Diritti Tv, la Rai preoccupata: “Così dovremo chiudere 90° minuto”

Lo storico programma sportivo a rischio se non cambieranno le regole sulla trasmissione in chiaro degli highlights della Serie A decise ieri dalla Lega

La riforma sui diritti tv potrebbe far chiudere “90° minuto”. A confermarlo è direttamente la Radiotelevisione Italiana che, tramite un comunicato ufficiale fa sapere che “se non saranno riviste le decisioni della Lega, la Rai potrebbe essere costretta a rinunciare a trasmissioni storiche come 90° minuto“. Un vero e proprio fulmine a ciel sereno, che sembra però essere la naturale conseguenza delle norme e delle disposizioni fatte circolare nella giornata di ieri dalla Lega Serie A in tema di diritti tv. Se verranno confermate le scelte prese nei giorni scorsi, gli highlights delle partite di Serie A del prossimo anno saranno disponibili in chiaro prima sul web che in tv. Un dettaglio non da poco per trasmissioni come “90° minuto” che, dopo 48 lunghissimi anni, rischia di scomparire per sempre dal palinsesto Rai.

Diritti Tv, per vedere tutte le partite servono due abbonamenti: ecco perché

IL COMUNICATO — “In merito allo scenario che si va definendo relativamente all’acquisto dei diritti televisivi del campionato di calcio di Serie A per le prossime tre stagioni, la Rai evidenzia con stupore che si è davanti ad un rischio grave e incomprensibile per il servizio pubblico: non far vedere a tutti gli italiani il sabato sera e la domenica pomeriggio le immagini salienti delle partite, come avvenuto per oltre mezzo secolo, ma solo a chi può permettersi abbonamenti con privati“. Questa la nota ufficiale pubblicata dalla Rai, che adesso chiede alla Lega di Serie A di “rivedere una decisione che danneggia tutti i tifosi“. Una decisione che potrebbe portare alla chiusura di una trasmissione storica come “90° minuto”. Un programma che ha fatto la storia del calcio nostrano e che sembra essere sempre più a rischio scomparsa: “La Rai – prosegue il comunicato – che ha contribuito, nel corso degli anni, a rendere il calcio lo sport più popolare, potrebbe essere costretta a rinunciare a trasmissioni storiche come 90° minuto. Chiediamo pertanto ai presidenti delle società di Serie A di rivedere questa decisione che danneggia prima di tutto i loro stessi tifosi e tutti gli appassionati di calcio“.

Outbrain
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie . Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.