Rampanti, pres. Fond. Filadelfia: “No ad allarmismi. E Cairo sta pagando i seggiolini”

Rampanti, pres. Fond. Filadelfia: “No ad allarmismi. E Cairo sta pagando i seggiolini”

Esclusiva TN / Il presidente ad interim della Fondazione: “Le criticità evidenziate dalla Commissione sono piccolezze. Ma è giusto che facciano il loro lavoro”

9 commenti

Sulla questione dell’agibilità tolta al Filadelfia tutti hanno espresso la loro posizione: prima il Comune, con un comunicato stampa del Gabinetto della Sindaca, poi il Torino FC attraverso il proprio sito ufficiale, infine la ditta costruttrice dell’appalto, la CS Costruzioni, tramite le parole del suo titolare Carlo Fornaca. All’appello mancava la Fondazione Filadelfia: Rosario Rampanti, presidente ad interim dell’ente che ha promosso la ricostruzione dello storico centro sportivo (nonchè opinionista sportivo sulle nostre colonne), dice la sua, per sopire polemiche su una questione che va ricondotta alle sue giuste dimensioni.

Serino, il comunicato del Torino FC parla di “problematiche strutturali” che non sarebbero ad esso riconducibili. La C.S. Costruzioni sottolinea di aver adempiuto puntualmente ai lavori che erano stati richiesti nel progetto. Facciamo ordine?

“La Fondazione ha adempiuto con puntualità ed oculatezza a tutte le varie fasi che hanno fatto sì che rinascesse il Filadelfia. Io, da ultimo entrato, faccio i complimenti a tutto il CdA che ha seguito l’intero percorso che ha portato alla rinascita del Filadelfia. La Fondazione ha fatto tutto quel che doveva fare. Io ho l’impressione che la cosa sia stata messa in evidenza in modo anche sproporzionato. Teniamo presente che le cose da mettere a posto secondo me sono circoscritte al garage. Che ha circa 42 posti macchina. Sono da fare poche cose. Cosa è successo, recentemente, che acuisce questi problemi? I fatti di piazza San Carlo, che giustamente mettono in allarme chi ha il dovere di controllare, ossia la Commissione di Vigilanza del Comune. È giusto che sia così. Il loro intento è salvaguardare prima di tutto il pubblico, ma poi anche loro stessi, che rilasciano i permessi e hanno serie responsabilità riguardo agli atti che emanano. Io credo che tutti stiano facendo il loro dovere”.

Quali sono le criticità di cui si parla?

“Il Torino deve adempiere a qualche piccolo accorgimento: ad esempio affinare e comprendere le procedure di evacuazione, con il Responsabile della sicurezza che deve perfezionare le procedure di richiesta di intervento dei soccorsi; vanno sistemate le lampade di emergenza poste nel garage, che se succede qualcosa devono accendersi in automatico e inoltre, secondo alcuni calcoli, già in condizioni normali non emettono abbastanza luce; i collari antincendio delle serrande tagliafuoco, vanno cambiati. Sono piccolissime cose che diventano enormi se mai succedessero eventi imprevedibili”.

La ditta costruttrice ha davvero eseguito i lavori nel migliore dei modi?

“In Italia possiamo citare mille esempi di opere pubbliche rimaste inutilizzate o addirittura iniziate e poi non terminate, tra ricorsi, sentenze e problemi burocratici. Nel caso del Filadelfia, abbiamo avuto a che fare con gente seria. La Fondazione inoltre si è affidata ad un ente superiore, per predisporre l’appalto: SCR, ente della regione. Poi, può essere stato commesso qualche piccolo errore che può diventare grande se succede qualcosa. In ogni caso io non vedo motivo per tutto questo allarmismo. Che cosa è successo, in sostanza? Che i giocatori lasciano per qualche giorno le loro macchine sul piazzale anziché metterle nel garage”.

Cosa succederà martedì, alla riunione con i referenti tecnici del Comune? La questione sarà risolta una volta per tutte?

“In quella riunione verificheranno se queste cose contestate, saranno state sistemate. Se ci sarà la Fondazione? La Fondazione non è che sia direttamente coinvolta… ha pagato tutto ciò che doveva pagare. Tutti i membri del Cda: Salvadori, Vignale, Beccaria, Voltolini, Ferrauto, si sono comportati tutti bene. Come segretario abbiamo un importante dirigente comunale come il dott. Ferrari. Io da quando sono arrivato ho trovato dei lavori ben fatti e nessun grande problema da risolvere. Nessun membro della Fondazione, tra l’altro, era presente durante il sopralluogo della Commissione. Io, comunque, ho la ragionevole aspettativa che per sabato prossimo, quando è in programma la prossima partita interna della Primavera, tutto sarà già stato risolto”.

Il Filadelfia, in tutto questo tempo, è stato aperto ogni volta attraverso delle deroghe. È così?

“È sempre stato aperto in deroga; la Commissione aveva già rilevato nei precedenti sopralluoghi qualcosa da sistemare, e aveva concesso le deroghe richiedendo appunto che fossero sistemate. Non è stato così, evidentemente qualcuno ha “dormito”. I responsabili del Comune è giusto che abbiano cautela. Comunque ci vuole buonsenso nel giudicare le situazioni. I tifosi devono stare tranquilli, presto il Filadelfia sarà di nuovo agibile, e così i calciatori, che tra pochi giorni potranno rimettere le macchine nel garage”.

Passiamo ad altri temi relativi al Filadelfia: i nomi sulle lastre? Tra coloro che hanno versato il relativo contributo, c’è chi si è lamentato per i ritardi nell’effettuazione dell’apposizione dei nomi sui pannelli che costeggiano il piazzale della Memoria.

“Io vorrei spiegare che per fare ogni lastra bisogna raggruppare 280-300 nomi. Non è che una lastra si può smontare e rimontare all’infinito  per incidere un nome alla volta. Quando viene raggiunta la giusta quantità di nomi, a seconda della loro lunghezza, si prende la lastra e si va a incidere i  nomi. Coloro che hanno versato i 100 Euro stiano tranquilli”.

Lamentele ci sono state anche per quanto riguarda i seggiolini della Tribuna centrale “acquistati”: c’è chi ha pagato e non vede ancora la targhetta sul proprio posto.

“Abbiamo appena commissionato una buona quantità di targhe. Credo che passeranno una o due settimane. Quanto tempo dipenderà dalle aziende. Sono cose che vengono gestite dai volontari della Fondazione, gente da apprezzare, che ci danno un grande aiuto. Le fatture sono state emesse, i nomi verranno incisi, i seggiolini arriveranno. Anche qui, abbiamo dovuto aspettare che si raggiungesse un certo numero. Non è che si possono far partire dieci/venti/trenta ordini alla volta”.

Il Torino FC ha eseguito i pagamenti per i seggiolini che Urbano Cairo ha promesso il giorno dell’inaugurazione?

“La società granata si è impegnata ad effettuare il pagamento attraverso versamenti scaglionati sino ai primi di gennaio; a quella data si potrà dire che Cairo avrà comprato effettivamente i seggiolini, Sono arrivati anche una parte dei fondi raccolti attraverso i seggiolini comprati dai giocatori. Ricordiamo che comunque parliamo di offerte, non di impegni scritti. Quindi la Fondazione a un certo punto deve anche limitarsi ad incassare e ringraziare”.

Infine, i lavori per il secondo e terzo lotto: è vero che è tutto fermo perché la Fondazione non ha un presidente?

“Il 15 novembre facciamo il prossimo CdA. La Fondazione non è ferma, anzi sarà la seconda occasione in cui si proseguirà nel percorso volto alla realizzazione del secondo lotto. Stiamo iniziando a mettere giù i tasselli. La Fondazione funziona correttamente, anche se ovviamente aspettiamo che arrivi il delegato del Comune”.

9 commenti

9 commenti

  1. granatadellabassa - 6 giorni fa

    Finalmente sappiamo quali sono i problemi. Che appaiono ampiamente risolvibili.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Granat....iere di Sardegna - 6 giorni fa

    Insomma la classica tempesta in un bicchier d’acqua….speriamo non ci siano altre smentite, contro smentite e contro smentite delle contro smentite…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. [email protected] - 7 giorni fa

    se le cose da mettere a posto come dice rampanti sono solo dei garage come mai hanno tolto l’abitabilità alle tribune ( che non hanno mai dato se non in deroga ? )che cosa vuol dire in deroga ,che se succede qualche patatrac a chi si rivolge la deroga? bisogna andare a vedere se è tutto a posto al delle alpi e alla continassa ,ma guarda caso li la commissione vigilanza di che cosa non si sà non è mai andata la colpa è del sindaco e della giunta sfavorevole come si sa al toro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. BACIGALUPO1967 - 7 giorni fa

      La sindaca gobba dovrebbe riflettere sulla sua autorizzazione data all’uso di piazza san carlo in occasione della finale di Cardiff mentre il suo lato b era appoggiato comodamente sulla tribuna vip di Cardiff accanto alla dirigenza gobba

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. CUORE GRANATA 44 - 7 giorni fa

    Bene! A tutte le domande molto pertinenti poste dalla Redazione Serino ha fornito risposte utili a focalizzare l’intera questione 1 Sul punto agibilità il problema pare essere risolvibile in tempi rapidi e l’impatto mediatico ad esso correlato credo sia stato utile per smuovere le acque stagnanti 2 Ritengo che sia fondamentale ricomporre il “plenum” della Fondazione con il nuovo Presidente che indicherà il Comune( su questo aspetto sarà necessario fare pressing mediatico senza mollare la presa ) 3 Positivo il fatto che si stia lavorando sul progetto del lotto 2. Anche in questo caso i tempi di esecuzione dipenderanno dalle procedure che intenderà effettuare la Fondazione 4 Molto importante la notizia che Cairo sta pagando i seggiolini promessi così come i giocatori che avranno ” la dignità” di farlo 5 Stando così le cose con il canone che paga il Torino FC ed i proventi derivanti dai seggiolini potrà essere acceso il mutuo per realizzare il Museo: Sig. Beccaria si dia una mossa adesso tocca a Lei!!!!! Auspico che la Redazione quando disporrà di ulteriori informazioni continui ad aggiornarci. Grazie e FVCG!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. BACIGALUPO1967 - 7 giorni fa

      Azz ti aspetti che mecu lavori???
      È come aspettarsi che i gobbi diventino onesti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. CUORE GRANATA 44 - 7 giorni fa

        Non conosco Mecu quindi non saprei cosa dirti. Tuttavia ammesso e non concesso che sia un “flaneur” come Direttore del Museo del Toro della sua eventuale inerzia dovrà risponderne alla opinione pubblica, a noi tifosi ed a chi lo ha scelto come Direttore. Anche in questo caso vigiliamo e facciamo pressing! Quanto al fatto che i gobbi diventino onesti è una missione impossibile!!FVCG!!!!!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. BACIGALUPO1967 - 7 giorni fa

    #mecu non è il 4 maggio non è il mio trombettiere.
    Fvcg

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. BACIGALUPO1967 - 7 giorni fa

      Scusate riscrivo
      #Mecu il 4 maggio non è il mio trombettiere”

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy