Berretti, prova di forza: Albinoleffe-Torino 0-2, doppio Virardi

Berretti, prova di forza: Albinoleffe-Torino 0-2, doppio Virardi

Giovanili / I granata si impongono e reagiscono con maturità all’inferiorità numerica. Il commento di Fogli: “Partite che maturano l’esperienza”

Commenta per primo!

I suoi ragazzi non hanno sbagliato l’impegno, e Roberto Fogli può festeggiare: la formazione Berretti del Torino mantiene la prima posizione in classifica ma, più ancora di questo, la nota estremamente positiva è il modo in cui il successo esterno sul campo dall’Albinoleffe (0-2) è maturato. Trascinati da un indiscusso protagonista di giornata Virardi, autore di entrambe le marcature, i granata sono infatti riusciti a conquistare i tre punti e restare primi nel girone dimostrando una buona dose di maturità.

Su un campo ostico infatti il Torino Berretti ha mantenuto la porta inviolata – e la difesa dei piemontesi si conferma la migliore del girone A con 5 sole marcature avversarie incassate – nonostante l’inferiorità numerica a dieci minuti dalla fine per via della doppia ammonizione comminata a Serbouti. Una prova di forza dunque, per un successo che mantiene i granata in vetta e porta un’ulteriore ventata di fiducia.

Dopo la sfida, abbiamo contattato il tecnico granata per chiedergli impressioni ed opinioni in merito:

Un risultato importante, ottenuto su un campo difficile e senza subire gol. Che partita è stata?

“E’ stata una partita tirata, nel senso combattuta. Sapevamo che loro sono una buona squadra e oltretutto abbiamo visto poi che alla fine anche come età erano nettamente più grandi di noi, perchè c’erano 7/11 del ’99 e uno del ’98 e a quest’età un anno di differenza lo si nota e rende tutto più difficile. Però abbiamo fatto una buona partita, soprattutto nel primo tempo, dove abbiamo giocato, creato, segnato due gol e potevamo farne altri due. Nel secondo tempo poi abbiamo gestito fino all’espulsione e in uno in meno loro hanno cercato di recuperare ed abbiamo sofferto il giusto, però ripeto nel complesso un’ottima prestazione. Abbiamo anche preso una traversa nel secondo tempo. I ragazzi hanno fatto una partita giusta rispetto all’avversario che avevamo”

L’espulsione ha quindi reso questo risultato un’ulteriore prova di forza.

“Sì, abbiamo passato in inferiorità numerica gli ultimi dieci minuti più il recupero; loro hanno provato a spingere con cambi più offensivi chiaramente, per provare a recuperare. però noi abbiamo tenuto bene ed anzi abbiamo anche fatto delle ripartenze importanti. Ripeto, è stata una partita in cui c’è stato di tutto: il primo tempo bene dal punto di vista tecnico e nel secondo gestivamo bene e abbiamo dovuto soffrire. Queste sono situazioni per i ragazzi importanti, perchè fanno esperienza”

La prossima settimana ospiterete la Giana Erminio, in concomitanza dello scontro diretto tra Alessandria e Pro Piacenza. Una possibile occasione per raggiungere il primo posto solitario. Come arrivate alla sfida?

“Chiaro che può far piacere, ma non è solo quello: il discorso è più ampio perchè noi dobbiamo fare un percorso di un certo tipo. Come detto la partita di oggi segnali positivi. E’ chiaro che la prossima settimana vogliamo fare bene, ma non tanto per l’Alessandria che ha lo scontro diretto, ma piuttosto per dare continuità a quello che stiamo facendo. Questi ragazzi devono capire che le partite devono affrontarle al massimo ed allenarsi in settimana con prestazioni di livello. Poi chiaro la possibilità di essere primi da soli fa piacere, ma non è tanto quello, cerchiamo invece conferme”

Infine, concentriamoci su Virardi: oggi assoluto protagonista, l’anno scorso era stato mandato in prestito. Un giudizio sul giocatore?

“L’anno scorso era in prestito al Cuneo, ma in ambito giovanile ci sta che negli anni per motivi vari magari un ragazzo possa maturare prima e qualcuno avere qualche difficoltà in più. La società ha deciso di mandarlo a giocare apposta per non perderlo ma tenerlo sotto controllo e nello tesso tempo permettergli di giocare, magari fosse rimasto avrebbe avuto meno spazio. Oggi secondo me ha segnato due gol belli per fattura tecnica, e poi ha fatto un’ottima partita, in certi momenti è stato molto bravo nel tenere palla e prendere il fallo per alleggerire la pressione soprattutto nel secondo tempo. I ragazzi devono capire che a volte le annate non sono una bocciatura ma una possibilità per avere più spazio e maturare, e poi se ci sono i presupposti lo spazio lo trovano, quindi devono avere anche pazienza e mettersi in discussione però sempre pensando che la società fa le valutazioni anche nel loro bene”

0 commenti

Commenta per primo!

Recupera Password

accettazione privacy