Primavera, Roma-Torino emblema di un periodo sfortunato: ma il gol manca eccome

Primavera, Roma-Torino emblema di un periodo sfortunato: ma il gol manca eccome

Giovanili / I granata di Coppitelli impattano in uno stop davvero ingeneroso, dopo quello nel derby della Mole: ma è sorto un problema offensivo

di Federico Bosio,

Era bastato un singolo episodio – arrivato proprio nei minuti conclusivi – per permettere a Jakupovic di segnare e rompere l’equilibrio nel derby della Mole Primavera lo scorso fine settimana, regalando il successo alla Juventus; ed un singolo ed isolato episodio è stato parimenti sufficiente ieri pomeriggio alla Roma per sbloccarla dopo appena ‘9. La rete di Celar regala ai giallorossi tre punti pesanti al termine di una sfida che può essere catalogata come vero e proprio emblema del recente periodo granata, con la sfortuna grande protagonista. Secondo k.o. consecutivo per il Torino, che al Tre Fontane manovra bene, macina gioco e tiene a più riprese il pallino dell’incontro: davvero incredibile non essere riusciti nemmeno a pareggiare, come sottolineato dal tecnico Coppitelli – allontanato – al termine dell’incontro.

Il momento è, a questo punto, chiaramente delicato: le sconfitte contro bianconeri e capitolini hanno allontanato la Primavera granata dalle posizioni di prestigio ‘relegandola’ al nono posto. Risultati che rischiano però, tutto sommato, di minare più che altro il morale: la zona play-off – il cui limite è rappresentato dalla sesta piazza – dista infatti ad oggi solamente due punti e dunque la possibilità di raggiungerla è ancora estremamente viva. Servirà, però, una svolta. Le ultime uscite hanno infatti aperto una evidente questione relativa al reparto offensivo, che in questo momento ha le polveri bagnate: negli ultimi cinque incontri di campionato sono infatti solamente due le reti realizzate su azione, contro il Verona (vittoria per 2-1), entrambe firmate da Rauti. Tabellino dei marcatori spoglio invece contro Atalanta, Roma e Juventus, mentre con il Sassuolo la doppietta di Millico era arrivata su calcio di rigore.

LEGGI: Primavera, Roma-Torino 1-0, Coppitelli: “Risultato incredibile, c’è rabbia

Impossibile negare che sul calo offensivo abbia inciso la recente flessione di Karlo Butic, capocannoniere e trascinatore granata per tutto il girone d’andata. D’altra parte, è indubbio anche che i contemporanei infortuni di un De Angelis ormai lungodegente e Millico – “ho giocato il derby con il menisco rotto” la rivelazione sui social – hanno un peso specifico evidente, essendo le due pedine forse le più tecniche a disposizione di Coppitelli. La testa del Torino Primavera deve adesso obbligatoriamente andare al prossimo incontro, quello in programma la prossima settimana al Filadelfia, contro la Fiorentina: per rialzare la testa tutti insieme e continuare a credere nell’obiettivo play-off, dando un calcio alla sfortuna.

4 Commenta qui
  1. Hic Sunt Leones 61 - 7 mesi fa

    test

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Turin2.0 - 7 mesi fa

    A questi balon boys nelle ultime 2 gare non gli si può rimproverare nulla ci hanno messo il cuore e hanno sudato la maglia che nella prima squadra non sanno neanche che vuol dire… A questa squadra sarebbe servito un bomber abbiamo Damascan il giocatore di Tiraspol acquistato a gennaio lo si poteva inserire in primavera x farlo ambientare così da essere pronto x il ritiro estivo con la prima squadra e invece i nostri dirigenti che sono sempre lungimiranti (ovviamente sono sarcastico) lo hanno lasciato allo Sheriff in Moldavia vai così Cairo continua a snaturare la filosofia del Toro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. WGranata76 - 7 mesi fa

    Per me è sinonimo di un allenatore sopravvalutato e poco competente, ma son solo opinioni. FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. bovore - 7 mesi fa

    Sempre forza toro

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy