Walter Casagrande, le doppiette storiche contro Juventus e Ajax

Walter Casagrande, le doppiette storiche contro Juventus e Ajax

Figurine / L’ex attaccante del Toro di Mondonico compie oggi 55 anni

di Marco De Rito,
Casagrande

Centravanti di peso ma dotato di un’ottima tecnica. Aveva una buona progressione, anche se le sue principali specialità erano le sponde di testa e di piede per i compagni. Spesso e volentieri le sue conclusioni di testa non perdonavano. In breve è questa la descrizione di Walter Casagrande che oggi spegne 55 candeline.

L’ex attaccante brasiliano, nato il 15 aprile 1963 a San Paolo ha militato, tra le altre, anche nell’Ascoli e nel Torino. Nelle due stagioni vissute in maglia granata (1991-1992 e 1992-1993) il brasiliano collezionò 69 presenze e 19 reti totali, in panchina sedeva Emiliano Mondonico, scomparso poco tempo fa.

Quando si nomina Casagrande, la mente ritorna a due episodi. Innanzitutto al derby, vinto dal Toro, del 5 aprile del 1992 dove segnò due gol. Reti decisive, dato che furono anche le uniche di tutta la gara. Dopodiché l’indimenticabile finale di Coppa Uefa contro l’Ajax. Si trattava della prima stagione del brasiliano in granata ma che lo vide subito protagonista di quella cavalcata europea. Casagrande siglò una doppietta nella finale d’andata che tenne a galla le speranze granata sino all’ultimo secondo nel match disputato ad Amsterdam. Nell’annata successiva contribuì  invece alla vittoria dell’ultima Coppa Italia sollevata dal Torino. Al termine dell’esperienza all’ombra della Mole fece ritorno in Brasile.

4 Commenta qui
  1. abatta68 - 8 mesi fa

    Uno dei centravanti più tecnici che abbiamo avuto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. FVCG'59 - 8 mesi fa

    Augurissimi Valter! Tu e Aguillera avete costituito una coppia di attaccanti molto forte e la finale di coppa UEFA è stata raggiunta per molto merito tuo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-13726000 - 8 mesi fa

    Glory days…auguri Valter.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Daniele abbiamo perso l'anima - 8 mesi fa

    In curva lo chiamavano affettuosamente “il tossico”.
    Io mi ricordo il suo strepitoso girone di ritorno del 1992.
    Grande Casagrande

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy