Toro, la difesa del futuro è sempre infortunata!

Toro, la difesa del futuro è sempre infortunata!

Il Granata della Porta Accanto / Moretti e Burdisso avrebbero dovuto fare da chiocce a Bonifazi e Lyanco, così come Molinaro a Barreca. È andata diversamente…

di Alessandro Costantino

Gli infortuni sono una delle tante variabili del calcio che possono condizionare una stagione. Ce ne sono di origine traumatica, e su quelli c’è poco da fare, e di origine muscolare, e su questi parzialmente si può intervenire e fare in modo di ridurli il più possibile. Ci sono poi le singole storie mediche dei vari giocatori che spesso ne determinano la propensione o meno ad un certo tipo di infortunio (penso a Giuseppe Rossi e i suoi molteplici interventi alle ginocchia, ma il caso più lampante lo abbiamo noi in casa: Obi).

Quello che però ha dell’incredibile è la sequela di infortuni al limite del grottesco che ha colpito una buona parte dei giocatori del Toro quest’anno, tra l’altro con una curiosa e bizzarra incidenza statistica: sono per la maggior parte giovani e difensori. Quella infatti che dovrebbe essere l’ossatura della futura difesa del Torino (Lyanco, Bonifazi e Barreca) ha passato più tempo in infermeria che su un campo da calcio. Il terzino è stato vittima (e tuttora non è al 100%) di una lunga e fastidiosa pubalgia che lo ha di fatto escluso dalle scelte tecniche per gran parte del campionato. Lyanco ha battuto ogni record infortunandosi ciclicamente ogni volta che sembrava dovesse finalmente esplodere e diventare una pedina fissa dell’undici titolare, confezionando la chicca di un’assenza di un mese per un’operazione di tonsille (ma non le toglievano a 8 anni?!?). Per Bonifazi invece gli stop sono concisi sempre nei periodi in cui era in odore di titolarità, tant’è che ad oggi ha giocato solo una partita in Coppa Italia e zero minuti in campionato.

Ora, parlare di sfortuna può essere un modo semplicistico per togliersi di impaccio, ma al di là delle cause reali (la preparazione ha qualcosa a che vedere? Si è tenuto conto delle criticità fisiche dei giocatori in questione?) resta il problema che Burdisso ha messo insieme più presenze del totale di quelle dei tre ragazzi. Se è vero che questo finale di campionato servirà a Mazzarri ad impostare la prossima stagione, è ragionevole pensare che Barreca, Bonifazi e Lyanco saranno spesso titolari. Sempre che le loro condizioni fisico-atletiche lo consentano…

Non so quale fosse il piano sulla difesa ad inizio stagione, ma presumo che Moretti e Burdisso avrebbero dovuto fare da chiocce a Bonifazi e Lyanco così come Molinaro avrebbe dovuto essere l’alternativa di Barreca. La storia invece, principalmente proprio a causa degli infortuni, ha scritto pagine completamente diverse. I “giovani e forti” si sono rivelati i più fragili, rompendo le uova nel paniere a chi aveva fatto piani differenti. Sarebbe cambiato qualcosa a livello di risultati? Difficile dirlo senza la controprova. Probabilmente no, però giocando con più continuità i tre avrebbero potuto essere testati meglio e considerati potenzialmente più pronti a costituire l’ossatura della difesa del Toro magari già nella prossima stagione. Invece, come spesso accade quando si tratta del Toro, la fortuna è stata cieca, ma la sfiga ci ha visto benissimo!


Da tempo opinionista di tvvarna, do voce al tifoso della porta accanto che c’è in ognuno di noi. Laureato in Economia, scrivere è sempre stata la mia passione anche se non è mai diventato il mio lavoro. Tifoso del Toro fino al midollo, ottimista ad oltranza, nella vita meglio un tackle di un colpo di tacco. Motto: non è finita finchè non è finita.

10 Commenta qui
  1. da sempre Toro - 9 mesi fa

    contro la sfiga non c’é niente da fare! Non si spiega perché i giovani siano così fragili. A parte Barreca che ha la pubalgia, Bonifazi e Lyanco dovrebbero essere messi sotto controllo di un bravo fisiatra che controlli la loro preparazione atletica.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. prawn - 9 mesi fa

    Purtroppo temo che non li vedremo i giovani la dietro quest’anno.
    Tutti e tre, in campionati passati han comunque dimostrato di avere le qualità necessarie.
    Ma ti fidi l’anno prossimo?
    Di gente che ha fatto l’annata in infermeria?
    Sarà dura fare il mercato per la difesa quest’estate, molto dura.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. tric - 9 mesi fa

    Ecco, appunto! Crediamo anche ai menagramo: andiamo a comprare dei cornetti e dei ferri di cavallo invece che un centrocampista sano!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. lightyear - 9 mesi fa

    Con quell’aspetto grigio da menagramo il portasfiga è probabilmente Cairo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. byfolko - 9 mesi fa

      Probabilmente?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Rock y Toro - 9 mesi fa

    ma di under 21 se ne possono portare quanti si voglia per cui di giovani da far rientrare dai prestiti a gennaio ce n’erano, mettendo sempre una clausola nel prestito

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Simone - 9 mesi fa

    Non credo che il motivo x cui i giovani non giochino sia x gli infortuni (a parte barreca x il tipo di infortunio) ma più semplicemente xke non ritenuti all’altezza dei senior. Moretti prima e Burdisso poi hanno dimostrato di saperci ancora fare

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. user-13693815 - 9 mesi fa

    Semplice i rotti costano poco e niente ed è subito affare per cairo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. piroldo64 - 9 mesi fa

      Lyanco si è rotto a Torino ed è costato parecchio, pur essendo un giovane, Bonifazi e Barreca sono prodotti della nostra Primavera. L’unico delicato di questa rosa è Obi, un po’ poco per fare questo tipo di obiezione.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. piero - 9 mesi fa

      che noia davvero, ma è possibile che non si possa più parlare di toro? indipendentemente dall’aver ragione o no state diventando paranoici e taluni anche arroganti, anchio voglio esibire un mio personale striscione a sta gentaglia: “mi avete rotto i coglioni”.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy