Beppe Dossena: “Ljajic può giocare in tutti i ruoli, ma lui cosa vuole fare?”

Beppe Dossena: “Ljajic può giocare in tutti i ruoli, ma lui cosa vuole fare?”

Esclusiva / Il doppio ex di Torino e Sampdoria sul pareggio di Marassi e il futuro: “Con Mazzarri più attenzione, Europa alla portata”

di Marco Parella

“Beppe” per tutti, Dossena ha dato tanto sia in maglia granata che con quella blucerchiata. Naturale quindi che presti un occhio di riguardo per le sue due ex squadre e in particolare la partita appena giocata e terminata in parità.

Buongiorno Dossena, un segno X che però ha detto molto delle due formazioni in campo.
Sì, è stata una gara giocata a viso aperto, con buona qualità e ritmo e di sicuro chi è andato allo stadio non si è annoiato.

Forse quel punticino rincuora più un Torino in ripresa che una Samp che voleva continuare il suo campionato sorprendente?
Il risultato è tutto sommato giusto. Diciamo che il Torino con il cambio allenatore ha più consistenza e i risultati stanno arrivando. Era una squadra equilibrata già prima, ma ora c’è più attenzione nei singoli e nel gruppo.

A proposito di singoli, Andrea Belotti è sempre più vicino alla miglior condizione. E si vede…
Mi è piaciuto. È chiaro che ha bisogno di giocare perché i granata devono recuperarlo assolutamente. Sarà importante vederlo sempre in campo con questo spirito e che si alleni al meglio.

Con il ritorno da titolare del Gallo i posti nel reparto offensivo si riducono: Iago Falque è intoccabile, Niang ha smesso di far mugugnare. Non c’è più spazio per Ljajic?
Ljajic è uno che potrebbe giocare da qualsiasi parte, in qualsiasi ruolo dell’attacco e con qualsiasi  schema. Bisognerebbe però chiedere a lui cosa vuol fare, perché dove sistemarlo in campo non è un problema. Se lui è al top il problema ce l’hanno gli avversari, non il Torino. Però se adesso non è in condizione a livello mentale, diventa difficile trovargli una posizione.

Prime impressioni sul lavoro di Mazzarri?
Ha un’esperienza tale da essere una vera garanzia. La società ha scelto bene, porterà il suo contributo di mentalità e caratteristiche di gioco. Mazzarri è un allenatore di spessore, conosce bene il campionato. Un buon acquisto sotto tutti i punti di vista.

Si torna a sperare nell’Europa, allora?
L’obiettivo dell’Europa League non è mai stato utopistico. Il Toro, nonostante tutto, è sempre rimasto lì in zona per cui le possibilità ci sono, soprattutto considerando il fatto che la qualità dell’attacco granata può garantire una serie di risultati positivi. Le pretendenti sono tante, ma nessuna si sta staccando, per cui bisognerà solo aspettare.

8 Commenta qui
  1. Sempregranata - 5 mesi fa

    Ha proprio ragione:cosa vuole fare da grande? Per il momento le squadre in cui ha giocato non l’hanno ancora capito.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. steacs - 5 mesi fa

      Stará aspettando che suo padre Sinisa trovi una squadra e lo porti con se.

      Bambino viziato: quando sceglie l’auto nuova da comprarsi la testa ce l’ha e per fare il lavoro per cui si puo’ permettere tali vizi che la voglia gli viene meno!
      Iniziamo a dare multe economiche a certi personaggi e magari si rimettono al servizio di chi li paga.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ribaldo - 5 mesi fa

        iniziamo chi? io e te? Credi che si possano dare multe per scarso rendimento?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. steacs - 5 mesi fa

          In qualsiasi lavoro se non fai quello per cui sei pagato sei soggetto a richiami e sanzioni, anche nel calcio, anzi ancora di piú perché se fai qualcosa fuori dal campo e danneggi indirettamente la societá (una bravata ad es) essendo un personaggio pubblico puoi essere multato/sanzionato dalla societá che detiene il tuo cartellino.

          Cosa c’è di strano scusa?
          Lo fanno in tutte le societá serie di qualsiasi campionato.

          Credo lo stiano facendo a Roma a Bruno Peres in queste ore e lui ha fatto casini fuori.

          Per cui se lui fa lo “svogliato” o si comporta male in allenamento (visti i precedenti non mi stupirebbe) il Toro puo’ sanzionarlo, è un suo diritto.
          E visto che Mazzarri non mi sembra sia arrivato e abbia fatto subito figli A contro B (altrimenti i pupilli di Miha stavano tutti fuori in blocco), evidentemente, se non vede il campo, qualcosa che non sappiamo la sta facendo.

          Poi ovviamente sono supposizioni, ne io ne te ne altri qua sappiamo che si dicono in allenamento e tra di loro.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. Golfo - 5 mesi fa

          olè, un basso rendimento si risolve con una bella multa, mica è necessario parlare per trovare una soluzione o invogliare per esempio

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. sysma_558 - 5 mesi fa

      Aveva ragione Delio Rossi a prenderlo a sganassoni, purtroppo lo hanno fermato perchè un bel po di calci in culo se li meriterebbe.
      Caratterialmente è proprio incapace di comportarsi come un professionista serio, non si rende conto di essere un “baciato dalla fortuna”, che spreco la sua classe calcistica in una testa vuota…….anzi no…..piena di segatura.
      FVCG

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. r.ponzon_754 - 5 mesi fa

        avete tutti la memoria corta…Ljajic finchè ha giocato è risultato sempre determinante.
        Ovvio che adesso che sta fuori non sia contento e mugugni; e meno male che si comporta così, altrimenti vorrebbe dire che non gliene frega nulla !

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. sysma_558 - 5 mesi fa

          E’ un discontinuo ed incostante ogni anno gioca fino a novembre e poi arrivederci alla stagione successiva.
          Un giocatore determinante per il 20% della stagione!
          FVCG

          Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy