Bologna-Torino 1-1, N’Koulou risponde alla Serie A: carisma e buone sensazioni

Bologna-Torino 1-1, N’Koulou risponde alla Serie A: carisma e buone sensazioni

Protagonista / Il camerunense ha retto l’impatto con l’esordio nel massimo campionato

2 commenti

La difesa del Torino ha trovato il proprio leader? Pare proprio di sì: Nicolas N’Koulou si è preso la retroguardia granata dopo due sole partite giocate da titolare. Il tecnico Sinisa Mihajlovic ha deciso di buttarlo subito nella mischia, consapevole della necessità di avere un uomo di personalità e qualità dietro, cui affidare anche il compito di impostare dal basso l’azione offensiva.

Bologna-Torino 1-1, è tutto un altro Ljajic

E N’Koulou ha risposto ancora presente, dopo il test poco probante contro il Trapani. Arrivato al Toro il 5 agosto, già l’11 era titolare in Coppa Italia, e ieri in campionato. D’altronde, Mihajlovic l’ha sottolineato nella conferenza pre partita: “Migliorerà solo giocando”. E allora dentro nella mischia, in attesa di risposte che sono arrivate puntuali e positive.

Qualità difensiva ma anche personalità per N’Koulou: certo, talvolta ha rischiato (come quando nel primo tempo ha provato a controllare un pallone a campanile, per poco non spalancando una prateria al Bologna) ma nel complesso la sensazione è di avere trovato un punto fermo all’interno della retroguardia, che insieme a Moretti ieri ha retto le pericolose ripartenze di talenti come Verdi, Destro e Di Francesco (ad eccezione della seconda rete, LEGGI QUI).

N’Koulou è un titolare, e ormai difficilmente lascerà quel posto. L’amalgama verrà giocando, e per questo il Sassuolo sarà il prossimo banco di prova. All’urto con la Serie A, però, l’ex Lione ha risposto bene, dimostrando che le sensazioni del Trapani non erano dovute alla bassa caratura dell’avversario. N’Koulou, con ancora tanto da crescere, si sta già prendendo il Toro.

2 commenti

2 commenti

  1. Argo - 1 mese fa

    Ero a Bologna. A me è piaciuto un sacco. Personalità, senso della posizione, tecnica e visione di gioco. Non ha mai buttato un pallone e credo abbia fatto uno o due falli. Il problema forse è il modulo. Troppo sbilanciato con la difesa esposta oltre ogni logica. E l’attacco del Bologna è ridicolo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. WGranata76 - 1 mese fa

    Buone sensazioni su alcuni aspetti, come il carattere e la sicurezza. Il tempismo sugli anticipi e una discreta impostazione e piede nei lanci.
    Ma anche responsabilità di piazzamento e marcatura sul gol, dove andava per farfalle in mezzo all’area,costringendo Zappacosta a scalare sull’uomo libero in mezzo e lasciando spazio a Di Francesco di colpire.
    Inoltre ha perso palla un paio di volte male per cercare dribbling in uscita palla al piede.
    Ha dato buoni segnali,ma mostrato ancora limiti su cui lavorare e l’avversario non era eccelso, quindi meglio che si ambienti ed integri in fretta lavorando sodo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy