Emiliano Mondonico, dalla sedia di Amsterdam all’ultima Coppa Italia

Emiliano Mondonico, dalla sedia di Amsterdam all’ultima Coppa Italia

Figurine / Il tecnico è stato l’ultimo a vincere un trofeo con la squadra granata. Diventato un’icona del mondo Toro con la sedia alzata ad Amsterdam

di Redazione tvvarna

Un uomo, un allenatore, una leggenda granata. È l’esatto dipinto di un condottiero che ha vinto l’ultimo trofeo con la squadra granata: Emiliano Mondonico compie quest’oggi 71 anni, ed è inciso a fuoco nella memoria dei tifosi del Torino.

Nato a Rivolta D’Adda, conosce per la prima volta il Toro da giocatore: per due stagioni, dal 1968 al 1970, veste la maglia granata, scendendo in campo 14 volte, segnando anche due gol. Ma la sua massima espansione nel mondo targato Torino la conosce da allenatore. Allena il Torino per la prima volta dal 1990 al 1994, periodo nel quale alza anche l’ultima Coppa Italia del Toro, e rimane un’icona granata per quella sedia alzata ad Amsterdam, in occasione della finale di Coppa Uefa, nella quale i granata persero la gara per la differenza reti (casa/trasferta).

Dal 1998 al 2000 Mondonico tornò sulla panchina del Torino, ottenendo anche una promozione in Serie A, ma non tornando più allo splendore del primo periodo.

5 Commenta qui
  1. user-13653020 - 8 mesi fa

    …Io c’ero. …..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Rabbia granata - 8 mesi fa

    Grande uomo e grande allenatore. Auguri

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-13687521 - 8 mesi fa

    Auguro Mondo…….
    Che Bei Ricordi
    FoRzA ToRo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. user-13726000 - 8 mesi fa

    Onore a te Emiliano,e a quei bellissimi primi anni ’90…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. FVCG'59 - 8 mesi fa

    Auguri di cuore Emiliano!
    Mi ricordo quando giocavi “alla Meroni” sulla fascia destra ma soprattutto quando ci hai fatto rivivere emozioni da successo e da alta classifica, ormai risalenti alla notte dei tempi, purtroppo…
    Chissà perché o per quale strano gioco del destino ma tu e i tuoi successi erano figli del Fila, ora ricostruito ma che ancora non esiste.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy