Caso biglietti, Andrea Agnelli sorride: accolto ricorso, fine dell’inibizione

Caso biglietti, Andrea Agnelli sorride: accolto ricorso, fine dell’inibizione

La decisione / La Corte federale FIGC riforma la decisione del primo grado, aggiungendo però la disputa a porte chiuse di Juventus-Genoa

3 commenti
La sanzione per Andrea Agnelli per la vicenda dei biglietti finiti in mano alle infiltrazioni mafiose nella curva della Juventus finisce oggi: è questa la decisione della Corte federale della Figc che ha ridotto così la squalifica iniziale di dodici mesi al presidente Juve, che era stata inflitta dal Tribunale Nazionale della Federcalcio per i rapporti non consentiti con i tifosi nell’ambito della vendita dei biglietti allo Stadium, aggiungendo però una multa di 100 mila euro. La Corte ha inoltre rideterminato inoltre la sanzione dell’ammenda di 600 mila euro alla Juve e ha disposto la disputa della prima gara interna di Campionato di Serie A dell’anno 2018, quella col Genoa del 22 gennaio, con la Curva Sud chiusa.
Dunque, il numero uno bianconero torna ad essere presidente della Juventus a tutti gli effetti. La sua squalifica si interrompe dopo soli tre mesi già scontati. Accolto anche il ricorso proposto dalla Juventus in relazione alle posizioni del responsabile del ticket office, Stefano Merulla, e dell’addetto alla sicurezza Alessandro D’Angelo: le sanzioni inflitte all’esito del giudizio di primo grado, rispettivamente 12 mesi e 15 mesi di stop, sono così annullate.
3 commenti

3 commenti

  1. maraton - 2 mesi fa

    come al solito.
    dopotutto siamo in itaglia (scritto volutamente minuscolo e con la g).
    l’ultimo erede di una dinastia di mafiosi e drogati se la ride con la sua bella faccia da culo.
    personalmente sono cose come questa che fanno vergognare di essere italiano, e desiderare di essere nato nel Tagikistan :-(

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Spygor - 2 mesi fa

    Che faccia da culo sto gobbo,ma non si vergogna mai,che cazzo c’è da sorridere?Hai i soldi che hai guadagnato sulle spalle degli operai,basta pagare e metti sempre a posto tutto,siete la rovina di Torino,mi fate schifo!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Alberto Fava - 2 mesi fa

    E c’era forse qualcuno che nutriva dei dubbi?
    Mah come magra consolazione, penso alla “livella”.
    Poca cosa, ma sempre meglio di niente.
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy