Sorrentino ferma ancora il “suo” Torino: dopo Belotti stoppa anche Ljajic

Sorrentino ferma ancora il “suo” Torino: dopo Belotti stoppa anche Ljajic

Il portiere del Chievo è stato più impegnato rispetto a Sirigu che comunque non ha sfigurato ed ha salvato il risultato su un errore di Burdisso

di Marco De Rito,

“Io devo tutto al Torino, se oggi gioco in Serie A lo devo al Toro”. Stefano Sorrentino non ha mai dimenticato Torino ed il suo cuore resterà per sempre legato alla squadra granata (qui le sue parole). Con il Toro ha esordito sia in Serie B che in Serie A ed è sempre stato molto legato all’ambiente. Nonostante il suo attaccamento alla squadra piemontese, si è sempre dimostrato un professionista esemplare e, in particolare negli ultimi due precedenti, contro il Toro è sempre stato decisivo.All’andata negò ad Andrea Belotti la gioia del gol dal rigore. Ieri non si è risparmiato, è stata decisiva la sua parata nel finale sul tiro di Adem Ljajic. Si può dire che ha un po’ ammazzato il suo Toro, levandogli quattro punti in questo campionato.

LEGGI: Torino, Belotti spuntato: il Chievo e il “Bentegodi” si confermano tabù

Nonostante la bella parata di Salvatore Sirigu su Nicolas Burdisso, che stava rischiando un autogol clamoroso, il confronto tra i due portieri si può dire che l’abbia spuntato proprio l’ex della gara, che è stato maggiormente impegnato ma ha risposto sempre presente. Le statistiche parlano chiaro, Sirigu ha compiuto solo una parata, Sorrentino ne ha fatte tre tra cui una decisiva. Non si può dire che il granata abbia sfigurato, anzi ha trasmesso, come di consueto, solidità e sicurezza alla difesa, dimostrandosi un punto fermo in questo Toro.

C’è tempo anche per un po’ di amarcord per il portiere del Chievo. “Sono contento per la vittoria della Coppa Italia, erano tanti anni. Così non mi chiamate più per chiedermi di quella vinta 19 anni fa (ride, ndr)”. In quel Torino Primavera che vinse l’ultima Coppa Italia, prima del trionfo di venerdì della squadra di Federico Coppitelli, c’era, tra gli altri, anche Sorrentino. L’estremo difensore ha giocato in tante squadre nella sua carriera ma i ricordi legati al Toro resteranno per sempre indelebili, come lui stesso ha confermato ieri: “Quando indossi questa maglia ti rimane cucita addosso”.

3 Commenta qui
  1. ddavide69 - 5 mesi fa

    Non vedo l’ora che sia finito questo ennesimo campionato di merda

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. silviot64 - 5 mesi fa

    Anche la Viola ha pareggiato. Siamo proprio dei polli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 5 mesi fa

      Abbiamo la squadra più forte degli ultimi sessanta anni.. Anche caratterialmente

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy