Vittorio Caporale, solidità ed anima per l’ultimo Scudetto del Torino

Vittorio Caporale, solidità ed anima per l’ultimo Scudetto del Torino

Figurine / Spegne oggi 71 candeline uno dei perni dell’ultimo tricolore granata: arrivato come jolly, impressionò e convinse tutti

di Federico Bosio,

Compie oggi 71 anni uno di quei simboli che il popolo granata non potrà mai dimenticare: lo Scudetto del 1976, l’ultimo conquistato e cucito sul petto del Torino, porta infatti sensibilmente anche la sua firma. Si tratta di Vittorio Caporale, ai tempi difensore in grado di ricoprire tutti i ruoli della retroguardia. E proprio per questo motivo, l’ex giocatore era arrivato in Piemonte nell’estate del 1975 con il ruolo di “jolly” adattabile e più esigenze ma non prima linea. Bastò la prestazione fornita all’esordio, alla seconda giornata di campionato, a sovvertire la situazione ed a consegnare al friulano (nato a Moimacco) la casacca da titolare.

Caporale conquistò così immediatamente tecnico e piazza, sino a diventare una colonna assoluta di quel Torino e conquistare non soltanto il tricolore ma – per soppesare quanto il suo apporto fosse determinante per le prestazioni della squadra – anche il soprannome di ‘Caporalbauer’ da parte della tifoseria, che lo paragonava in questo modo al campione tedesco. Per lui un totale di 95 presenze ed una rete in maglia granata, nelle tre stagioni trascorse all’ombra della Mole, tutte positive: un primo, un secondo ed un terzo posto collezionati dal difensore prima di essere ceduto al Napoli nell’estate del 1978.

2 Commenta qui
  1. robertopierobo_206 - 5 mesi fa

    Auguri Vittorio. Ti ho visto giocare ed aprezzato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. FVCG'59 - 5 mesi fa

    Grande Vittorio! Tipico esempio che bisogna solo avere gli occhi e, da intenditore, capire se uno è o può essere un grande giocatore senza essere mai stato esaltato dalle cronache sportive del tempo.
    Un Signor Nessuno, comprato a per pochi soldi dal Bologna nell’affare Pecci (spero di ricordare bene): giocò sempre alla grande, insormontabile in difesa, e diventò il fulcro della difesa di quella squadra che vinse l’ultimo scudetto, alla grande, facendo vedere gioco, gol e moduli inediti per Italia di allora.
    AUGURI VITTORIO CAPORALE (che se paragonato a El General di oggi, mi scappa da ridere!!!).

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy