Il Corriere Torino: “Calcio, giornali e concorrenza”

Il Corriere Torino: “Calcio, giornali e concorrenza”

Rassegna Stampa / L’articolo a firma di Giampiero Timossi a seguito della presa di posizione sulle nostre colonne di Mario Giordano

di Redazione tvvarna

Sulle colonne del Corriere Torino di questa mattina si legge, a firma di Giampiero Timossi, un articolo che cita quanto scritto da Mario Giordano, ieri, sulle nostre colonne (clicca qui per leggere). “Quest’estate lo stesso giornale (Tuttosport, ndr) applaudiva la campagna acquisti-mancate cessioni dei granata. Poi si cambia musica. E guarda le coincidenze: la cosa si fa insistente da quando in città sbarca una nuova realtà editoriale, il Corriere Torino. Che abbia successo o meno lo decidono quotidianamente i lettori, ma certo è un segnale importante della vivacità culturale di questa città. Ragion per cui non avrebbero dovuto prenderla male, gli editori concorrenti”, inizia l’autore. “Così, con un tempismo almeno sospetto, ecco piovere sulla squadra granata critiche serrate, quotidiane, anche precedenti alle tre sconfitte consecutive nelle quali è incappata la squadra di Mazzarri. Dimenticando, per esempio, che questa squadra ha ora gli stessi punti di quel Toro che con Ventura tornò in Europa League”.

Ad un articolo comparso nella giornata di ieri che suggeriva apertamente a Cairo di vendere il Torino, il Corriere risponde citando proprio le parole di Mario Giordano: “Allora LaStampa &C. che fanno? Decidono che è arrivato il momento di dire a Cairo che «deve vendere il Torino». A chi non importa, non importa a loro, ma ad altri sì: per esempio alla maggioranza silenziosa dei tifosi. Lo dice anche chi silenzioso non è come Mario Giordano, direttore del TG4. Ieri il giornalista, tifoso del Torino, ha sottolineato la campagna di alcuni giornali. E ha aggiunto: «Quello che mi interessa è il Toro. E io continuo a pensare che in Italia oggi solo un pazzo o un nemico del Torino possa chiedere a Urbano Cairo di vendere la società». Infine, conclude Giampiero Timossi, “la Ferrari non vince un mondiale piloti dal 2007 e costruttori dal 2008, ma solo un pazzo chiederebbe a Sergio Marchionne di vendere la società”. 

14 Commenta qui
  1. Gud_74 - 2 mesi fa

    l’unica risposta sensata e democratica che possiamo dare a questo tipo di giornalismo è scegliere di non seguirlo. Noi possiamo NON comprarlo e NON leggerlo, sul web o altrove.

    Cosa che per altro ho scelto di fare già da molto tempo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Scott - 2 mesi fa

    Il buon presidente dovrebbe fare nè piu’ nè meno di quello che chiedono gli azionisti in una qualunque SPA: investire. Qui non si parla neanche di utilizzare gli utili! Figuriamoci!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Scott - 2 mesi fa

    Sono gli stessi giornali che qualche mese fa glorificavano il mercato del Toro. Capiscono una mazza di calcio, ma il conflitto è dentro il Toro, alla ricerca di capri espiatori.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. modigliani - 2 mesi fa

    Premesso che é giusto da parte di noi tifosi criticare anche pesantemente Cairo e la società se operano male e i risultati non arrivano, evitiamo di abboccare alle campagne stampa orchestrate dalla Famiglia ovina…..
    Ricordo benissimo il tam tam dei giornali torinesi per portare al Toro un certo Ciminelli uomo dalle “capacità finanziarie illimitate”……
    L’esito lo conoscono tutti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Athletic - 2 mesi fa

      Panini gratis e Champions in due anni. Ricordiamoci tutto, perchè allora facevamo ridere ben più di adesso.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Athletic - 2 mesi fa

    Su una cosa ha ragione, ovvero che tuttosport è un giornale pessimo, che ha sempre cercato di destabilizzare l’ambiente, di fomentare le polemiche, un giornale che ha sempre voluto il male del Toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Daniele abbiamo perso l'anima - 2 mesi fa

    La campagna contro Cairo di Tuttosport e dintorni è palese ed è giusto sottolinearla.
    Ciò non toglie però i demeriti e le colpe di Cairo che troppo spesso in questi anni pare abbia quasi di proposito rinunciato a fare il salto di qualità quando mancava sempre e solo un piccolo sforzo per poterlo fare.
    Cairo non è forse il male assoluto del Toro e di presidenti peggiori ne abbiamo avuti (Calleri e Cimminelli su tutti ). Da qui ad esaltarlo però il passo è lungo.
    Non pretendiamo lo scudetto e la Champions, ma di lottare per traguardi medio-importanti come l’Europa League, qualche derby, un po’ di strada in Coppa Italia. Non chiediamo la Luna, solo un po’ del prestigio che il Toro merita.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. alètoro - 2 mesi fa

    E’ evidente che la nuova creatura quotidiana editoriale torinese del Presidente di R.C.S. SpA ossia il più grande Gruppo Editoriale nazionale causa assoluto fastidio alla concorrenza locale.
    In città questa realtà quotidiana in edicola non piace ai Poteri Forti e in particolare alla Famiglia, proprietaria dello storico quotidiano “LA STAMPA”, e di conseguenza naturalmente è già partita una campagna anti-Cairo.
    Purtroppo personalmente constato amaramente che dopo oltre 12 anni di sua presidenza il TORO risulta attualmente l’unica Azienda del patron Cairo con i risultati sportivi assolutamente deludenti rispetto alle aspettativa degli stessi tifosi e forse, mi auguro, dello stesso proprietario.
    Tuttavia,cari tifosi del TORO, concediamo a Cairo ancora del tempo con il vivo auspicio che tramite un piano graduale di investimenti finanziari attuato dalla Società TORINO F.C. possa davvero potenziare sotto l’aspetto tecnico la squadra in modo tale che essa possa finalmente conseguire i prestigiosi risultati sportivi che noi tutti attendiamo da troppo tempo.
    Noi tutti tifosi del TORO auspichiamo che magari CAIRO ottenesse con la squadra granata anche soltanto la metà dei successi che hanno realizzato la sua ascesa di abile e astuto imprenditore, al vertice dell’editoria nazionale con l’acquisto di RCS S.p.A. .
    Purtroppo l’attuale realtà del TORO è assolutamente differente ma è oggettivo che non esiste una concreta alternativa a lui e pertanto occorre appoggiarlo affinché si concretizzi realmente quanto sopra auspicato.
    Soltanto il tempo dirà se tale speranza e auspicio personale è ancora fondata oppure si tratta di disincantata utopistica illusione …
    Comunque e sempre Alè TORO !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. ddavide69 - 2 mesi fa

    Beh … scusate ma il parallelo non regge .

    La Fiat è la maggiore e UNICA produttrice di automobili d’Italia , è l’unica con know-how specifico , è una delle società con la maggior capitalizzazione in borsa e come patrimonio netto, e soprattutto investe nella Ferrari !

    Magari sbaglia ad investire ed è questo il motivo per il quale non vince , ma ha vinto 7 titoli mondiali in otto anni fino a 2007 .

    Il Toro non vince nulla dal 1993 !

    Evitiamo di scrivere queste minchiate per favore .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. daigoro - 2 mesi fa

    mah!!!!!!!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. dennislaw - 2 mesi fa

    Perfettamente d’accordo. Critiche sì, ma come ho già detto , non si vede all’orizzonte un presidente che sia meglio di quello che abbiamo. Lui deve pensare di non avere la “terza squadra di Milano” e quindi una società che può galleggiare nelle parte bassa della classifica, purchè si salvi. Crei uno staff migliore in tutti i settori. faccia pure qualche valenza ,ma ne investi, bene, il 70-80% e vedremo un Torino migliore.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 2 mesi fa

      Perchè non lo fà ?

      Questo dovresti chiederti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ddavide69 - 2 mesi fa

        No : meglio non chiedersi nulla .

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. dattero - 2 mesi fa

          13 anni di menzogne conclamate e dichiarate,di pagliacciate mediatiche umilianti e irritanti.
          risultati sportivi mediocrissimi,obbiettivi conclamati e mai reralizzati,e ancora gente che lo difende..pazzesco
          irrispettoso,volgare e scaribarile,ma che bel soggetto,ma che simpatico umorista..

          Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy