Torino-Juventus, moduli e uomini: Mazzarri pronto ad adattarsi in corsa

Torino-Juventus, moduli e uomini: Mazzarri pronto ad adattarsi in corsa

Verso il match / Il tecnico granata ha già studiato le alternative da utilizzare per fronteggiare sul momento ogni tipo di situazione e risultato

di Federico Bosio,

Quella in programma domani, all’ora di pranzo, è una partita che non ha bisogno di particolari presentazioni: nonostante qualsiasi tipo di possibile obiezione, il derby della Mole non è un incontro vissuto come gli altri da parte di squadre e tifoserie. Nella fattispecie, quello che avrà inizio alle ore 12.30 nella giornata di domani si caricherà di ulteriore importanza per il tecnico Walter Mazzarri, che si appresta a vivere la sua prima stracittadina piemontese sulla panchina granata. Non è un mistero che l’allenatore toscano sia un perfezionista dal punto di vista tattico e faccia di questo elemento uno dei principali punti di forza delle proprie compagini, e proprio su queste colonne vi avevamo anticipato qualche giorno fa quali fossero – e quali siano tuttora – le possibilità relative ai moduli che il Torino potrebbe ‘vestire’ dal primo minuto contro i bianconeri.

Ad oggi, il tecnico appare intenzionato a puntare su un 4-3-2-1, modulo utilizzato sinora solamente nella trasferta di Marassi contro la Sampdoria e che proprio in quell’occasione aveva fornito segnali assolutamente positivi, con un Torino pericoloso e piacevole alla vista. Per questo derby della Mole Mazzarri appare infatti intenzionato a puntare su un centrocampo fisico – Acquah, Rincon ed Obi – ed a spostare Baselli al fianco di Falque, alle spalle di Belotti. Ma la vera arma in più del tecnico di San Vincenzo potrebbe essere invece l’abilità di cambiare in corsa, una dote che non tutti gli allenatori possiedono e che invece appare particolarmente affine a quello granata: insomma, Mazzarri sembra aver già pronti – studiati e provati – gli eventuali “piani B” per qualsiasi evenienza, di modo da poter reagire a qualsivoglia situazione adattandosi e controbattendo colpo su colpo.

Cambi relativi al modulo e cambi focalizzati invece sugli interpreti: sono due le principali variabili alle quali il mister granata potrebbe ricorrere. Nel caso in cui il Torino si trovasse in svantaggio e fosse dunque chiamato a recuperare il risultato, ecco che potrebbe arrivare l’ingresso di Niang attraverso il sacrificio di un centrocampista, passando così ad un 4-3-3 maggiormente testato nelle scorse partite nonchè votato all’attacco (modulo che, non è da escludere, Mazzarri potrebbe comunque utilizzare anche dal primo minuto). Se invece il tecnico non fosse convinto della prestazione dei suoi ragazzi e percepisse un’eccessiva fragilità difensiva, ecco il possibile jolly già utilizzato contro Sassuolo ed Udinese: l’inserimento di Moretti nella retroguardia, passando in questo modo ad un 3-5-2 che garantirebbe meno pressione e maggiore attenzione sia in fase difensiva che in fase di possesso del pallone. Si tratta del primo derby della Mole della sua carriera: Walter Mazzarri studia l’avversario ed ha già pronti, all’occorrenza, i possibili innesti volti a modificare lo schema tattico e ribaltare l’incontro a proprio favore.

3 Commenta qui
  1. Scott - 4 mesi fa

    L’importante non è batterli ma odiarli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. BACIGALUPO1967 - 4 mesi fa

    Gobbi PDM adesso in panchina vi è uno che non improvvisa.
    Sono uccelli per diabetici.
    Ps gobbi che leggerete e che metterete non mi piace…non dite nulla a lapo in merito agli uccelli

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. RobyMorgan - 4 mesi fa

    Un po di differenza da Sinisa….Forza TORO che tutto questo ottimismo si trasformi in qualcosa di più che una speranza !
    FVCG sempre

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy