare a inizio partita col 3232 ti offro una cena dove vuoi tu.
      Per me è impensabile. Anche se la squadra è stata sciaguratamente costruita per essere messa in campo più o meno così ..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Granat....iere di Sardegna - 6 mesi fa

        Ahahahah Va bene per la cena, sarebbe veramente una bella serata granata

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy