Le Loro storie, Sergiu Suciu: “Forse non l’avevate capito, ma io tifo Toro”

Le Loro storie, Sergiu Suciu: “Forse non l’avevate capito, ma io tifo Toro”

Esclusiva / L’ex centrocampista granata (e del Crotone) torna sulla sua carriera: “Ogni anno volevo convincere il Torino a puntare su di me. Ora cerco la mia strada”

di Marco Parella

Un nuovo modo di raccontare il calcio: quello dei protagonisti. Calciatori, allenatori, dirigenti. Sempre sotto la luce dei riflettori, ma mai veramente compresi o comprensibili. Noi li vogliamo avvicinare ai tifosi e ribaltare il meccanismo delle interviste. Non saremo noi a chiedere, saranno loro a raccontarci un aspetto del mondo in cui vivono. Un tema libero, potremmo dire. Sono i protagonisti stessi della nostra passione a condividere con noi “Le Loro storie”. Senza filtri, senza meta.

A ogni giugno ecco spuntare il suo nome: “Suciu torna dal prestito, può essere l’anno del riscatto”. E invece al Toro quel ragazzo rumeno messosi in mostra al Viareggio 2009 non ha avuto fortuna. Legamenti rotti una, due volte, tanti acciacchi al momento di spiccare il volo e allora via in prestito a cercare se stesso. E a ogni giugno il ritorno alla base granata. “È tornato Suciu, quest’anno chissà a chi lo rifiliamo”. Ecco, sappiatelo, quel ragazzo è cresciuto con un solo sogno: giocare per il Toro. Anche se adesso sta provando la strada per raggiungere la sua meta.

Prima ancora del ritiro già sapevo se c’era la possibilità di rimanere o avrei dovuto prendere un altro volo per andare in prestito a qualche squadra di B o Lega Pro. In quasi dieci anni da professionista (escludendo le giovanili) solo due volte sono potuto partire con il Toro per il ritiro estivo, tutte le altre conoscevo già il mio destino: andare altrove a cercare fortuna. Ho dovuto girare tanto nella mia carriera, sei squadre in otto anni, mezza Italia alla ricerca non tanto di un posto da titolare, ma di condizione fisica. Dovevo giocare per togliermi la paura dei contrasti che i tanti infortuni mi avevano fatto venire.
Però ogni volta che lasciavo le sponde del Po per un prestito, pensavo soltanto a fare bene per convincere il Torino a tenermi l’anno successivo.

Sergiu Suciu, passa in prestito al Lecce

Sono arrivato in Italia a 13 anni con i miei genitori, trasferitisi per lavoro. Giocavo a calcio già in Romania, così mio padre è riuscito a combinare un incontro con Comi, allora responsabile del settore giovanile del Toro. Mi hanno invitato a uno stage a Dronero, il giorno dopo Comi mi ha comunicato che avrei fatto parte del vivaio granata. Le cose non furono così immediate, in realtà, perché ero ancora tesserato con una società romena e non avevo i documenti a posto. Il mio primo presidente, dunque, fu Cimminelli, ma ero piccolo, non ci siamo mai parlati, non ricordo nemmeno che tono di voce avesse. Per me il presidente del Toro è Cairo, con cui ho instaurato e conservo un ottimo rapporto e che si è sempre preoccupato per me, per farmi curare nel migliore dei modi dopo gli infortuni. Ha riportato il Toro a lottare per le coppe ed è uno che di calcio ne capisce. Tutte le volte che ci ha parlato negli spogliatoi ha sempre trasmesso molta carica.

Ho vissuto il meglio e il peggio del Toro. Ero in campo come raccattapalle la sera di Torino-Mantova, ma ho vissuto anche il fallimento. Tanti ragazzi andarono all’Inter o alla Juve, io avevo tante possibilità, ma sono rimasto perché non ho mai sognato di vestire la maglia del Real Madrid o del Barcellona. La mia squadra preferita al mondo era il Torino, gli Invincibili erano i più forti di tutti, per cui il mio unico sogno era quello di indossare la maglia che fu loro. Comi fu molto onesto con noi in quel periodo e per un mesetto fu dura perché mancava tutto, poi, pian piano, iniziò la ricostruzione del vivaio.

Dalle giovanili sono uscito uomo perché quella maglia pesa, ti responsabilizza fin da piccolo. L’avete mai indossata? Metterla da giocatore è una sensazione unica e chiunque abbia questa possibilità non se la scorda più. Ho esordito a 19 anni in un Roma-Torino e, dopo tutta la gavetta, avevo in testa soltanto di rimanere in granata per molti anni. Soltanto altre due volte ho potuto partire in ritiro con la squadra a inizio stagione, ma gli infortuni sono sempre arrivati nell’esatto momento in cui iniziavo a carburare. Una sfortuna quasi scientifica. Non mi voglio lamentare, ho sempre cercato di vivere le cose in maniera positiva, fosse una convalescenza di 9-10 mesi o l’ennesima cessione in prestito. Ho dovuto fare in modo che ogni stazione della mia vita diventasse un’opportunità, affrontando le cose con il sorriso, non da incazzato.

FROSINONE, ITALY – MAY 16: Massimiliano Carlini of Frosinone and Sergio Suciu of Crotone in action during the Serie B match between Frosinone Cacio and FC Crotone at Stadio Matusa on May 16, 2015 in Frosinone, Italy. (Photo by Giuseppe Bellini/Getty Images)

Nell’estate del 2016 ho capito che dovevo staccarmi dal Toro una volta per tutte. Dopo essere passato per Legnano, Gubbio, Juve Stabia, Crotone, Lecce e Cremonese, mi sono ritrovato a 26 anni senza nessuna società di B che puntasse su di me. Le uniche offerte che avevo erano in Lega Pro, per cui ho capito che non era più realistico pensare di rimanere col Torino in Serie A. Dovevo ripartire da una società con un progetto importante e delle ambizioni: è arrivato il Pordenone, club serio con un centro sportivo all’avanguardia che permette di lavorare bene, aspetto importante per uno come me che deve curare molto il fisico. Mi sono messo in mostra e ho attirato l’attenzione del Venezia. Perché è vero che il mio sogno è di giocare nel Toro, però ci sono anche altre strade per arrivare dove uno sogna. Il calcio per me è divertimento e non posso aspettare ancora. Adesso sono parte di una squadra dove posso fare bene e con un progetto a lungo termine. Questo è un treno che non voglio perdere.

Inzaghi è uno che farà strada come allenatore, perché ha una fame incredibile. Un altro molto sottovalutato, ma tatticamente preparatissimo è Bruno Tedino. E poi, anche se non piacerà a molti, Giampiero Ventura. È un professore, ti insegna davvero a giocare a pallone. Mi dispiace per la Nazionale, ma lui tatticamente è straordinario.

REGGIO CALABRIA, ITALY – SEPTEMBER 08: Sergiu Suciu of Juve Stabia scores the opening goal during the Serie B match between Reggina Calcio and SS Juve Stabia at Stadio Oreste Granillo on September 8, 2013 in Reggio Calabria, Italy. (Photo by Maurizio Lagana/Getty Images)

Il mio bilancio di tredici anni al Toro è in positivo. Sono contento anche degli infortuni, perché, alla fine, sono ancora qui a giocare, sono giovanissimo (appena 27 anni) e se uno ci crede sul serio, nella vita può arrivare ovunque. Al Toro ho passato gli anni più belli della mia vita e ho legato con tanti ragazzi splendidi. I fratelli Gomis sono diventati una famiglia, al di là del calcio, ma come faccio a non parlare di Rolly. Per quelli come me che arrivavano dalla Primavera, lui era un modello, l’esempio da seguire: sempre a tirare il gruppo, aveva una parola buona per tutti, il giusto mix tra qualità tecniche e umane.
E anche se non l’ho mai pubblicizzato sui giornali, penso si sia capito che non mi vergogno affatto a dirlo: io tifo Toro.

PRECEDENTI PUNTATE

LEGGI: Le Loro storie, Luca Mezzano: “Tanto, al massimo perdi”

LEGGI: Le Loro storie, Giovanni Margaro: “Perchè noi del Toro siamo diversi da quelli là? Troppo facile”

LEGGI: Le Loro storie, Salvatore Masiello: “Ma quale cocco di Ventura?!

LEGGI: Le Loro storie, Andrea Gasbarroni: “Se non dribbli, cosa giochi a fare?”

LEGGI: Le Loro storie, Alessandro Pellicori: “Ignorante sì, disonesto no. Io sono innocente”

LEGGI: Le Loro storie, Gianluca Sansone: “Lui”

LEGGI: Le Loro storie, Roberto Stellone: “Il lunedì non riuscivo ad alzarmi dal letto, ma il sorriso non l’ho perso

LEGGI: Le Loro storie, Lys Gomis: “Ho fatto pace col cervello, ora sono libero di tifare Toro”

LEGGI: Le Loro storie, Omar El Kaddouri: “Mi prenderei volentieri un giallo per zittire i razzisti”

LEGGI: Le Loro storie, Alessandro Gazzi: “Da giovane non parlavo. Il calcio per ritrovare la gioia di un bambino”

LEGGI: Le Loro storie, Simone Tiribocchi: “Per il bene di mio figlio, non dovrei farlo giocare a calcio”

LEGGI: Le Loro storie, Andrea Mantovani: “Non sono riuscito a essere la bandiera del mio Toro”

LEGGI: Le Loro storie, Benoit Cauet: “Le corse per strappare un applauso io non le facevo”

LEGGI: Le Loro storie, Robert Acquafresca: “Dalle umiliazioni al sorriso, la mia disillusione”

LEGGI: Le Loro storie, Enrico Fantini: “Belotti non ha bisogno di Facebook per essere capitano”

LEGGI: Le Loro storie, Cesare Bovo: “Mi dicevano sempre rotto, io mi sentivo in colpa”

LEGGI: Le Loro storie, Andrea Fabbrini: “Per trovare talenti non basta YouTube”

LEGGI: Le Loro Storie, Alessandro Sgrigna: “Dietro al calciatore c’è l’uomo, rispettatelo”

LEGGI: Le Loro storie, Amauri: “Quegli sporchi minuti di recupero”

8 Commenta qui
  1. lucerina69 - 6 mesi fa

    mi è sempre piaciuto e ho sempre fatto il tifo per lui come per tutti i ragazzi della primavera…xchè se uno della primavera sfonda e come se lo facesse uno dei ns figli..sarò romantico,sarà l’età ma io il toro lo vedo in questo modo…e caro siciu tieni duro nn si può mai sapere..fai bene a venezia e forse il tuo sogno potrebbe diventare realtà

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. ninjiagranata - 6 mesi fa

    Mi ricordo il gol che fece con i ciclisti era un buon centrocampista in bocca al lupo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Torello37 - 6 mesi fa

    Per me il presidente del Toro è Cairo, con cui ho instaurato e conservo un ottimo rapporto e che si è sempre preoccupato per me, per farmi curare nel migliore dei modi dopo gli infortuni. Ha riportato il Toro a lottare per le coppe ed è uno che di calcio ne capisce. Tutte le volte che ci ha parlato negli spogliatoi ha sempre trasmesso molta carica

    E uno che capisce di calcio???? mahhhh!!!!
    Ha riportato il toro a lottare per le coppe????? ma quando?????
    Ha trasmesso molta carica???? posso sapere in quali partite????
    insomma……………. mi sembra un intervista un po guidata………….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. BACIGALUPO1967 - 6 mesi fa

      Se uno esprime il proprio pensiero che non collima con il tuo….per forza di cose l’intervista è guidata…
      Rispetta le idee altrui.
      E oltre a scrivere male del TORO prova per una volta a scrivere juve merda!!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. piero - 6 mesi fa

        questa gente lo fa apposta @bacigalupo

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. piero - 6 mesi fa

        @bacigalupo questa gente ci prende per il culo e basta

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. WGranata76 - 6 mesi fa

    Suciu mi è sempre piaciuto, aldilà di questa intervista, ha sempre inseguito il Toro e anche quando la sfiga lo perseguitava e si alzava l’asticella oltre le sue possibilità ci ha provato.
    Peccato per la fragilità fisica perchè aveva del potenziale davvero buono.
    Buona fortuna Sergiu, ai noroc!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. robertopierobo_206 - 6 mesi fa

    In bocca al lupo per tutto!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy