Raffaele Auriemma: “Mazzarri è l’uomo giusto per il Toro. Lo copiò persino Guardiola”

Raffaele Auriemma: “Mazzarri è l’uomo giusto per il Toro. Lo copiò persino Guardiola”

Esclusiva / Il giornalista partenopeo sul ritorno in A dell’ex tecnico del Napoli di Cavani: “Ingiuste le critiche nei suoi confronti, vale Sarri e Allegri”

di Marco Parella

A Napoli prima al seguito di Ulivieri, undici anni più tardi invece per aprire un ciclo, anzi, IL ciclo che ha di fatto riportato stabilmente i partenopei nel gotha del calcio italiano e continentale. Sotto il Vesuvio, Walter Mazzarri è rimasto nel cuore di molti, uno in particolare: Raffaele Auriemma, nota e apprezzata voce dal cuore azzurro.

Buongiorno Raffaele. Partiamo dall’evento scatenante, il derby di Coppa Italia. Che partita ti è sembrata?
Mi limito a dire che la Juve ha confermato di essere la squadra più forte del campionato e il Toro di poter fare di più, ma di non riuscirci. Ho visto una squadra senz’anima, smarrita che poi ha avuto una reazione furente dopo l’episodio del Var. Mancava equilibrio nella conduzione della gara e sotto questo aspetto Mazzarri è un maestro.

Addio Mihajlovic, benvenuto Mazzarri. Per caratteristiche, sue e del Toro, è un matrimonio azzeccato?
Credo che Cairo abbia fatto la scelta migliore possibile, perché, senza nulla togliere a Mihajlovic, credo che in questa situazione uno come Mazzarri possa far crescere la squadra più di quanto fatto finora. Troppi pareggi per i granata, che hanno giocatori in grado di portarti all’Europa League. Mazzarri è l’uomo giusto, è uno degli allenatori italiani top al pari di Conte, Sarri, Gasperini e Allegri.

LONDON, ENGLAND – JANUARY 29: Walter Mazzarri, Manager of Watford looks on during The Emirates FA Cup Fourth Round match between Millwall and Watford at The Den on January 29, 2017 in London, England. (Photo by Julian Finney/Getty Images)

Che ricordo hai di lui a Napoli?
Al momento, il suo è ancora il miglior rendimento di un tecnico al Napoli, superiore anche a quello di Sarri. E con giocatori di tutt’altro livello. Non dimentichiamo che il Napoli tenne in scacco per 100 minuti il Chelsea, futuro vincitore di quella Champions League, con Aronica a marcare Drogba. Significa accettare un rischio enorme, ma anche far rendere al massimo i propri giocatori perché quella sera Aronica sembrava Piqué. Con Mazzarri le partite te le giochi fino all’ultimo secondo e spesso riesci anche a ribaltare dei risultati già scritti. Non vedrete più tutti quei pareggi…

Che effetto ti aspetti possa portare il nuovo mister a Belotti e compagni?
Mazzarri deve aprire un ciclo al Torino, non è di passaggio. Storicamente, poi, quando subentra fa bene. Al Napoli arrivò a metà ottobre quando eravamo sest’ultimi e inanellò subito quindici risultati positivi. Lui è uno che urla tanto in panchina, dà la carica negli spogliatoi, si fa sentire, ma al contempo schiera sempre squadre ragionate e modellate sull’avversario. State certi che contro la Juve lui non se la giocherebbe mai come ha fatto Mihajlovic. Metterebbe (e metterà) in campo un Torino molto più energico, attivo, una formazione più umile, ma nel senso positivo. Il cardine della sua filosofia è che non si parte mai battuti. Umili, con rispetto dell’avversario, ma sapendo di poterlo battere.

Guardando alla sua storia, ci dobbiamo aspettare una difesa a tre?
Una delle qualità migliori di Mazzarri è di saper cambiare a partita in corso. A Napoli spesso iniziava con il 3-4-1-2 o il 3-5-2 e, se aveva necessità di maggior peso davanti, finiva le partite con un 4-3-3. Detto ciò la difesa a tre fa parte del suo dna, ma non fatevi ingannare. Il suo 3-5-2 non è per nulla un modulo remissivo, anzi. D’altronde è stato lui a insegnarlo a Guardiola…

Prego?
Durante il trofeo “Gamper” del 2011 tra Barça e Napoli, Pep Guardiola, allora tecnico dei blaugrana, si soffermò a lungo con Mazzarri per chiedergli della difesa a tre, soluzione che poi adottò. Ancora oggi al City spessa schiera i tre centrali.

MANCHESTER, ENGLAND – DECEMBER 14: Josep Guardiola, Manager of Manchester City and Walter Mazzarri, Manager of Watford greet prior to the Premier League match between Manchester City and Watford at Etihad Stadium on December 14, 2016 in Manchester, England. (Photo by Clive Brunskill/Getty Images)

Al di là dell’aspetto tecnico, sembra che tu sia felice umanamente del suo ritorno in Serie A.
Sono contento che sia rientrato in Italia dalla porta principale e in una società storica e blasonata, perché Walter merita molto di più delle offese e battutine che ha ricevuto. Dalla storia della pioggia come scusa alla fama di essere uno che si piange addosso. Questa è un’etichetta che gli hanno cucito addosso ai tempi dell’Inter perché a Milano qualcuno voleva cacciarlo e prendere Mancini. Diciamo che deve solo gestire meglio la comunicazione, perché esternamente appare peggio di quello che in realtà è. Altri suoi colleghi, meno bravi di lui, si sanno vendere meglio. Spero che a Torino abbia modo di lavorare, perché sarà il campo a dimostrare quanto vale Mazzarri. Può essere l’occasione giusta per rilanciarsi anche per una big in grado di fargli vincere qualche trofeo importante.

7 Commenta qui
  1. janlucas197_866 - 10 mesi fa

    Adem tornerà a fare il trequartista e giocheremo con 2 attaccanti, unico problema Iago che dovrà giocare fuori ruolo, o seconda punta o interno di centrocampo, difficile che giochi esterno in un 352 o 3412.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mazede70 - 9 mesi fa

      penso e spero che giocheranno i migliori, i più meritevoli, il che non può essere un problema !!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. torinodasognare - 10 mesi fa

    Io ci credo molto poco, ma sperare non costa nulla.
    Mi basterebbe che alle parole seguissero i fatti, e di parole Mazzarri ne ha sempre fatte tante… quando arriverà un allenatore equilibrato, anche psicologicamente, allora sarò contento davvero.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. lanfrabjork - 10 mesi fa

      non mi entusiasma umanamente… ma credo che i risultati di Mazzarri siano più fatti che parole statistiche alla mano……e noi abbiamo bisogno di un allenatore e non di un capopopolo……

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. prawn - 10 mesi fa

        E’ scarso nella comunicazione, chissenegfrega, se i risultati in campo tornano e se torna il Toro va bene tutto.

        Ripeto, se torna quello di Napoli goderemo.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. r.ponzon_497 - 9 mesi fa

          Ooooooh finalmente un commento positivo !
          Bravo !

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. luna - 10 mesi fa

    Qualcosa mi dice che abbiamo l’allenatore giusto, grinta da vendere, razionalità e malleabilità tattica, insomma allenatore oltre che motivatore.
    Credo che ogni esperienza serva a farci crescere, anche se per alcuni aspetti può presentare dei lati negativi. Sono sicuro che l’esperienza con Mihajlovic servirà sia ai ragazzi che a Mazzarri.
    FORZA TORO.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy