Torino e infortunio Belotti: no ai catastrofismi. Ma il mercato può cambiare

Torino e infortunio Belotti: no ai catastrofismi. Ma il mercato può cambiare

Il punto / In attesa degli esiti, l’infortunio del Gallo può comunque indirizzare le trattative granata: nel mirino non più un semplice comprimario

26 commenti

Il popolo granata nella giornata di ieri ha dovuto trattenere il fiato e fare i conti con una nuova, pesante notizia: Andrea Belotti si è infatti fermato nel pomeriggio nel corso della sessione d’allenamento, abbandonando il terreno del Filadelfia in anticipo a causa di un trauma distorsivo al ginocchio destro, quello stesso ginocchio che aveva già patito un infortunio nella prima fase di stagione. Il Gallo non sarà dunque in campo nella sfida contro il Genoa, ma questa complicazione potrebbe non avere una ripercussione pratica solamente sul match contro il Grifone quanto, piuttosto, sulle strategie di calciomercato del Torino.

Bene è ricordare che, in ogni caso, è ancora necessario attendere gli esiti degli esami ai quali il centravanti si sottoporrà nelle prossime ore: se venisse confermata la distorsione, lo stop non si limiterebbe solamente all’incontro in programma sabato pomeriggio – che Belotti salterà di certo – ma si protrarrebbe all’incirca per 20-25 giorni, tra guarigione e recupero della condizione; una tegola che in questo caso sarebbe molto meno pesante rispetto a quella paventata da alcune voci incontrollate (e non confermate) che nei minuti successivi all’infortunio parlavano di interessamento del crociato. Un’assenza tuttavia allo stesso tempo pesantissima a livello tecnico ma anche psicologico, alla quale i granata potranno momentaneamente ovviare con il probabile spostamento di Niang nel ruolo di punta centrale come soluzione temporanea: la sessione di mercato invernale arriva a questo proposito al punto giusto, ed è proprio quello il campo in cui il Torino dovrà, visto l’inatteso e spiacevole evento, giocare la migliore partita.

LEGGI: Torino, allarme per Belotti: trauma distorsivo al ginocchio, allenamento interrotto

La tematica è stata di primaria rilevanza a partire dall’estate, e nel corso di tutto il girone d’andata se ne è a lungo parlato: con la conferma del Gallo, il Torino non poteva ingaggiare un attaccante di pari qualità per rischiare di relegarlo inutilmente in panchina e dunque la scelta nel ruolo di vice-Belotti poteva ricadere su una giovane scommessa o su un attaccante più maturo ed esperto che accettasse di occupare una posizione di rincalzo. In estate, i granata avevano puntato su quel Sadiq che tuttavia non si è ancora dimostrato pronto per questi palcoscenici, ed i programmi per la sessione invernali erano dunque quelli di correre ai ripari pescando però dalle medesime categorie di giocatori. L’infortunio di Belotti potrebbe invece modificare adesso sensibilmente la rotta poichè, anche se potrebbe appunto non essere così tremendo come si vociferava, a questo punto il Torino sembrerebbe avere necessità non di un attaccante di riserva, ma di un profilo in grado di rivestire i panni da titolare dando modo all’attaccante di Calcinate di recuperare con calma e, allo stesso tempo, permettendo al Torino di non essere costretto a forzare il suo ritorno in campo come già accaduto in occasione del primo infortunio stagionale.

In questo senso, quello di Diego Falcinelli sembrerebbe essere un profilo percorribile: il giocatore del Sassuolo è sempre piaciuto al Toro, e già l’estate scorsa fu oggetto di un sondaggio da parte dei granata. Non più quindi una scommessa o una ‘anziana’ certezza, o non soltanto: il club granata dopo aver verificato l’entità dell’infortunio occorso al Gallo deciderà se muoversi sul mercato alla ricerca di un profilo di una certa caratura tecnica e qualitativa, che possa fornire determinate garanzie e sul quale possa poggiare davvero – senza ulteriori contraccolpi – il peso del reparto offensivo. L’infortunio di Belotti ed il contraccolpo sul calciomercato: ecco come possono cambiare le strategie granata.

26 commenti

26 commenti

  1. Kieft+Bresciani - 2 settimane fa

    Prendiamo Guidetti o Seferovic, quest’ultimo conosce già il nostro campionato di serie A

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. claudio sala 68 - 3 settimane fa

    Con un Berardi disastroso come quest’anno non credo che il Sassuolo lo ceda a Gennaio. Oltretutto Squinzano non ha grossi problemi economici. Piuttosto di cercare un panchinaro puntiamo sui nostri giovani ed a Gennaio puntiamo su di un centrocampista che faccia la differenza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. abatta68 - 3 settimane fa

    Non vedo perchè un giocatore come Falcinelli non possa andare bene… non è un secondo Belotti che ci serve, ma uno che accetti la panchina, si alleni seriamente, che quando chiamato in causa sia pronto, che non sia alla prima esperienza ma nemmeno vetusto, ma anche uno che la porta la veda e sappia fare goal… è uno da area di rigore, ma sà fare anche la seconda punta… perchè no!
    Poi non credo che al momento percepisca dal Sassuolo uno stipendio faraonico, a differenza di tanti altri attaccanti di livello che giocano nelle loro attuali società. Eviterei personaggi tipo Matri, Pazzini o Borriello, ecco… i mega pensionati che stiano pure alla larga, grazie!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. elio70 - 3 settimane fa

    Lijaic gioia e dolore di noi tifosi granata. Il talento è indubbio e notevole ma non basta. Vogliamo fare degli esempi: Balotelli e Cassano di talento e di classe ne hanno/ne avevano ancora di più ma sono dei “decerebrati” e resteranno tali perchè non sono cresciuti come “UOMINI”. A mio avviso prima ci deve essere l’UOMO con i suoi valori e la sua bella corazza interiore, poi si valuta l’aspetto tecnico del giocatore. Quanti giocatori e atleti con talento vediamo oggi disadattati e non compresi nelle società di calcio……per me Lijaic e Niang rientrano in questa categoria.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. brusbi - 3 settimane fa

    Io, che sarei felicissimo di una cessione di Lijaic persino a gennaio, ho evidentemente una mentalità parrocchiale, incapace di scorgere il talento sopraffino del serbo.
    Questo mi consola perchè se Lijaic da noi fa la differenza, presumo che sul mercato interessi società superiori alla nostra, che questa estate faranno a gara per prenderselo.
    Dunque aspetto di vedere gli interessi (veri e non millantati) di società di livello di tutta europa.
    Magari fosse vero.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. granata - 3 settimane fa

    Il problema è che si è sbagliata la campagna acquisti puntando su Niang, come seconda punta, e su Sadiq come terza. Ci siamo presi due fregature. Il discorso che, siccome rimaneva Belotti, non c’ era spazio per un altro giocatore di valore analogo è una stupidaggine, se così fosse stato non avremmo speso 15 milioni di euro per un presunto “campione”. Lo si era visto già alla fine della scorsa stagione che Belotti aveva bisogno di una valida spalla in attacco, perchè ormai sottoposto a sorveglianza speciale. La verità è che abbiamo sabgliato completamente le scelte; e pensare che con la stessa cifra potevamo prendere uno Zapata, col quale avremmo sicuramente fatto il salto di qualità. Aggiungo che chi auspica una cessione di Lijajc, è legato a concezioni calcistiche “parrocchiali”, per cui l’ importante è correre dietro a una palla, le stesse che piacciono Mihajlovic. Ljajic è giocatore che ai nostri livelli fa la differenza, così come Belotti e Iago Falque. Anche Cerci nel corso di una partita era discontinuo, rifiatava, eppure c’ è qualcuno che non ripiange le due stagioni in cui giocò con noi? Il problema è che alla fine siamo tutti condizionati dalle sparate di Mihajlovic, per cui Maxi Lopez (l’ avessimo tenuto al posto di Niang) era soltanto una lavatrice e Ljajic un fighetto indisciplinato. Dimentichiamo che la scorsa stagione fece 10 reti, alcune delle quali determinanti (come l- 1- 1 nel derby). Quindi per favore non diciamo fesserie, paragonando Ljajic a Niang o a Sadiq.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Athletic - 3 settimane fa

      Invece non è assolutamente una stupidaggine. Un giocatore di valore analogo a Belotti non sarebbe mai venuto al Toro, perché anche i sassi sapevano con quale modulo avrebbe giocato Miha, e nella peggiore delle ipotesi, lo Zapata di turno avrebbe passato un anno in panca. Poi le cose sono andate diversamente, Belotti si è infortunato e ha smesso di segnare, ma chi sarebbe venuto confidando sulle sfighe di Belotti? Quello che invece è vero, è che Niang e Sadiq sono state scommesse perse, purtroppo. A parte il fatto che se tiro fuori 15 milioni, vorrei qualche garanzia, 15 milioni non sono una scommessa, ma se ti fidi delle persone sbagliate….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. CUORE GRANATA 44 - 3 settimane fa

      Caro granata avrò anche una concezione calcistica “parrocchiale” ma a calciatori tecnicamente bravi come Ljaic ne preferisco altri meno “narcisisti” che giocano per la squadra( Iago,Belotti tanto per dire) e che non obbligano la squadra a giocare per te, perché nell’arco di una stagione non fanno fare il salto di qualità. Al riguardo parla la stessa carriera di Ljaic che non ha mai messo radici in alcuna squadra.Da tifoso della “vecchia guardia” ho una concezione calcistica forse più “romantica” che “parrochiale”.Penso che tu sia un tifoso “delle nuove leve” e forse non hai mai sentito parlare di Gerry Hitchens, centroavanti gallese che ha giocato per noi negli anni 60( preistoria dirai) ma certi valori non hanno tempo. Gerry poca tecnica ma un cuore grande ha lasciato un bellissimo ricordo per il suo impegno ed attaccamento alla ns. maglia. Questi sono i calciatori che preferisco!Tornando a Ljaic la sua eventuale cessione a Gennaio consentirebbe, forse, di arrivare ad una vera punta altrimenti improbabile perché Cairo,come già detto, difficilmente aprirebbe il portafoglio! In ultimo ti vorrei precisare che forse non mi sono espresso bene ma non ho certo paragonato Ljaic a Niang o Sadiq sotto il profilo squisitamente tecnico. Naturalmente il bello del calcio è che tutte le idee sono opinabili! Cordiali saluti granata! Ciao.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. FVCG'59 - 3 settimane fa

    Falcinelli! Ecco chi ci spianerà la strada per l’EL, senza dimenticare Niang e Sadiq.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. fabio.tesei6_212 - 3 settimane fa

    Io sarei molto più favorevole a lanciare butic, magari è un’altro Cutrone

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. brusbi - 3 settimane fa

    Niang punta centrale?
    Vengono i brividi al solo pensiero.
    Meglio Sadiq un milione di volte.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. drino-san - 3 settimane fa

    Il vice Belotti ce l’abbiamo già ma continuiamo a farlo giocare fuori ruolo. Tra l’altro l’abbiamo pagato il doppio di Belotti per farci amico Raiola

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Filadelfia - 3 settimane fa

    Intanto sul Rutto di oggi si dice che Belotti nel Derby ci sarà. Se cosi fosse “tanto rumore per nulla”. Speriamo bene.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. prawn - 3 settimane fa

    Pensare quest’estate che il Gallo si sarebbe ripetuto o che il Gallo non si sarebbe rotto per un anno intero è stata la tegola, altro che questo, gestione veramente folle del rischio.
    In Europa ci vai anche con le riserve!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. CUORE GRANATA 44 - 3 settimane fa

    Giusto non fare catastrofismi prematuri e speriamo infondati. Resta il fatto che questa tegola imporrebbe un cambio di rotta nella strategia di mercato e cioè non una operazione “alla Amauri” tanto per intenderci ma un qualcosa di più sostanzioso anche in ottica futura. Certo una punta che fornisca garanzie comporterebbe un investimento di un certo “spessore” e non credo che Cairo, che deve ancora metabolizzare la “legnata” Niang, sia disponibile tout court ad aprire il portafoglio! Ciò potrebbe avvenire, a mio avviso, solo con la cessione contestuale di un giocatore che dovrebbe garantire un adeguato introito. Personalmente penso a Ljaic che nella prossima stagione andrà a scadenza di contratto, ha mercato e forse lui stesso intende cambiare aria come,mi auguro, farà il suo mentore a fine stagione. Si dirà che è il ns. giocatore di maggior talento ed è vero ma altrettanto vero è che con la sua incostanza nell’arco di una stagione alla fine non è decisivo per fare il famoso “salto di qualità! Stesso discorso(in peggio) vale per Niang che però a Gennaio non può essere ceduto:la regola vale anche per i mercati “offshore” tipo Emirati, Cina o USA Soccer?Certo cederli entrambi sarebbe un bel colpo! Sono lontani anni luce dallo spirito Toro e come dicevamo noi tifosi della vecchia guardia sono due “lajan”! A beneficio dei tifosi non piemontesi trattasi di espressione gergale che mirabilmente sintetizza un modo di essere e di comportarsi. FVCG!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. elio70 - 3 settimane fa

      Aggiungerei sempre in dialetto piemontese: due bej FAGNAN !!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. KanYasuda - 3 settimane fa

      … “latitanti” ?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. elio70 - 3 settimane fa

      Aggiungerei al commento di “CUORE GRANATA 44” sempre in dialetto piemontese: due bej FAGNAN !!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Alberto Fava - 3 settimane fa

      Buongiorno @Cuore Granata 44
      ,mi scuso di risponderti direttamente, ma sai la vecchia guardia e sempre attenta e vigile.
      Come la gloriosa Folgore, alla quale sono fiero di aver fatto parte nel lontano 73. :-)
      A completamento del tuo post a beneficio dei Fratelli non di lingua : lajan = pelandrone.
      Poi, se vai a leggerti i post a margine dell’articolo su Sadiq, vedrai degli insulti pesanti a Cairo e Petrachi da parte del blogger @Marino, che ci ha abituato a queste “perle”.
      Il mio istinto mi suggeriva di rispondergli a tono, con insulti altrettanto pesanti .
      Poi la ragione ha preso il sopravventò , e mi sono limitato a chiedere la cancellazione del post alla redazione.
      Spero l’abbiano fatto.
      Ma credimi, e’ veramente insopportabile tolllerare la vigliaccheria di certuni.
      Questo per rispondere al tuo messaggio, nel quale mi spiegavi che l’amore per il Toro a volte porta a commentare “ sopra le righe”.
      Questi post come quello di cui sopra secondo me altro che sopra le righe…… sono sotto una fogna: il cervello che li abortisce!
      Saluti Granata :-)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Alberto Fava - 3 settimane fa

        Ciao @Cuore Granata 44
        Non so se hai visto, ma nell’altro articolo, quello su Sadiq ci hanno bannato.
        Entrambi.
        Però il post offensivo di Marino l’hanno lasciato.
        Bah a questo punto credo che siano della stessa categoria…….
        Vigliacchi.
        Mi sa tanto che toglierò le tende da TN.
        Buona serata

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. avalli78_405 - 3 settimane fa

    Il sostituto ideale è Caracciolo del Brescia. E’ uno che ha sempre fatto gol e verrebbe di corsa a confrontarsi con la serie A.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. avalli78_405 - 3 settimane fa

    Il sostituto ideale sarebbe Caracciolo del Brescia. E’ uno che ha sempre fatto gol, esperto e sicuramente non vedrebbe l’ora di confrontarsi con la serie A.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Granat....iere di Sardegna - 3 settimane fa

    Nell articolo non si tiene conto delle altre squadre. Mica tutti sono pronti a calarsi le braghe davanti alle nostre impellenti necessità…vedremo se e soprattutto a che prezzo petrachi riuscirà a trovare qualcuno. Credo siano comunque esclusi investimenti milonari e falcinelli non costa esattamente un tozzo di pane…A volte la politica estiva del risparmio a tutti i costi non produce i risultati voluti…Soprattutto se confrontata allo sperpero di denaro quale sembrerebbe quello speso per niang…Io mi auguro solo che, fatto salvo il mero parere tecnico, petrachi non dia ascolto al mister, che impari finalmente a fare la farina col grano che ha, le sue pretese di mercato ci hanno già rovinato abbastanza

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Joker - 3 settimane fa

      Penso che soldi ne sono stati sempre spesi, se bene o male è un altro discorso. Niang è una scommessa ma come lo sono state tante altre Belotti incluso e ti ricordo che non siamo il PSG non possiamo permetterci di spendere cifre astronomiche per un giocatore. Il campionato è molto equilibrato e anche lo stimolo mentale conta tantissimo a mio avviso l’unica cosa che ci è mancata è un sostituto di valore per Belotti che ci avrebbe dato più punti è più tranquillità, non rimpiango Maxi ma Pazzini, Destro per esempio sarebbero stati fondamentali non inutili come Sadiq ora spero a Gennaio che arrivi una punta vera per ritornare a sperare nell’Europa.
      La squadra secondo me è valida ma senza fiducia e tranquillità non si và da nessuna parte

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Granat....iere di Sardegna - 3 settimane fa

        Si appunto, Niang è una scommessa da 15 mln più bonus…un pò azzardata per una squadra come il Toro che non può permettersi certe cifre come giustamente hai ricordato…anche per me la squadra è valida ed in effetti mancherebbe un sostituto valido del gallo, intendevo rimarcare che non ce lo daranno su un piatto d’argento, tanto più ora che ne abbiamo estrema necessità, a prescindere dall’infortunio al gallo

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Alberto Fava - 3 settimane fa

          Buongiorno Granat…iere.
          Non so, può essere che tu abbia ragione quando sostieni che nel bisogno di solito vieni “incravattato”.
          Tipica regola di mercato valida per tutti i settori, calcio compreso.
          Ma sono anche sicuro che alla luce degli ultimi affari trattati, nel bene e nel male, il Toro con il bravo Petrachi abbia anche qualche aggancio su cui confidare.
          Intendo squadre italiane / straniere , che possono annoverare nei loro esuberi, quella ipotetica punta che faccia al caso nostro.
          Non spendo nomi, mi va bene chiunque che veda la porta, e sia un uomo d’area, un profilo capace di impegnare i centrali avversari.
          Slatan? :-) magari….
          Scherzi a parte, un’ariete di peso secondo me farebbe al caso nostro.
          Poi ovvio che se garantisse quelle 6-7 reti in mezza stagione , sarebbe grasso che cola.
          Con la verve di Falque ( nota per Pimpa : Falque e non la purga :-) ) e di un po’ tutti gli altri , i gol non dovrebbero mancare.
          Ciao
          FVCG

          Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy