Toro: la giornata no del Gallo, la metamorfosi di Miha e l’exploit di Ljajic

Toro: la giornata no del Gallo, la metamorfosi di Miha e l’exploit di Ljajic

Occhi Sgranata / Bologna-Torino, tra VAR e giudizi sui singoli

di Vincenzo Chiarizia

Il campionato è iniziato e la prima giornata ha mostrato alcuni aspetti sui quali vorrei soffermarmi. Del VAR si è detto e ripetuto in tutte le sedi dell’errore dell’arbitro Massa. Però da nessuna parte ho letto che in realtà il VAR è stato utilizzato parzialmente. Sì perché il gioco non è ripreso con un calcio di punizione a favore del Bologna per il fuorigioco di Belotti, ma è stato scodellato il pallone nell’area del Bologna. Perché? Molto probabilmente perché chi era dietro al monitor deve aver comunicato all’arbitro che il fuorigioco non c’era perché il passaggio a Belotti era stato fatto da Destro, dunque l’interruzione di gioco non era giustificata. Ma allora perché nella palla scodellata, definita anche palla contesa, non è stata data opportunità di giocare la rimessa in gioco del pallone al Toro, il quale era in possesso della sfera? A termini di regolamento il Toro avrebbe avuto il diritto a partecipare alla palla scodellata, ma capisco anche che dal punto di vista etico, qualora i granata avessero segnato da una situazione di palla contesa in area del Bologna, non avrebbe fatto una bella figura. Quel che è certo è che a fare una vera pessima figura è stato l’arbitro Massa.

Parlando dei protagonisti della gara, Andrea Belotti, come ha detto il mister a fine gara, è incappato in una giornata no. Non credo che sia demotivato, anche perché come si fa ad essere demotivati nella stagione del mondiale? Credo piuttosto che non sia al cento per cento dal punto di vista fisico. Lui è un giocatore dalla muscolatura importante e credo abbia bisogno di tempo per entrare in condizione. E’ vero che nella stagione scorsa Belotti nel match del 21 agosto 2016 contro il Milan segnò con un gran colpo di testa e sbagliò anche un rigore, ma è altrettanto vero che se domenica la sua inzuccata su assist di Zappacosta nei primi minuti non fosse uscita di poco dalla porta difesa da Mirante, probabilmente oggi non si parlerebbe in maniera troppo dubbiosa del nostro bomber. Ora però c’è il Monaco a far tremare le gambe ai tifosi del Toro, se le cose dovessero andare come sembra, i monegaschi avranno un bel gruzzolo da investire e potrebbe permettersi a cuor leggero la clausola rescissoria del nostro bomber. A quel punto spetterebbe a lui decidere. Non ci resta che attendere la fine della sessione estiva per mettere un punto a questa telenovela.

Ciò che invece mi ha colpito di più è stato l’atteggiamento del mister durante la partita. Il Torino ha mostrato il fianco nel primo tempo, ha raddrizzato un match che si era messo male e, nella seconda frazione, non è riuscito ad impensierire Mirante al di fuori dell’occasione del fuorigioco inesistente di Belotti, dove non è stato utilizzato il VAR. Nella passata stagione capitava spesso che Mihajlovic, per dare un messaggio alla squadra, inseriva quasi tutte le punte che aveva a disposizione. Non che condividessi quella scelta l’anno scorso, o almeno non sempre, ma a Bologna ha deciso di non cambiare in quel modo e di perseverare con il 4-2-3-1. Forse non ha abbastanza fiducia nei rincalzi (Sadiq, De Luca, Edera, Parigini), ma allora vanno colmate sul mercato le mancanzi. Comunque a mio modo di vedere, visto che il Bologna era così chiuso in difesa, era necessario aprire le maglie rinforzando il centrocampo per dare più spinta sugli esterni: in sostanza sarei passato al 4-3-3 inserendo Rincon (prima che si infortunasse Obi) al posto di Berenguer riportando il Toro all’assetto dello scorso anno. Ciò non avrebbe significato affatto disconoscere i dettami tattici di un mese e mezzo di preparazione, ma avrebbe dato al Toro una chance in più di assistere meglio Belotti che, parole del mister, è stato servito male. Certo, il passaggio al 4-3-3 avrebbe spostato Ljajic sulla sinistra, ma credo che per la condizione che aveva domenica sera, il serbo avrebbe fatto sfracelli anche a sinistra. Infatti ciò che mi fa sgranare gli occhi più di tutto, è vedere il numero dieci granata rincorrere Verdi in copertura nella nostra metà campo. Queste cose il tifoso granata non può non apprezzarle!


Vincenzo Chiarizia, giornalista di fede granata, collabora con diverse testate abruzzesi che trattano il calcio dilettantistico, per le quali scrive e svolge telecronache. Quinto di sei figli maschi (quasi tutti granata), lavora e vive a L’Aquila con una compagna per metà granata.

22 Commenta qui
  1. Wallandbauf - 1 anno fa

    Ma solo io sono rimasto impressionato da come Belotti si rialza per anticipare il portiere e appoggiarla a berenguer? Non mi sembra gesto da giocatore demotivato o fuori forma..nessuno l’ha sottolineato, forse è normale ma l’80% degli attaccanti avrebbe dato quella palla per persa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. sergio_sandr_284 - 1 anno fa

    Per quello di Bologna si può tranquillamente parlare di “Errore Tecnico Arbitrale” confermato anche dallo stesso Rizzoli, per la casistica per l’errore tecnico arbitrale è l’unica situazione in cui è consentito l’invalidamento dell’incontro con conseguente ripetizione della gara ed annullamento dei provvedimenti disciplinari…ma comandano le TV!!!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. sette+1 - 1 anno fa

    In quanto alla “scodellata” (pure io ci sono rimasto male, purtroppo il regolamento corrente dice chiaro che dovevamo “svegliarci” noi perchè… “L’arbitro lascia cadere il pallone a terra nel punto in cui si trovava al momento in cui il gioco è stato interrotto, a meno che il gioco sia stato interrotto all’interno dell’area di porta, nel qual caso l’arbitro effettuerà la propria rimessa sulla linea dell’area di porta parallela alla linea di porta, nel punto più vicino in cui si trovava il pallone quando il gioco è stato interrotto.
    Qualsiasi calciatore può partecipare ad una rimessa da parte dell’arbitro (incluso il portiere). Non esiste un numero minimo o massimo di calciatori che possono contendersi il pallone su una rimessa da parte dell’arbitro. Quest’ultimo non può decidere chi può o non può prendervi parte.
    Il gioco riprende non appena il pallone tocca il terreno di gioco.”
    L’arbitro lascia cadere quindi il pallone dove deve essere ma non è tenuto a chiamare nessuno. Chi c’è, c’è. Sappiamolo per la prossima volta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. piroldo64 - 1 anno fa

      Condivido tutto meno il discorso che dovevamo svegliarci noi, perchè in questo caso ho avuto l’impressione che Massa abbia fatto apposta a non lasciar trapelare le sue intenzioni fino alla fine. E’ stato uno scodellamento molto frettoloso ed eseguito dopo aver dato impressione che si sarebbe battuta una punizione per il fuorigioco, quindi con tutti i giocatori escluso il portiere ben distanti. C’è differenza tra non chiamare nessuno e non dire a nessuno cosa si intende fare, specie dopo aver decretato chiaramente un fuorigioco

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Leojunior - 1 anno fa

    Allora secondo me un attaccante che vale 100 milioni, gioca bene con qualsiasi modulo. Viceversa ne vale 20. Concordo inoltre con il fatto che il silenzio di Belotti vuole dire che in fondo se ne andrebbe volentieri. Ed a questo punto vendiamolo anche a 80, subito, perchè mi sa che l’anno prossimo non ce li danno piu sti soldi. Che Mihalovic non sia un genio ormai è acclarato, assurdo ad esempio che con una difesa che ha preso 66 goal lui ha detto che la colpa era di Ljalic. Comunque questo porta il convent e questo ci teniamo. Dispiace che magari il Gallo se ne vada ora, e non troveremo un degno sostituto. Sarebbe stato meglio venderlo subito e amen. Questa volta non è colpa di Cairo ma appunto di Belotti che non ha volute fare chiarezza. Quindi un paio di fischi se li meriterebbe pure lui.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Wallandbauf - 1 anno fa

      Il Gallo non si fischia

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Leojunior - 1 anno fa

        Abbiamo fischiato Sergio Rossi, Lentini, Leo Junior e tanti altri. Vedi abbiamo sommerso di affetto Belotti, ha firmato un contratto fino al 2021, gli abbiamo dato la fascia di capitano (e secondo me la meriterebbe Moretti)…. due parole potrebbe dirle. Se avesse detto “ragazzi tranquilli io quest’anno non me ne vado a meno che non mi caccino”… ci saremmo risparmiati tutta questa farsa. Quindi visto che Toronews lo leggerà anche lui… che si esprima, come in passato si sono espresso Immobile, Cerci, Glik, Maksimovic e tutti quelli che bene o male si sono presi la responsabilità. Cairo davvero questa volta non ha colpe…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Wallandbauf - 1 anno fa

          Sono del parere che in questa storia nessuno ha reali colpe. Se il Gallo va via è perchè qualcuno copre d’oro lui e il Toro, se rimane sarà cmq motivato dal mondiale e dal fatto che non sembra un giocatore che non ci mette l’anima in quello che fa.
          Inutile dire che se parte arriva Zapata anche fossero gli ultimi 5 minuti di mercato

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. Marino - 1 anno fa

          Non ricordo i fischi a Junior (che rimane popolarissimo qui) per me Rossi con la storia dello “scianchet” e di sostituire Serena con Comi non lo rimpiango
          Belotti è l’unico fuoriclasse che abbiamo da anni, l’unico che abbia portato i bambini a tifare Toro, uno che si è sempre impegnato al massimo, discuterlo mi sembra ingeneroso. La storia puzza e non poco, ma come diceva Dossena, nel mondo del calcio i giocatori sono i migliori… dubito che ci sia lui dietro a sta storia, Cerci insegna: già venduto doveva dichiararlo solo all’ultimo.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. silviot64 - 1 anno fa

    Vai gallo se non sei convinto, vai. Non credo sia un atteggiamento corretto il non rilasciare una dichiarazione in cui dire cosa pensi. Se davvero è tua intenzione restare basterebbero poche parole “io voglio crescere ancora e far crescere ancora la squadra che amo, il Toro. Però esiste un patto tra me e il presidente che qualora qualcuno si presenti con 100 milioni,dovrò a malincuore salutare tutti”. Questo silenzio non mi piace per nulla, sono un po’ deluso. Da chi legge i nomi degli invincibili mi aspetterei più chiarezza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Filadelfia - 1 anno fa

      Parole sacrosante

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Marino - 1 anno fa

      Prima o poi vi dovrete rendere conto che i giocatori se ne vanno da tutte le squadre, pure le top. Strranamente solo da noi vanno via negli ultimi giorni quando non si è più in tempo per comprare nessuno. Strano eh e succede tutti gli anni. Sarà l’aria di Torino, sicuramente.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. axa - 1 anno fa

    Francamente io vedrei meglio una difesa a 3, con gli esterni Zappacosta e Molinaro liberi di spingere, i due attaccanti laterali non servono a niente (meglio solo Iago vicino a Belotti), meglio giocare con un difensore in più e gli esterni dietro (che abbiamo i migliori del campionato…) senza troppi impegni difensivi, tutte le volte che perdiamo palla siamo uno contro uno dietro e rischiamo sempre… abbiamo rischiato di perdere a Bologna da una squadra nettamente inferiore!!!! Riguardo a Parigini che non sia pronto non sono d’accordo, quello che ha fatto Berenguer lo faceva anche lui… comincio a pensare che il nostro tecnico abbia molti limiti…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Héctor Belascoarán - 1 anno fa

      Il nostro tecnico ha certamente molti limiti, il più evidente dei quali è di non essere un allenatore pragmatico. La difesa a 3 non sa cosa sia e non rinuncerebbe mai all’idea dei 3, e più, giocatori offensivi.
      Alla fine, come tutti sappiamo, non tutto il male potrebbe venire per nuocere e soltanto il tempo ci dirà se aveva ragione lui oppure noialtri osservatori.
      Sono d’accordo su quanto visto sino ad ora su Berenguer e il suo accostamento a Parigini ma è chiaro che lo spagnolo sia ancora in quella prima fase di inserimento in una nuova realtà, mentre è altrettanto chiaro che Parigini, che ha indubbie qualità, ha faticato, e molto, a trovare spazio in realtà anche molto meno ambiziose della nostra come Chievo e Bari, qui forse Miha sta guardando più lungo di quanto noi non si riesca a fare.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Filadelfia - 1 anno fa

    Il modulo penalizza il Gallo e lo fa giocare in una posizione NON congeniale. Perchè NON si passa ad un 4-3-1-2 con Zapata e Belotti (Vietto) e Ljiajic dietro le punte, centrocampo a 3 con Rincon Baselli e Obiang ed in difesa davanti a Sirigu Zappacosta Lyanco N’Koulou e Laxalt? Modulo più equilibrato. Ma farlo capire a Sinisa è dura.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marino - 1 anno fa

      Pur non essendo un estimatore di Sinisa, anzi, se ti comprano Rossettini, Carlao, e altri Sinisa e chi per lui dovrebbe inventare un modulo per giocare senza giocatori di calcio.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. umbbobb - 1 anno fa

    vero anche secondo me l’ attacco non ha un alternativa a Belotti necessita quindi almeno una punta e anche qualcosa da fare a centrocampo e difesa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Torello_621 - 1 anno fa

    Oohh, con sta giornata no! Ma pensiamo che debba segnare 2 gol a partita? È stato servito poco, sul cross è comunque stato pronto, sul gol annullato c’era, il modulo non lo favorisce di certo e tutte queste pressioni sono veramente stucchevoli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. stevetoro - 1 anno fa

    nell’intervista lo ha detto….non ha inserito attaccanti perché non aveva alternative…..parigini ed edera non sono ancora pronti x la serie a. praticamente senza belotti siamo senza attacco….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 1 anno fa

      Se non sono pronti x la serie A a che serve averli in rosa/panchina?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Marino - 1 anno fa

        in effetti… il re è nudo.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Sirrobert - 1 anno fa

      BELLA storia….. e perchè l’altranno mise Barreca al posto di Molinaro anche se era giovane?
      Penso che abbia avuto paura di perdere…… a volte succede anche a chi pensa solo all’arrembaggio!
      Caro Miha ti compreremo il meglio del meglio del mercato….. ma penso che avresti ancora da ridire!

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy