Torino, ecco il mercato dei giovani: tra certezze e scommesse estere

Torino, ecco il mercato dei giovani: tra certezze e scommesse estere

Giovanili / Il Torino puntella il suo settore giovanile: il mercato territoriale rimane la priorità, ma le novità estere non mancano

di Nicolò Muggianu

Dal 2003 Barbieri, fino ai colpi stranieri Filinski e Lewis, il Torino prova ad aggiungere innesti di qualità al suo settore giovanile. La dirigenza granata, si è accorta che è giunto il momento di fare un vero e proprio cambio generazionale e puntare con forza su i ragazzi nati nel nuovo millennio. I cosiddetti “millennials” infatti sono al centro delle attenzioni di tutti, e ogni squadra di serie A cerca di accaparrarsi i più promettenti.

Il Torino, con il ds Bava, si è mosso piuttosto bene e per tempo. Oltre ai giocatori citati precedentemente infatti, sono arrivati  fin ora diversi profili interessanti. Dall’attaccante classe 2003 Barbieri, al 2001 Savino – provenienti rispettivamente da Renate e Cuneo – fino all’esterno basso Enrici (2001), il Torino ha fatto ancora una volta del mercato territoriale il suo punto di forza.
Ad impreziosire questi colpi ecco arrivarne altri, tutti Under 17: il centrocampista classe 2001 Bruno è arrivato dal Pedona e l’attaccante Girotto (2002) strappato in extremis al Chievo ma proveniente dall’Aygreville .

Proprio quest’ultimo è stato forse il fiore all’occhiello degli ultimi innesti. Un campionato, lo scorso, fatto di tante ottime prestazioni e una doppia cifra in termini di gol raggiunta con largo anticipo. Velocità, gran fisico e senso del gol: queste le doti del ragazzo, che si è messo in evidenza agli occhi di tanti addetti ai lavori. Se la situazione portieri aveva fatto da antipasto a questo discorso, ecco che per il resto dei ruoli il principio non cambia: il calcio piemontese rimane il primo luogo da cui il Torino accinge per trovare talenti. È vero, quest’anno è stata piazzata qualche scommessa estera in più (Filinski, Lewis, Agapios su tutti), l’input principale però rimane ancora una volta il mercato territoriale.

1 Commenta qui
  1. al_aksa_459 - 1 anno fa

    “Territoriale” cosa vuol dire? Torino, Piemonte, norditalia?
    Sono anni che Bava pesca (spesso a gratis) anche in Puglia, Campania e Lazio e pure quest’anno si fa finta che questo non sia vero.
    A chi la volete raccontare? Si fa un mercato tanto al chilo e infatti siamo tra le sole tre società di A che fanno la Berretti, pur di far giocare il doppio dei giocatori in età da primavera.
    Si punti su chi esce dai giovanissimi invece di andare a prendere i Luise e i Friedenlieb.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy