Torino-Verona, l’album dei ricordi: dallo scontro-Scudetto del 1984 all’ultimo precedente del 2014

Torino-Verona story / Un viaggio nel passato, per i precedenti più importanti giocati in casa granata tra queste due storiche formazioni

25/11/1984: quando Torino-Verona valeva il tricolore

Il 25 novembre 1984 al “Comunale” va in scena un vero e proprio scontro Scudetto: i granata, secondi in classifica, ricevono la capolista, il Verona di Bagnoli, sopra ai granata solo di un punto. E’ la grande chance del sorpasso per gli uomini di Radice, che puntano forte sul centrocampo dei sogni formato da Dossena, Junior e Zaccarelli. Un palo dell’asso brasiliano su punizione impaurisce gli scaligeri, che però passano in vantaggio al 20′ con una staffilata di Briegel. Ma il Torino reagisce prontamente e pareggia dopo soli quattro minuti, con Dossena che si inserisce alla grande e supera di testa Garella. Il goal vittoria è però del veronese Marangon, al 60′: deviazione in spaccata vincente su cross di Galderisi. I granata poterono recriminare per un palo di Sclosa al 71′. A fine stagione il tricolore sarà proprio del team di Bagnoli, capace di arrivare primo in classifica con quattro punti sul Toro.

TORINO – HELLAS VERONA 1-2 (1-1)
Reti: Briegel 20′ (V), Dossena 24′ (T), Marangon 60′ (V)

Torino: Martina, Danova, Francini, Galbiati, Junior, Ferri (al 23′ Beruatto), Zaccarelli, Sclosa, Schachner, Dossena, Serena. A disposizione: Copparoni, Pileggi, Corradini, Caso. All.: Radice.
Hellas Verona: Garella, Volpati, Marangon L., Tricella, Fontolan, Brigel, Fanna, Bruni (all’89’ Donà), Galderisi, Di Gennaro, Turchetta (al 62′ Sacchetti). A disposizione: Spuri, Marangon F., Terraciano. All.: Bagnoli.
Arbitro: Bergamo di Livorno.

 25/11/2001: torna il “quarto d’ora granata” 

Esattamente 17 anni dopo quello scontro Scudetto, il Verona di Malesani (che, tra campo e panchina, poteva contare su tre futuri Campioni del Mondo: Oddo, Camoranesi e Gilardino) arrivò al “Delle Alpi” per sfidare il neopromosso Torino di Camolese. Sembrava un pomeriggio sfortunato per i granata, passati subito in svantaggio per una rete di Adrian Mutu. Il finale di gara, però, fu del tutto imprevedibile: gli uomini di “Camola” segnarono la bellezza di cinque reti tra il 71′ e l’86’, firmate da Ferrante (2), Vergassola, Galante e Lucarelli. I granata incamerarono così tre punti in una stagione che sarebbe stata poi conclusa con un onorevolissimo 11° posto.

TORINO – HELLAS VERONA 5-1 (0-1)
Reti: Mutu 10′ (V), Ferrante 71′, 89′ (T), Vergassola 75′ (T), Galante 77′ (T), Lucarelli 86′ (T)

Torino: Bucci, Galante, Fattori, Delli Carri, Comotto (al 46′ Maspero), Asta, Vergassola, Cauet (al 46′ Scarchilli), Castellini, Lucarelli (all’87’ Semioli), Ferrante. A disposizione: Sorrentino, Garzya, Brambilla, Osmanovski. All. Camolese.

Hellas Verona: Ferron (al 51′ Pegolo), Cannavaro, Zanchi, Gonnella, Oddo (al 78′ Dossena), Italiano, Mazzola, Salvetti, Camoranesi, Frick (al 45′ Filippini), Mutu. A disposizione: Diliso, Colucci, Montano Gilardino. All. Malesani.
Arbitro: Tombolini di Ancona.

10/09/2004: la squadra di Ezio Rossi esalta

Il Torino cominciò la stagione 2004-2005, quella deputata al rilancio della squadra granata dopo un’annata (quella del 2003-2004) tra le peggiori di sempre della storia del club, ospitando proprio il Verona al “Delle Alpi”, alla guida del confermato Ezio Rossi. La partita fu un vero spettacolo, con i granata che dominarono in lungo e in largo gli ospiti segnando tre reti nel primo tempo. In rete andarono Marazzina, un certo Fabio Quagliarella – un ragazzino di belle speranze cresciuto nel vivaio granata protagonista della prima stagione in Prima Squadra – e il regista romeno Paul Codrea, con un missile da fuori area. Inutile la rete di Cossu nella ripresa: il Torino si prese i primi tre punti di una stagione che si concluse con la vittoria ai play-off contro il Perugia e il susseguente fallimento targato Cimminelli.

TORINO – HELLAS VERONA 3-1 (3-0)
Marcatori: Marazzina 12′ (T), Quagliarella 35′ (T), Codrea 38′ (T), Cossu 79′ (V)

Torino: Sorrentino, Comotto, Mezzano, Balzaretti, Conticchio (all’85 Peccarisi), Codrea, De Ascentis, Pinga (all’80’ Mudingayi), Marazzina (al 70′ Maniero), Qugliarella. A disposizione: Fontana, Carbone, Rizzato, Franco. All.: Rossi.
Hellas Verona: Van Stratten, Cassani, Comazzi, Gervasoni, Dossena, Behrami, Mazzola, Guarente (al 55′ Mancinelli), Papa Waigo (al 62′ Myrtaj), Bogdani (al 70′ Cossu), Adailton. A disposizione: Pegolo, Pinali, Pagliuca, Fummo. All.: Ficcadenti.
Arbitro: Brighi di Cesena

 12/03/2012: black-out completo ma estemporaneo

Era il primo anno della gestione Ventura; per la 30° giornata del campionato di Serie B 2011-2012 arrivò a Torino il Verona di Mandorlini, davanti a uno Stadio Olimpico gremito per quello che era un vero scontro-promozione. La partita, per la squadra del tecnico genovese, iniziò male e finì peggio. A causa di una doppietta di Gomez e dell’acuto di Ferrari, il primo tempo finì 0-3, e a rincarare la dose ci pensò il difensore centrale Maietta, che segnò il 4-0 con un incredibile coast-to-coast. Inutile la rete nel finale di Alessandro Sgrigna: i granata, in una serata completamente storta, persero l’imbattibilità casalinga che durava da inizio stagione. Bianchi e compagni, comunque, si ripresero prontamente da quell’inatteso scivolone e chiusero la stagione con la promozione diretta in Serie A.

TORINO – HELLAS VERONA 1-4 (0-2)
Marcatori: Gomez 24′, 56′ (V), Ferrari 37′ (V), Maietta 75′ (V), Sgrigna 84′ (T).

Torino: Benussi, Darmian, Di Cesare, Ogbonna, Parisi (al 65′ Pratali), Stevanovic, Vives (al 76′ Basha), Iori, Oduamadi (al 46′ Sgrigna), Bianchi, Antenucci. A disposizione: Morello, De Feudis, Surraco, Meggiorini. All.: Ventura.
Hellas Verona: Rafael, Abbate (al 46′ Cangi), Mareco, Maietta, Scaglia, Jorginho, Tachtsidis, Hallfredsson, Gomez, Lepillier (al 72′ Berrettoni), Ferrari (al 79′ Pichlmann). A disposizione: Frattali, Ceccarelli, Esposito, Russo. All.: Mandorlini.
Arbitro: Pinzani di Empoli.

21/09/2014: Ionita segna, El Kaddouri sbaglia 

Arriviamo all’ultimo precedente, quello della scorsa stagione. Alla terza giornata d’andata il Verona di Mandorlini arriva sul campo di un Torino di Ventura reduce dalla brutta sconfitta di Marassi con la Sampdoria. La partita è sfortunata, per i granata, che mettono in evidenza l’incapacità di trasformare in goal le numerose occasioni create venendo poi puniti da una rete del centrocampista moldavo Ionita, che entra nella storia come il primo giocatore della sua nazione a segnare in Serie A. Al minuto 88, i granata hanno la grande chance del pari ma El Kaddouri dal dischetto si fa ipnotizzare da Rafael.

TORINO – HELLAS VERONA 0-1 (0-0)
Torino
: Padelli, Bovo, Glik, Moretti, Darmian, El Kaddouri, Vives, Benassi (al 35′ Sanchez Mino), Molinaro (al 69′ Bruno Peres), Amauri, Quagliarella (al 71′ Larrondo). A disposizione: Gillet, Castellazzi, Jansson, Silva, Maksimovic, Gazzi, Perez, Martinez. All.: Ventura.
Hellas Verona: Rafael, Sorensen, Marquez, Moras, Brivio, Obbadi, Tachtsidis, Christodoulopoulos (al 64′ Ionita), Juanito Gomez, Toni, Jankovic (al 65′ Nico Lopez, all’89’ Rafael Marques).A disposizione: Benussi, Rodriguez, Valoti, Saviola, Luna, Campanharo, Martic, Gollini, Nene. All.: Mandorlini.
Arbitro: Banti di Livorno.
Reti: Ionita 67′.

Outbrain
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie . Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.