Torino, quanti talenti in giro: sono 24 i giocatori in prestito

Torino, quanti talenti in giro: sono 24 i giocatori in prestito

Italia Granata / Sono 20 i giovani granata in prestito in Italia, a cui bisogna aggiungere anche 4 prestiti all’estero

di Silvio Luciani,

Uno degli argomenti caldi della ricostruzione del calcio italiano, è quello delle Seconde Squadre. Il progetto è partito in questa stagione, ma a causa di criteri che hanno lasciato più di qualche dubbio, i granata non hanno partecipato. Il Torino, però, una seconda squadra praticamente ce l’ha. È quella che vi raccontiamo settimanalmente in “Italia Granata”: escludendo i quattro prestiti all’estero (Carlao, Boyé, Niang e Avelar), sono ben 20 i giovani del Toro in giro per le squadre professionistiche dello stivale. Da Bonifazi fino a D’Alena i granata tirano fuori tantissimi talenti dal settore giovanile per poi valorizzarli in varie realtà del calcio italiano: sono ben 19 i giocatori che hanno militato nelle giovanili granata.

FUCINA – Il settore giovanile granata, ripartito da zero dopo il fallimento, è uno dei migliori del panorama italiano. Il nome più importante è quello di Bonifazi, che è già stato protagonista in prima squadra e quest’anno è approdato alla SPAL a titolo temporaneo. Poi c’è Milinkovic-Savic, che pur non essendo un prodotto del settore giovanile granata è uno dei talenti su cui il Toro punta di più in prospettiva, anche lui in Serie A con la SPAL. Altri due reduci dalle giovanili sono i promettenti Segre e Buongiorno: il centrocampista viene da una stagione da urlo a Piacenza, e proverà a stupire tutti in Serie B con il Venezia. Buongiorno invece cercherà di conquistare Carpi dopo aver anche assaggiato la Serie A con il Toro.

SERIE C – In Serie C ci sono ben 15 granata, tra cui Butic, Oukhadda, Fiordaliso, D’Alena e Coppola saranno alla prima esperienza tra i professionisti dopo l’esaltante stagione con la Primavera del Toro. Sarà interessante seguire anche giovani come Giraudo, terzino sinistro passato dal Vicenza alla Ternana, De Luca, Procopio ma anche Berardi, Piccoli e i portieri Cucchietti e Zaccagno. Atteso alla conferma anche Candellone, reduce da un buon campionato con il Sudtirol e ora a Pordenone.

 

2 Commenta qui
  1. andre_football - 1 mese fa

    Tutta gente che, mi dispiace ma è la semplice constatazione di quanto avvenuto finora compresa la stagione in corso, non troverà spazio nel Toro. Nel processo di crescita dei giovani del Toro, manca l’ultimo step: aiutarli “veramente” a fare il salto nel calcio professionistico. D’accordo non saranno tutti dei campioni i giovani che escono dalla primavera, ma che nessuno sia diventato titolare nell’epoca di Cairo dovrebbe imporre delle riflessioni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. robert - 1 mese fa

    Quali sarebbero i talenti ?Fra tutti quelli citati non ne vedo uno.Ora capisco perché siamo stati eliminati dai Mondiali !!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy