Filadelfia, prime indiscrezioni: agibilità solo parziale

Filadelfia, prime indiscrezioni: agibilità solo parziale

Verso il verdetto / La Commissione comunale di Vigilanza dovrebbe riaprire la Tribuna Centrale ma confermare l’inagibilità degli spalti laterali: sistemati i tombini, resta da rimuovere la ghiaia

7 commenti

Agibilità concessa alla Tribuna Principale, ma ancora negata agli spalti laterali. Mentre monta la protesta dei tifosi, che infastiditi dalla prolungata impossibilità di entrare al Filadelfia hanno apposto degli striscioni, filtrano le prime indiscrezioni riguardo l’esito finale del sopralluogo che la Commissione comunale di Vigilanza compirà oggi allo Stadio Filadelfia intorno alle 17. Il gruppo di lavoro coordinato dal dottor Giancarlo Revelchione controllerà dal vivo gli interventi che sono stati intrapresi in questi giorni dal Torino. Sarebbero state risolte le criticità del parcheggio sotterraneo, ossia l’isolamento dell’ambiente tramite la sistemazione delle serrande tagliafuoco, la collocazione degli estintori e di cartelli per indicare le vie di fuga in caso di pericolo. Anche le procedure per l’evacuazione d’emergenza e per il monitoraggio dell’impianto elettrico sarebbero state perfezionate, pronte per l’uso in caso di bisogno. Per questo motivo, dovrebbe essere concesso il permesso di riaprire al pubblico almeno la Tribuna Centrale, che prima non poteva dirsi sicura in caso di incendio nell’autorimessa sottostante.

Tuttavia, il puntiglio particolare con cui la Commissione sta lavorando – se non ci saranno ulteriori sorprese – porterà probabilmente all’agibilità solo parziale, con gli spalti laterali che a quel punto resterebbero chiusi, salvo eventualmente la concessione di deroghe se ci sarà bisogno della presenza di un piccolo settore di spalti dove collocare tifoserie ospiti. Sarebbero stati sistemati i tombini delle zone limitrofe agli spalti (per la precisione, con il rifacimento delle coperture), ma resterebbe il problema della ghiaia che porta agli spalti laterali. E’ ritenuta un’ostruzione per i disabili su carrozzina nonchè pericolosa: dovrà essere rimossa del tutto. L’ipotesi predominante, al momento, è che ciò possa accadere solo durante i lavori per la costruzione del secondo lotto. Il verdetto ufficiale solo stasera, quando al termine del sopralluogo verrà emesso un comunicato stampa.

7 commenti

7 commenti

  1. renato - 2 mesi fa

    Incredibile, soltanto in Italia riusciamo a tenere chiuso un campo di allenamento per un problema gravissimo: la GHIAIA dietro alle tribune laterali!!! Proporrei di chiamare Woody Allen per fare un riedizione del noto film “La repubblica delle banane”…
    E poi ci lamentiamo se coloro che possono vanno a spendere la loro pensione (e non solo) alle Canarie…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. FVCG'59 - 2 mesi fa

    Dopo il caos di P.za San Carlo, ora gli ispettori sono diventati rigorosi, puntigliosi e ligi al dovere! Come sempre accade, chi arriva dopo i disastri precedenti (gobbi & c.) paga per tutti gli errori precedenti: se prima chiudevano non uno, ma due occhi, adesso vanno a controllare anche i tombini…
    Quello che fa incazzare non è l’applicazione corretta e doverosa di leggi e regolamenti, ci mancherebbe, ma il modo integralista e senza la minima flessibilità degli stessi: si passa sempre dal “va tutto bene e senza controlli” per i gobbi (1425 feriti e una povera signora morta) a controllare anche i fili d’erba se sono a norma o meno!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-13653020 - 2 mesi fa

    concordo pienamente….Quello che mi fa più sorridere è chi ha dato ok al progetto possibile che nessuno professionista si sia accorto delle mancanze? Sarebbe ora che chi sbaglia paghi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Flower17 - 2 mesi fa

    Vergognoso vorrei vedere se fosse stato lo stadio della gobba!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. bertu62 - 2 mesi fa

    Intervengo solo per un paio di precisazioni:
    Non “SOLO IN ITALIA” succedono queste cose ma SOLO COL TORO succedono queste cose! Hanno impiegato 1 giornata ad abbattere IL VECCHIO FILADELFIA eppoi 30 per concedere di rifarlo! Anzi no, non di “rifarlo” perché quello di oggi NON E’ quello del passato ma solo “un campo d’allenamento” e come tale con una capienza di SOLI 4.000 spettatori! Che poi, a conti fatti, grazie alle varie “magagne” burocratiche che vengono tirate fuori AD HOC cioè col contagocce, la capienza è BEN PIU’ BASSA!
    Ora, leggere che IL TORO piuttosto che CAIRO dovrebbe comprare e rifare il vecchio Comunale io sono certo che sarebbe Un’IDIOZIA! Ma non perché non sarebbe giusto, semplicemente perché 1 istante dopo che fosse del Toro ecco che scatterebbero TUTTI I DIVIETI: Inagibilità, sicurezza, norme per disabili, antincendio, ecc…ecc….E non contiamo SE mai dovessimo abbatterlo e rifarlo! NON CI VERREBBE PIU’ CONCESSO DI COSTRUIRLO!!
    No fratelli: non dimentichiamo MAI contro chi si deve lottare A TORINO! Esiste solo un colore nel cuore dei torinesi però PURTROPPO è lo strisciato quello che comanda! Appendino DOCET!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Amoon - 2 mesi fa

    Da quello che leggo sono problemi strutturali da imputarsi non a chi gestisce ma a chi ha realizzato l’opera. Detto ciò chi la gestisce dovrebbe avere il compito di sollecitare la proprietà. Cairo si dovrebbe comprare lo stadio!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Grande Torino - 2 mesi fa

    Solo in Italia succedono cose del genere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy