Il Toro studia Cucchietti: tra ottime prestazioni e il contratto in scadenza nel 2019

Il Toro studia Cucchietti: tra ottime prestazioni e il contratto in scadenza nel 2019

Focus on / Il giovane portiere è tra i giocatori del Torino più positivi in serie C, ma il contratto scade nel 2019…

Il Torino monitora da vicino la situazione di Tommaso Cucchietti. Il portiere classe ’98, al primo anno tra i professionisti, non ha fallito l’approccio in serie C. Dopo circa un terzo dall’inizio della stagione regolare, il granata è costantemente tra i giocatori più positivi nella sua Reggina. Un dato tutt’altro che trascurabile per il Torino che, nonostante la grande quantità di estremi difensori sotto contratto allo stato attuale, non ha intenzione di perdere di vista i suoi talenti più cristallini.

Dopo essere stato lo scorso anno tra i giocatori più positivi nella Primavera di mister Coppitelli, quest’anno Cucchietti ha deciso di fare un passo avanti. La titolarità al primo anno tra i professionisti non era affatto scontata, e lo era ancora meno una serie di ottime prestazioni come quelle messe in campo dal ragazzo da inizio anno a questa parte. Con il prestito in terra calabra in scadenza nel giugno 2018 però, il Torino dovrà analizzare con grande attenzione la situazione contrattuale del ragazzo. L’attuale accordo tra il portiere e la società di via Arcivescovado infatti scade nel 2019. Una data pericolosamente vicina, che il Torino – nei prossimi mesi o a partire dall’estate futura – potrà e dovrà pensare di modificare.

Se si analizzano le prestazioni dei giovani giocatori granata in prestito in giro per l’Italia, infatti, Cucchietti è senza dubbio tra i più positivi. È vero, la sua Reggina è soltanto al 9° posto in classifica, ma la squadra calabra deve parte dei suoi successi all’estremo difensore del Torino: sempre molto attento e preciso. A parlare è stato il campo: Cucchietti merita la fiducia della società; e un rinnovo contrattuale potrebbe essere il giusto premio.

0 commenti

Commenta per primo!

Recupera Password

accettazione privacy