Le vostre lettere

Le vostre lettere

CARO MISTER
Caro mister
mi permetta di darle,non un consiglio, ma un suggerimento: la prossima partita e, sarebbe meglio anche nelle prossime tre,faccia giocare sempre gli undici che Lei ritiene titolari inamovibili,poi quando si avrà un distacco, dalle altre contendenti, degno di nota, allora potrà fare i cambi e far rifiatare gli altri giocatori.
Vedrà che i nuovi si daranno da fare in modo diverso,perchè…

CARO MISTER
Caro mister
mi permetta di darle,non un consiglio, ma un suggerimento: la prossima partita e, sarebbe meglio anche nelle prossime tre,faccia giocare sempre gli undici che Lei ritiene titolari inamovibili,poi quando si avrà un distacco, dalle altre contendenti, degno di nota, allora potrà fare i cambi e far rifiatare gli altri giocatori.
Vedrà che i nuovi si daranno da fare in modo diverso,perchè dovranno fare di tutto per mantenere il vantaggio, e gli altri, all’occorrenza entreranno per dare la mazzata finale,se la partita dovesse risultare più ostica del previsto. A mio parere questa sera non andava fatto un rimpasto ,e sopratutto non bisogna più buttar via il primo tempo…..
cordiali saluti
antonio divincenzo

UN PASSO INDIETRO
Gentile Redazione,
purtroppo per noi questa è stata una serata deludente. Molto deludente. Per il risultato in primo luogo. Ma soprattutto per il passo indietro compiuto dai nostri, incapaci di produrre trame di gioco efficaci, imprecisi e poco incisivi. Inconcludenti. Stanchi e deconcentrati. Nervosi. Senza capo. Anzi senza capitano. Con il centrocampo che latita. E l’attacco che non punge. Una partita sbagliata, giocata male e finita peggio. In maniera inaspettata. Che lascia una venatura di dubbio su quanto di positivo s’era visto finora. C’è quindi da riflettere molto su questa sconfitta, la seconda, dopo quella di Brescia. Anche se lì non meritavamo di perdere. Questa sera invece sì. Il risultato negativo ci sta tutto. Però riprendiamoci presto. Già ci aspetta il Frosinone. Agguerrito. E sarà dura. Molto dura. Proprio per questo dovremo lasciare da parte delusione e stanchezza. Ritrovare la forza del gruppo. L’ umiltà e lo spirito giusto. Continuare a lottare. Perché le vittorie bisogna  meritarsele sul campo. E con il Padova poco abbiamo fatto in questo senso. Tra tanta amarezza patita, ho trovato una nota consolatoria vedendo le giocate di Ogbonna: semplici, autoritarie, sicure. Da veterano. Un nostro gioiello da preservare e custodire con cura. Senza perderlo. Mio figlio convertito dal padre al granatismo mi ha detto: Un nuovo grande Nesta cresce… Credo abbia visto giusto. Lo spero.  Alla prossima allora, senza abbatterci troppo e…Sempre Forza Toro!!!
Bruno Zecchetto

CAMBIAMO MENTALITA’
ciao a tutti gli amici granata,
non scrivo al forum da prima che si retrocedesse l’anno scorso, quindi ho aspettato alcune partite di B, per farmi un’idea sulla squadra leggendo sempre pero’ i vostri commenti.
Mia impressione e che questa squadra si senta superiore alle avversarie e, sicuramente lo è, quindi pensa che puo’ vincere quando vuole. In realta’ gia’ dalla partita con l’Albinoleffe, c’era stato un campanello d’allarme, che non è stato percepito dalla squadra. Il problema secondo me è quello di aspettare per colpire, e qui mi rifaccio al discorso che si puo’ segnare quando si vuole,ma dato che la squadra ha effettivamente le potenzialita” per  battere chiunque, non capisco perchè non lo faccia da subito.
Cosi’ capita un Padova qualsiasi, che viene a vincere a Torino con due tiri in 80 minuti. (lascio perdere gli ultimi minuti noi in 10 e in ricerca del gol). Sabato a Frosinone se siamo i piu’ forti lo dobbiamo dimostrare,altrimenti rischiamo di entrare in qualche limbo pericolosissimo.
Saluti
Luigi

TORO
gentile Redazione,
pur concordando sulle…. "note positive" riportate nell’articolo,resta impressa nella mente una scialba partita ed una sconfitta che deve far molto riflettere.
Deve far riflettere per diversi motivi :
1) è la seconda sconfitta in soli sei partite!!! (1/3 !!!!!!) Le sconfitte sono arrivate con squadre che hanno dimostrato di avere un gioco e,attraverso quello fanno punti
2) Abbiamo vinto 4 partite,tutte con squadre che stazionano in fondo alla classifica e, in alcune di queste vittorie abbiamo anche parecchio sofferto. Abbiamo vinto  solo quando si sono aperti dei varchi e ci è stata data la possibilità di andare in contropiede. Abbiamo vinto quando DM ha girato al meglio e ha inventato qualcosa con la sua classe. Siamo DM dipendenti?
3) incapacità di fare gioco(quasi in tutte le partite) e creare spazi per portare le bocche di fuoco al tiro. Manca un plaimaker a centrocampo che sappia dettare i tempi e tenere unita la squadra tra attacco e difesa
4) Nonostante l’impegno del mister sembra che l’approccio alle partite non sia dei migliori,difatti regaliamo sempre gran parte della partita agli avversari e,quando andiamo in svantaggio ci è quasi impossibile recuperare. Manchiamo di lucidità ed i giocatori dimostrano nervosismo che porta e  puerili ammonizione e…cartellino rosso,già due !!! ed un’altra risparmiataci dal DIRETTORE DI GARA
5) Se tutta la critica dice che il Toro è una….corazzata! mi chiedo com’è che già due volte (su 6!) è stata affondata? Di quale corazzata si parla? E,se la critica è nel giusto, dov’è il problema ?
6) Si parla tanto di tournover. Ma dopo 5 partite si può parlare di tournover? Tournover poi di una squadra che vince? Tutto ciò mi convince  poco e mi preoccupa invece molto perchè  (incrociamo le dita!) ho paura possa essere un’altra annata di…. sofferenze,altro che marcia trionfale.
Ora,bene le note positive,ma è difficlle estrapolarle in un contesto dove l’avversario ci ha surclassato in tutto ed ha ampiamente meritato la vittoria. Attenzione non stiamo parlando del Chelsea,bensì del Padova. Una bella e simpatica squadra che lo scorso anno militava in serie C ed è venuta a TORINO a dimostrarci che cosa è il gioco del calcio.
Cerchiamo di non sottovalutare gli aspetti negativi che sono tanti ed evitiamo di esaltare i pochi positivi perchè l’annata sarà dura. Non possiamo esaltarci se si perdono  2 partite su 6 !  Sicuramente c’è qualcosa che non funziona. Occhio per favore!
Grazie 1000 per l’ospitalità
Osvaldo MUFFO – Pescara

PADOVA
Qui tutti pensavano che si fosse già vinto il campionato. E infatti si è visto come è andata a finire. La squadra è nettamente superiore a tutte le altre in B, ma nion si può pensare di vincere facilmente ogni gara. Bisogna mettere gli attributi in campo, sennò si fa delle figuracce. Impariamo dal Padova, che è venuta a Torino contro la squadra più forte della B e ci ha dato lezioni di calcio. In un tempo non abbiamo visto la porta, se non grazie ad un calcio piazzato e un colpo di testa, mentre loro hanno provato a giocare per tutti i primi 45 minuti. Nel secondo tempo hanno segnato e si sono chiusi dietro a riccio. Complimenti a loro per la bella partita, ma siamo stati noi dei polli. Ce lo siamo meritati. Magari così la prossima volta evitiamo di giocare certi obbrobri di partite..
E.V.

0 commenti

Commenta per primo!

Recupera Password

accettazione privacy